Cerca nel sito
Gubbio Festa dei Ceri

Gubbio, cosa sapere sulla Festa dei Ceri

La secolare tradizione dei Ceri non è mai stata interrotta sin dal 1160

Gubbio tradizioni
©Ceri.it
Gubbio, Festa dei Ceri
Gubbio è una città dell’Umbria celebre sotto diversi aspetti. Ospita l’albero di Natale più grande del mondo formato da luci colorate che disegnano sul Monte Ingino la sagoma del gigantesco simbolo natalizio che si eleva per oltre 650 metri, ed è famosa anche per il Palazzo dei Consoli, uno degli edifici più importanti e maestosi del medioevo. Un altro fiore all’occhiello della città è la tradizionale Festa dei Ceri, celebrata ogni 15 maggio per la vigilia della morte del Patrono Sant’Ubaldo. L’evento è annoverato tra le più antiche manifestazioni di folclore in Italia e vanta una secolare tradizione: dal 1160, infatti, non è mai stata interrotta.

Leggi anche: La Gubbio dei Palazzi storici

Ci sono due opinioni discordanti sulla sua origine: la prima attesta che deriverebbe da una processione che gli eugubini avrebbero compiuto per la città il giorno della morte di Sant’Ubaldo, la seconda la fa risalire ad un’antica festa pagana in onore della Dea Cerere. Qualunque tesi si abbracci, la Festa dei Ceri è una celebrazione originale molto amata dagli abitanti, che la vivono attivamente sin dalla prima infanzia. I protagonisti sono Sant’Ubaldo, San Giorgio e Sant’Antonio, raffigurati in statue fissate ciascuna su una grande barella in legno detta Cero. A bordo dei ceri percorrono le vie di Gubbio fino ad arrivare alle pendici del Monte Ingino. In questo percorso sono sostenuti dalle figure simbolo, ovvero i ceraioli, gli uomini il cui gradito compito veniva una volta tramandato da padre in figlio. Si inizia all’alba, quando i tamburini svegliano i corridori pronti a riunirsi alle 6.

Leggi anche: Gubbio, la città dal cuore "matto"

Il primo corteo ha inizio per le 9 quando le statue vengono portate dalla Chiesetta di San Francesco al maestoso Palazzo dei Consoli per essere fissate sui ceri. Un’ora dopo tutti a Porta Castello per la cerimonia dell’alzata dei Ceri che aprono poi per la prima parte della corsa fino a Via Savelli. Qui si riprende alle 17 per l’ultima processione fino alla Chiesa dei Neri da cui parte la seconda fase della corsa. Il percorso che viene coperto dai Ceri è lungo circa 4 chilometri e 300 metri. Al termine della corsa prende il via la festa in ogni piazza e in ogni vicolo, dove si alternano stand di ogni tipo, spettacoli, concerti. La Corsa dei Ceri di Gubbio coinvolge non solo l’intera città ma anche il pubblico esterno: intensa è l’emotività mistica che affascina tutti e, considerando che sin dal Medioevo non è mai stata interrotta ma solo modificata, è sicuramente un’altro record che pone Gubbio al centro dei riflettori internazionali. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Umbria
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100