Cerca nel sito
Italia tradizioni musei merletto

Dal merletto alla lana, 5 itinerari da scoprire

Tessuti, profumi e accessori moda non si trovano solo nei negozi ma anche nei musei

Merletto tombolo
Courtesy of©onairda/iStock
Merletto tombolo
1. IL MUSEO DEL PROFUMO DI SANT’ELENA SANNITA
In Molise, in provincia di Isernia e nello specifico a Sant’Elena Sannita, si trova il Museo del Profumo, non un semplice polo museale bensì un vero laboratorio del profumo, affiancato da uno speciale orto botanico, che ha fatto la storia del Paese. VAI ALL’ITINERARIO

 
2. IL MUSEO DEL MERLETTO DI BURANO
A Burano presso il Museo del Merletto, inserito nel circuito dei musei civici del comune di Venezia e ospitato negli spazi della sede storica della Scuola dei Merletti, si possono ammirare disegni, documenti e oltre duecento pezzi di grande valore storico che ripercorrono la storia e l'evoluzione delle tecniche di lavorazione del merletto dal ‘500 al ‘900. VAI ALL’ITINERARIO

 
3. IL MUSEO DEL MERLETTO DI ORVIETO
A Orvieto, cittadina umbra sita in provincia di Terni, si scopre la centenaria arte della lavorazione del merletto, capolavoro realizzato all’uncinetto dalle mani di abili merlettaie. Questo patrimonio affascinante lo si trova in mostra al Museo del Merletto, nato con il fine di custodire splendidi pizzi realizzati dal 1904 fino alla fine del XX secolo. VAI ALL’ITINERARIO
 
4. PADOVA, LA PATRIA DELL’OCCHIALE
Gli occhiali sono belli da vedere e utili da indossare. Presso la Galleria Guglielmo Tabacchi, ospitata nella sede della Safilo di Padova, è possibile concedersi un vero e proprio viaggio nel tempo alla scoperta della storia dell’occhialeria. I modelli di punta? Si spazia dalle lorgnette dell’Ottocento all’Optical Art degli anni ’60 per poi proseguire con il modello UFO e tanti altri. VAI ALL’ITINERARIO

Ti piacciono gli occhiali da sole? Ecco i migliori modelli sotto i 50 euro


 
5. IL MUSEO DELL’ARTE DELLA LANA DI STIA
Pura morbidezza quella che si scopre facendo tappa al Museo dell'Arte della Lana di Stia, sito proprio nell’antico complesso del Lanificio locale. Una volta varcata la soglia di ingresso, è possibile ripercorrere la lunga tradizione legata alla lavorazione della lana e, nello specifico, del panno casentino ovvero un capo che fu tanto caro a personaggi illustri del calibro di Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini e Gabriele D'Annunzio. VAI ALL’ITINERARIO
 
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100