Cerca nel sito
Ravenna Emilia Romagna domus sotterranea

L’anima sotterranea di Ravenna, capitale del mosaico

Un percorso ipogeo permette di scoprire aspetti poco noti della città romagnola

Piazza del Popolo
©iStockphoto
Piazza del Popolo a Ravenna
Ravenna è una delle città più ricche d’Italia dal punto di vista archeologico, artistico e culturale. I mausolei, le basiliche, i battisteri, e soprattutto gli incredibili mosaici che le adornano (che le hanno valso l’epiteto di ‘capitale del mosaico’) la rendono un vero e proprio gioiello. Eppure oltre a queste ben note meraviglie, molte delle quali Patrimonio Unesco, c’è un altro aspetto della città romagnola che vale davvero la pena di conoscere, meno noto, eppure non meno affascinante: la Domus dei Tappeti di Pietra, protagonista di quella che possiamo definire la ‘Ravenna sotterranea’.

La domus bizantina sotterranea

La Domus dei Tappeti di Pietra è senz’altro uno dei più importanti siti archeologici scoperti negli ultimi decenni nel nostro paese. Inaugurata nel 2002, si trova all’interno della settecentesca Chiesa di Santa Eufemia, e si tratta di un edificio privato di epoca bizantina, un ampio ambiente pavimentato con mosaici e marmi policromi di inestimabile pregio, datati V-Vi secolo. Sono 14 gli ambienti che compongono la Domus dei Tappeti di Pietra, e si trovano circa a tre metri sotto il livello stradale. Elementi floreali, geometrici e decorativi composti da piccoli tasselli compongono un’opera d’arte straordinaria, e danno vita ad alcune immagini di rara bellezza.

Unica nel suo genere la ‘Danza dei Geni delle Quattro Stagioni’, che raffigura i Geni danzare in cerchio (una rappresentazione rarissima). Nell’immagine ci sono delle figure umane che rappresentano la Primavera, con abito rosso e corona di rose, l’Autunno, vestito di bianco, e l’Inverno, in veste verde. Danzano dandosi la mano, ma purtroppo manca l’Estate. Infine, è presente un musico che suona un flauto. Di particolare interesse anche una figura del ‘Buon Pastore’ che si discosta dalla tipica rappresentazione cristiana. Egli è infatti molto giovane, ha i capelli corti, indossa una tunica azzurra e porta una sorta di foulard arancione, porta calzari ai piedi, porta un bastone con la mano sinistra ed è accompagnato da due cerbiatti, che stanno alla sua sinistra. Alle sue spalle due alberi con due uccelli sui rami.

Per visitare la Domus dei Tappeti di Pietra occorre prenotare una visita guidata: trovate tutte le informazioni a questo link

Cripta della Chiesa di San Francesco

Se si vuole proseguire con la scoperta della Ravenna sotterranea bisogna recarsi presso la Chiesa di San Francesco, dove si può ammirare la splendida cripta mosaicata (in verità si tratta di frammenti di mosaici) che, curiosamente, è sempre sommersa dall’acqua. La si può vedere affacciandosi da una finestrella e, grazie ad una illuminazione ad hoc, l’esperienza è davvero suggestiva. Vi abbiamo dato ulteriori dettagli sulla Chiesa di San Francesco e la sua pittoresca cripta in questo articolo.

Nei dintorni

Dato che vi abbiamo parlato approfonditamente di Ravenna in molti articoli (qui 5 tappe imperdibili, qui la storia del mosaico ravennate, qui i suoi monumenti paleocristiani, mentre qui trovate un itinerario tra le sue piazze storiche), spostiamoci di qualche chilometro per scoprire il territorio ravvenate e cosa ha da offrire. A breve distanza da Ravenna si trova Cervia, che ha le sue buone ragioni per essere famosa, tra cui le pittoresche saline (ve ne abbiamo parlato in questo articolo).

Saline di Cervia

A circa quaranta chilometri dalla città si trova invece Comacchio, che con le sue lagune, i canali e i ponti, possiede uno dei centri storici più peculiari d’Italia, mentre in direzione opposta, spostandosi verso il cuore dell’Emilia Romagna, si trova Brisighella, che con la sua rocca è entrato a far parte del circuito dei borghi più belli d’Italia. Infine, non si può dimenticare che a due passi da Ravenna si trova uno dei parchi di divertimenti più straordinari d’Italia, Mirabilandia. Il grande luna park ha riaperto dopo diversi mesi di chiusura dovuti all’emergenza sanitaria: potete leggere tutte le notizie al riguardo in questo articolo.

Saperne di più su Segreti d'Italia
Correlati per regione Emilia Romagna
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati