Cerca nel sito
puglia prodotti tipici ricette itinerari gastronomici

Gargano, arance d'eccellenza che diventano cosmetici

Le prelibate arance pugliesi sono state trasformate in un innovativo detergente adatto a tutti i tipi di pelle

agrumi
iStcok
Arance
Quella delle arance del Gargano è una storia lunghissima che comincia già nel lontano Medioevo, se non persino prima. Poco dopo l'anno 1.000 il principe di Bari, Melo, spedì sino in Normandia quelli che chiamava “pomi citrini” del Gargano, per dare prova ai Noramanni della qualità dei prodotti che la terra del promontorio donava. E' questa la prima testimonianza “ufficiale” della coltivazione degli agrumi lungo la costa garganica. In breve tempo le dolci e succose arance locali fecero parlare di sè in tutta la penisola ed anche al di fuori dei confini dello Stivale, facendosi apprezzare non soltanto per il loro sapore gustoso ma anche per la loro prerogativa di conservarsi molto a lungo, mantenendosi sane anche per 30-40 giorni. Questa caratteristica le rendeva le compagne di viaggio ideali per i lunghi spostamenti delle epoche passate, tanto che giunsero ad arrivare persino nel Nuovo Mondo, sino a Chicago e New York. Ma fu nel XVIII secolo che i pregiati agrumi pugliesi acquisirono il massimo prestigio, quando divennero protagonisti di una suggestiva processione in onore di San Valentino, protettore degli agrumeti. Un'usanza viva ancora oggi e che, ogni anno, nel mese di febbraio, anima i centri di Vico del Gargano e Rodi Garganico, principali produttori di arance. In tale occasione i magnifici frutteti del Gargano, spesso affacciati sul mare, vengono benedetti affinchè possano donare abbondanti agrumi gustosi. La qualità e le virtù di queste arance riuscirono a conquistare anche molti importanti autori, tra cui Gabriele D'Annunzio, che ne decantarono le lodi in alcune delle proprie opere. Non c'è, dunque, da meravigliarsi se oggi le Arance del Gargano abbiano ottenuto il riconoscimento del marchio IGP a testimonianza e tutela della loro qualità.



La qualità IGP delle Arance del Gargano

A potersi fregiare del prestigioso riconoscimento sono le varietà Bionda Comune del Gargano, che matura tra aprile ed agosto, e Duretta del Gargano, che matura tra dicembre ed aprile, che vengono coltivate lungo il tratto costiero e sub-costiero settentrionale del promontorio del Gargano nella zona compresa tra Vico del Gargano e Rodi Garganico, fin sotto Ischitella. Il tipo Biondo si distingue per la forma sferica o piriforme di diametro superiore ai 60 millimetri, la buccia sottile di colore giallo dorato intenso di grana piuttosto fine e consistenza coriacea che racchiude una polpa dalle sfumature giallo arancio, con contenuto di zuccheri di almeno il 9% ed acidità inferiore all'1,2%. La più rara Duretta affascina per le sue origini antiche quanto sconosciute e si dinstingue per la forma tonda (Duretta Tonda) oppure ovale (Duretta a Viso Lungo). La buccia presenta una superficie liscia e finemente papillata e sfoggia un bel colore arancio chiaro mentre la polpa, di colore ambrato e quasi priva di semi, presenta una tessitura fine con piccole vescichette ed una consistenza dura e croccante che ha ispirato il nome della varietà.

Leggi qui per saperne di più sulle succose Arance del Gargano IGP

Un territorio ricco di attrattive per tutti i gusti

A rendere queste arance così speciali sono le condizioni pedoclimatiche del promontorio del Gargano ed in particolare dell'area di maggior produzione dell'agrume che si estende da Vico del Gargano a Rodi Garganico. Questa zona, ricca di attrattive paesaggistiche, storiche e culturali, si rivela, inoltre, un'ottima meta per una vacanza alla scoperta delle bellezze italiane che abbia come filo conduttore proprio le prelibatezze del territorio. In questo caso saranno le arance a fare da anfitrione in questo magnifico viaggio che porta alla scoperta di due delle località più rinomate del Gargano. Basti pensare, ad esempio, che Vico del Gargano è proprio uno dei paesi italiani inseriti nella lista dei Borghi Più Belli d'Italia. E non c'è certo da meravigliarsene perchè, visitandolo, ci si accorgerà immediatamente che è un vero e proprio gioiello, oltre ad essere una meta perfetta per una fuga di coppia. Il borgo è, infatti, soprannominato “paese dell'amore” e custodisce una pittoresca stradina chiamata Vicolo del Bacio, talmente stretta che per percorrerla bisogna camminare tanto vicini da sfiorarsi. Inutile dire che il vicolo risulti particolarmente frequentato dalle coppie d'innamorati specialmente in occasione della festa patronale di San Valentino. Ma le testimonianze civili e religiose disseminate nel paese non sono certamente meno affascinanti. Da non perdere, ad esempio, una visita del castello e della cinta muraria, oltre alle numerose chiese, come la Chiesa del Carmine, la Chiesa Matrice e la Chiesa della Misericordia. La frazione di San Menaio, inoltre, è una rinomata località balneare che non deluderà di certo i viaggiatori che raggiungono il Gargano per godere delle sue magnifiche acque cristalline.

Scopri la natura del Gargano correndo sui magnifici trail running: ne abbiamo parlato qui



Altrettanto rinomata ed apprezzata dai bagnanti, Rodi Garganico si presenta, anche, ugualmente ricca di testimonianze storiche e culturali oltre che di aree di elevato interesse naturalistico. Meritano certamente una visita le numerose chiese ed il santuario della Madonna della Libera, il Vuccolo (la zona portuale) e, soprattutto, il pittoresco quartiere Chepabbash, un piccolo borgo marinaro in cui si intrecciano stretti vicoli, pittoresche piazzette nascoste e suggestive terrazze panoramiche, costruito dai pescatori per potersi riparare dai venti invernali senza perdere di vista il mare. Rimanendo in tema di agrumi, inoltre, tutti gli amanti di questa succosa specialità pugliese dovrebbero programmare una visita anche all'oasi agrumaria che comprende le strade rurali che si snodano tra i Giardini di Agrumi che, dal lungomare di San Menaio, salgono verso le colline dell'entroterra. Spostandosi sulla costa, invece, gli scenari saranno dominati dai numerosi faraglioni, di cui il più noto è quello del Cane o del Leone. Ad est della zona dei faraglioni, infine, è possibile ammirare un caratteristico trabucco ottimamente conservato. Ma il faraglione del Gargano più celebre è, probabilmente, quello di Vieste, l'emblematico monolite chiamato "Pizzomunno", alto 25 metri, protagonista di una leggenda che narra di pescatori, sirene e di un amore sfortunato. Ve l'abbiamo raccontata qui.

Un prezioso ingrediente ricco di proprietà

Non importa che la si conusmi allo stato fresco, magari a spicchi o in spremuta, che la si utilizzi per arricchire e guarnire insalate e preparazioni varie, oppure che la si impieghi come ingrediente per preparare gustose ricette in agro-dolce, liquori, bevande o frutta candita. L'arancia del Gargano sprigionerà, ad ogni assaggio, un delizioso bouquet di profumi e di sapori pugliesi, frutto di una terra prodiga baciata dal sole. Con l'arrivo dell'estate, poi, il delizioso agrume darà il meglio di sè rivelandosi una protagonista preziosa di freschi e salutari dessert come le arance ai mirtilli. Per prepararle basterà lavarle, tagliare un cappuccio per ognuna e vuotarle della polpa che dovrà essere, quindi, passata al setaccio. Il succo ottenuto dovrà essere versato in una terrina nella quale aggiungere anche i mirtilli lavati con vino bianco e setacciati, dello zucchero ed un pochino di liquore dolce. Il composto ottenuto verrà quindi trasferito nelle arance precedentemente svuotate, e prima di servire in tavola si dovrà guarinire il tutto con panna montata e lasciar riposare in frigorifero per un'ora.

Le arance, tra l'altro, sono un vero e proprio toccasana per il benessere dell'organismo. L'elevato contenuto di vitamina C le rende un ottimo alleato del sistema immunitario per prevenire e debellare raffreddori, influenze e malattie invernali in genere. Le vitamine A e B, invece, ne fanno un efficace integratore per il rafforzamento di denti ed ossa ed aiutano a combattere disturbi fastidiosi come le vene varicose e la cellulite, grazie alle proprietà drenanti e depurative. Sono, inoltre, particolarmente apprezzate per le loro proprietà digestive e per la capacità di stimolare il metabolismo. In base a diversi recenti studi scientifici le arance vanterebbero, infine, elevate proprietà antiossidanti che aiutano a contrastare gli effetti dei radicali liberi responsabili dell'invecchiamento della pelle.

(Courtesy of ©Bioclin Laboratorio Dermonaturale/ABG PR)
 
Le arance del Gargano diventano un prodotto di bellezza

Forse è proprio il concentrato di proprietà benefiche degli agrumi pugliesi che ha ispirato la creazione di un prodotto per il corpo che consente di beneficiare a pieno delle proprietà cosmetiche delle arance del Gargano direttamente sulla propria pelle. Si tratta di un detergente per il corpo ed i capelli composto per il 99% da Phylcare Aquae Red Orange Bio, un liquido riveniente dalla produzione di succhi di frutta e marmellate a base di arance rosse del Gargano biologiche che le industrie scartano in elevata quantità. Con la sua formula che vanta il 93% di attivi vegetali e la biodegradabilità che gli consente di trasformarsi in elementi biocompatibili a contatto con aria, acqua e suolo riducendo a zero l'impatto ambientale, il Bio-Essential Orange Hair & Shower Gel, nella foto in alto, è un prodotto innovativo e adatto a tutto la famiglia, frutto del lavoro del Laboratorio Bioclin Dermonaturale, parte di Istituto Ganassini, specializzato nella formulazione di dermocosmetici in un’ottica di recupero e riqualificazione dei degli scarti alimentari e plastici. La collaborazione con la Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus ed il Presidio Slow Food Agrumi del Gargano ha consentito al laboratorio di trasformare le arance del Gargano in un vero e proprio prodotto di bellezza che, grazie alla sua formula delicata e priva di parabeni, coloranti, SLS e SLES, si rivela adatto anche alle pelli più sensibili. Il detergente è, inoltre, testato clinicamente, dermatologicamente e per i cinque metalli (Nickel, Cobalto, Cromo, Palladio e Mercurio) e confezionato in un flacone in R-PET, un materiale plastico ottenuto dalla rigenerazione di bottiglie in PET riciclate, che per la prima volta permette l’utilizzo di materiali riciclati e nuovamente riciclabili anche in ambito dermocosmetico, nel pieno rispetto della filosofia del laboratorio. Per sperimentare tutti i benefici di questo nuovo prodotto a base di arance del Gargano, puoi acquistare qui il Bio-Essential Orange Hair & Shower Gel.

Turismo.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Turismo.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale

Leggi anche:
Puglia: la cipolla di Margherita di Savoia
Valle d’Itria, i borghi più romantici della Puglia
Vico del Gargano, in Puglia il paese dell’amore

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su SHOPPING
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Monumenti nelle vicinanze
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati