Cerca nel sito
Torino Piemonte Salone Valentino Automobile Fiat

Torino: al via il Salone del Valentino

Da oggi sino a domenica: 35 brand, tra cui 25 case automobilistiche e 10 centri stile e carrozzieri. Con due anteprime mondiali in arrivo...

Parco - Valentino Salone & Gran Premio
Courtesy of ©Parco - Valentino Salone & Gran Premio
Parco - Valentino Salone & Gran Premio
PERCHE' SE NE PARLA Apre oggi a Torino, lungo l'antico tracciato del leggendario Gran Premio del Valentino che si corse dal 1935 al 1955, la prima edizione di Parco - Valentino Salone & Gran Premio: un salone nuovo, all'aperto, ideato e voluto dall'imprenditore torinese Andrea Levy, a cui hanno aderito 35 brand, tra cui 25 case automobilistiche e 10 centri stile e carrozzieri, e dove saranno presentate due anteprime mondiali. L'apertura ai visitatori è alle ore 14 mentre la chiusura alle 24 di domenica 14 giugno; ingresso completamente gratuito. Saranno presenti Abarth, Alfa Romeo, Audi, Bentley, Bmw, Ferrari, Fiat, Jaguar, Jeep, Kia, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Lexus, Lotus, Maserati, McLaren, Mercedes, Porsche, Pagani, Subaru, Suzuki, Tesla, Toyota e Volkswagen. In occasione di Torino Capitale Europea dello Sport 2015 Parco Valentino celebra gli sport automobilistici con un'esposizione dedicata al MotorSport con le auto da corsa di tutti i tempi, pezzi unici in esposizione. E un box speciale sarà dedicato alla Lancia D-50 che nei viali del Parco ha trionfato in diverse edizioni del Gran Premio del Valentino.
 
PERCHE' ANDARCI Torino è bellezza e architettura, storia e cultura, ma costituisce anche il terzo complesso economico-produttivo del Paese. Prima capitale del Regno d'Italia dal 1861 al 1865, è il fulcro dell'industria automobilistica italiana, nonché importante centro dell'editoria, del sistema bancario e assicurativo e delle telecomunicazioni. Basti pensare che proprio dal capoluogo piemontese è nato il "sogno" Fiat: era l'11 luglio del 1899 quando fu fondata la Società Anonima Fabbrica Italiana di Automobili - Torino. La notizia della fondazione della nuova azienda automobilistica fu ripresa il giorno dopo da La Stampa che scrisse « l'industria sembra destinata ad un grande sviluppo ed a un fiorente avvenire». Qualche mese più tardi si diede vita alla sigla Fiat, ormai famosa in tutto il mondo, che in latino significa"che sia!".
 
DA NON PERDERE Il Museo dell'Automobile nasce nel 1932 da un'idea di Cesare Goria Gatti e Roberto Biscaretti di Ruffia e figura tra i più antichi Musei dell'Automobile del mondo. Questo vanta una delle collezioni più rare ed interessanti nel suo genere, quasi 200 automobili originali, dalla metà dell'800 ai giorni nostri, di oltre ottanta marche diverse, provenienti dall'Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Spagna, Polonia e Stati Uniti.
 
PERCHE' NON ANDARCI A pagare il dazio per cotanta modernità e attenzione industriale è la stessa aria: il rapporto annuale "Mal'aria" ha bocciato il capoluogo piemontese. Nel 2015 superati i limiti di legge un giorno su due. Anche Asti e Alessandria nell'elenco delle maglie nere. Ma ultimamente un altro problema si affaccia nella vita dei torinesi: l'inquinamento acustico. Tranquilli, amici con la valigia in mano: un weekend a voi non farà assolutamente nulla. E la città rimane ad ogni modo sorprendentemente bella. Cara, indubbiamente, ma bella.
 
COSA NON COMPRARE Niente riduzioni di palazzi e chiese, per favore. Le alternative sono tante: per i più golosi ci sono i Gianduiotti, gli appassionati di motori godranno delle idee Fiat, quelli di cinema i gadget del suo Museo. 


*****AVVISO AI LETTORI****** 
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100