Cerca nel sito
Gubbio cosa vedere palazzi storici

La Gubbio dei Palazzi storici

Non solo i più celebri Palazzo dei Consoli e Palazzo Ducale: la cittadina umbra vanta la presenza di diversi edifici interessanti

Palazzo dei Consoli
©iStockphoto
Facciata del Palazzo dei Consoli
La bellissima cittadina medievale di Gubbio, in provincia di Perugia, è una delle tante perle dell’Umbria da non perdere. Celebre sopratutto per la splendida Piazza Grande, da cui si gode un panorama mozzafiato, per il Duomo caratterizzato dall’unica campata con 10 arconi ogivali a conferire un effetto scenografico unico, e per l’albero di Natale più grande del mondo, la località vanta la presenza di magnifici palazzi. Ad incominciare dal simbolo cittadino, ovvero il trecentesco Palazzo dei Consoli che conserva le Tavole Eugubine, realizzato in stile gotico a testimoniare l’importanza di Gubbio in epoca medievale. In posizione dominante dall’alto dei suoi 60 metri, si apre in Piazza Quaranta Martiri con le sue 6 finestre, la loggia panoramica e il campanone. Anche l’interno è molto suggestivo, soprattutto grazie alla Sala dell’Arengo con volta a botte, la cappella palatina, gli affreschi e gli arredi del piano nobile.

Leggi anche: Gubbio, cosa nasconde il Palazzo dei Consoli

Eretto nel secondo Quattrocento è il Palazzo Ducale, voluto dal Duca di Montefeltro di cui si può ammirare una copia del suo studiolo: splendido è il cortile interno composto da una serie di archi a tutto sesto sorretti da colonne e capitelli decorati e gli ornamenti architettonici come i camini. Interessante è anche la Casa di S. Ubaldo, antica casa torre dove abitava il Santo patrono di Gubbio che risale a un periodo compreso fra il Due e Trecento, come testimoniano alcune tracce di decorazioni murali originali contenute all’interno. Il Palazzo del Podestà, esternamente incompiuto e in parte modificato, è ora residenza municipale mentre il Palazzo Vescovile è frutto della ristrutturazione di un precedente edificio realizzata nel Settecento: oggi vi si trova l’Archivio Diocesano ricco di preziosi documenti.

Leggi anche: Gubbio, la fitoterapia entra in spa

Uno degli edifici storici meglio conservati, sviluppato su tre piani e perfettamente conservato, è Palazzo del Bargello, del Trecento, che fu la residenza del Bargello, ovvero il magistrato incaricato del servizio di polizia nella città: di fronte si trova la celebre fontana detta dei matti. La tradizione vuole che il turista che compia tre giri intorno ad essa sia ribattezzato con la sua acqua e pronto a ricevere il diploma di Matto di Gubbio. L’imponente palazzo gentilizio appartenuto alla Famiglia Beni, da cui prende il nome, ospitò i papi Martino V nel 1420 e Giulio II nel 1506. Era decorato con pregevoli affreschi di Ottaviano Nelli, pittore e minatore di Gubbio, e rimangono alcuni stemmi dipinti nella loggetta del cortile minore e figure allegoriche in una sala del primo piano. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Umbria
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100