Cerca nel sito
HOME  / gusto
Campania Salerno

Nella Piana del Sele per amore della rucola

Nella Piana del Sele la rucola vanta caratteristiche uniche

rucola
©pilipphoto/iStock
Rucola
Se c'è una zona della Campania in cui la terra è prodiga di frutti deliziosi, questa è sicuramente la Piana del Sele, in provincia di Salerno. Basti pensare che con i suoi 6.500 ettari di coltura protetta rappresenta, oggi, uno dei dei più importanti poli produttivi dell'orticoltura italiana, specialmente per quanto riguarda le produzioni di IV gamma (pronti all'uso). E non c'è da meravigliarsene perchè con il suo clima mediterraneo, con scarse escursioni termiche, elevata luminosità diurna e temperature miti, e le caratteristiche favorevoli del territorio, offre le condizioni ideali per lo sviluppo di fiorenti colture in grado di offrire prodotti di qualità. Una di queste è certamente quella della rucola, della quale la Piana del Sele è il principale produttore italiano, con il 73% della produzione nazionale. In questa zona della provincia di Salerno, infatti, la rucola cresce in quantità e sviluppa caratteristiche organolettiche di eccellenza che, non a caso, le hanno consentito di giungere all'ultimo passaggio del percorso che la porterà ad ottenere il riconoscimento europeo della IGP. Il 3 agosto, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale europea la Domanda di Registrazione comprendente il Disciplinare di produzione che, trascorsi tre mesi senza ricevere opposizioni da parte di altri Paesi della UE, consentirà la definitiva approvazione e registrazione della denominazione. Un importante traguardo che porterà la Campania ad annoverare ben 26 prodotti nel registro delle DOP/IGP di cui 15 nel settore dell'ortofrutta.

LEGGI ANCHE: Marrone di Roccadaspide, gusto zuccherino nel Cilento

rucola
 
Una rucola d'eccellenza

Il rapporto della Piana del Sele con la rucola, d'altronde, è davvero antichissimo. Già nelle Opere Mediche della Scuola Medica Salernitana e nelle Particulares Dietae di Costantino l'Africano, medico cartaginese giunto a Salerno nell'XI secolo, si fa menzione della coltivazione della rucola nella zona. Ma è a partire dagli anni '80 dello scorso secolo che gli agricoltori locali intensificarono l'attività di produzione delle insalate e della rucola in particolare, intuendo le potenzialità dello sviluppo del settore dei prodotti di IV gamma al cui mercato la rucola si adatta particolarmente. Con il tempo la rucola ha assunto sempre più i connotati di coltivazione tipica del territorio tanto che con la sua diffusione andò consolidandosi anche la denominazione “Rucola della Piana del Sele” che identificava un prodotto con particolari connotazioni gustative ed olfattive e che divenne protagonista anche di alcuni eventi e manifestazioni locali . I produttori perfezionarono via via le tecniche di produzione sino a specializzarsi nella coltivazione di una rucola che riscosse in breve tempo un notevole successo e che, oggi, è arrivata ad un passo dal potersi fregiare del marchio più ambito nel settore enogastronomico.

rucola

Una terra che rende speciale la rucola

A rendere questa rucola così riconoscibile ed apprezzata sono il suo intenso, specifico aroma speziato e piccante, la consistenza croccante delle foglie e la loro sapidità che potrebbe consentire di evitare l'utilizzo di sale nel condimento. Tali peculiarità sono il frutto delle particolari condizioni pedoclimatiche dell'area di produzione che coinvolge il territorio amministrativo dei comuni di Battipaglia, Bellizzi, Eboli, Pontecagnano - Faiano, Giffoni Valle Piana, Montecorvino Pugliano, Montecorvino Rovella e Capaccio-Paestum, nella provincia di Salerno. Qui, il terreno è costituito da uno spesso strato superficiale di suolo, di natura vulcanico - alluvionale, formatosi
grazie all’azione del Vesuvio ed all’azione alluvionale del fiume Sele e degli altri corsi d’acqua superficiali che si diramano sul territorio. Il suolo, dunque, si arricchisce di importanti micro e macro elementi tra cui potassio, calcio e ferro che intervengono nei processi biologici che assicurano al prodotto le sue tipiche caratteristiche di aroma, consistenza e sapidità. Allo sviluppo di tali caratteristiche contribuiscono in modo sostanziale anche le particolari condizioni climatiche della zona determinate congiuntamente dall’azione termoregolatrice del Mar Tirreno, che ne lambisce la costa occidentale, e da quella svolta dalla catena montuosa degli Alburni, che si eleva a nord-est, che oltre a proteggere il territorio dai venti freddi provenienti dai Balcani, consente anche la raccolta, negli invasi sotterranei naturali, delle piogge provenienti da Ovest che apportano notevoli benefici alle coltivazioni.

LEGGI ANCHE: Cilento: con il mirto la mozzarella è più buona

Un piatto di rucola
 
A dimostrazione della tipicità acquisita nel corso del tempo, ma anche della sua versatilità in cucina, la Rucola della Piana del Sele è diventata uno degli ingredienti principali di alcune gustose ricette locali proposte in rinomati ristoranti ed agriturismi tra cui le “Coroncine di risotto alla Nerano, Rucola della Piana del Sele e fiore di zucca ripieno”, le “Scagliette di pecorino scamosciato con Rucola della Piana del Sele”, i “Fusilli con pesto di rucola della Piana del Sele”, la “Tagliata di vitello, con Rucola della Piana del Sele, scaglie di parmigiano, pomodorini e glassa balsamica”, la “Pizza Rucola, con pomodoro, mozzarella e Rucola della Piana del Sele”. Con la Rucola della Piana del Sele, inoltre, si prepara anche una deliziosa bevanda liquorosa chiamata “Rucoletta” ottenuta mediante l'infusione delle foglie.

Leggi anche:
La Passolara, gusto del Cilento in agriturismo
La buona cucina cilentana all'agriturismo Capocanto
Maracuoccio: il piccolo legume del Cilento
Cilento: la terra che nutre i ceci
Alla scoperta del Cilento

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati