Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Igp Puglia Ricetta con Arance del Gargano

Arance del Gargano, eccellenza pugliese

Sul promontorio, le terrazze puntellate di agrumeti si affacciano sul mare donando un incantevole paesaggio. Questi frutti sono ottimi con il whisky

agrumi
iStcok
Arance
I fattori distintivi dell’arancia del Gargano Igp sono l’epoca di maturazione e la spiccata serbevolezza che permetteva a queste arance, in tempi passati, di sottoporsi a viaggi di 30 e anche 40 giorni ed arrivare integre a Chicago o New York. Oggi le Arance del Gargano godono del riconoscimento del marchio IGP per quanto riguarda le varietà Bionda Comune del Gargano, che matura tra aprile ed agosto, e Duretta del Gargano, che matura tra dicembre ed aprile, prodotte lungo il tratto costiero e sub-costiero settentrionale del promontorio del Gargano che va da Vico del Gargano a Rodi Garganico, fin sotto Ischitella.

Leggi anche: PUGLIA, LA PIU’ BELLA DEL MONDO

LA TRADIZIONE Fin dall’antichità la fama dell’Arancia del Gargano IGP aveva valicato i confini regionali ed era menzionata nelle opere di diversi autori, tra cui lo stesso Gabriele d’Annunzio. A partire dal 1700 gli agrumi del Gargano diventano protagonisti di un’importante processione, che ancora oggi si tiene ogni anno a febbraio, in onore di San Valentino, Santo protettore degli agrumeti, durante la quale si benedicono le piante ed i frutti di aranci e limoni. Sono conservati numerosi registri, fotografie, poster, locandine, a dimostrazione della fama a livello anche internazionale raggiunta da questi straordinari ed inconfondibili agrumi del Gargano. I primi riferimenti storici sull’esistenza della coltivazione degli agrumi sul territorio risalgono all’anno 1003, grazie a Melo, principe di Bari, che, volendo dare dimostrazione ai Normanni della ricchezza produttiva delle terre garganiche, spedì in Normandia i “pomi citrini” del Gargano, corrispondenti al melangolo (arancio amaro).

LA DENOMINAZIONE Ha ricevuto il riconoscimento Igp nel 2007.

LE CARATTERISTICHE L’Arancia del Gargano IGP presenta una forma sferica ed una pezzatura non eccessivamente grande. Il sapore è dolce ed il profumo caratteristico.

LA PRODUZIONE La zona di produzione e di confezionamento dell’Arancia del Gargano IGP comprende i comuni di  Vico del Gargano, Ischitella e Rodi Garganico, in pratica il tratto costiero e sub-costiero settentrionale del promontorio del Gargano, in provincia di Foggia, nella regione Puglia.

Leggi anche: VALLE D’ITRIA: I BORGHI PIU’ ROMANTICI DELLA PUGLIA

LA CULTURA Nel Seicento si intensificò un notevole traffico di agrumi dei comuni di Vico del Gargano e di Rodi Garganico con i Veneziani. Questi intensi scambi commerciali continuarono anche nell’Ottocento, e la fama dell’Arancia del Gargano IGP raggiunse persino gli altri Stati europei e l’America.

IN CUCINA L’interno delle arance può essere consumato allo stato fresco, a spicchi o in spremute, ovvero come ingrediente di insalate o ancora come guarnizione. Le arance possono essere inoltre cucinate quali costituenti di raffinati piatti in agro-dolce o impiegate alternativamente per bevande, liquori e frutta candita.

PRODOTTI TIPICI E RICETTE DAL GUSTO ITALIANO

LA RICETTA Arance del Gargano Igp alla vaniglia e whisky. Ingredienti: 4 arance del Gargano Igp; 200 g di zucchero; 3 dl di panna da montare; 1 baccello di vaniglia; 1 bicchiere di Whisky; 150 g di cioccolato fondente. Lavate le Arance del Gargano IGP, sbucciatele e conservate le scorze. Adagiatele quindi in una ciotola e mettetele da parte. Portate ad ebollizione in un tegame l'acqua, aggiungete 100 gr di zucchero ed il baccello di vaniglia. Cuocete per 10 minuti a fuoco vivo, mescolando di tanto in tanto. Spegnete e aggiungete il Whisky. Ricoprite con il liquido le arance messe da parte in precedenza e lasciatele macerare per almeno 2 ore in luogo fresco. In una padella non troppo alta ponete le scorze d'arancia e fatele cuocere in acqua per 10 minuti. Scolatele, asciugatele e passatele a fuoco basso con il restante zucchero ed un cucchiaio del liquido in cui avete macerato le arance. Proseguite la cottura fino a quando le scorze non saranno caramellate e, a quel punto, toglietele dalla padella e fatele raffreddare in un piatto. Preparate delle coppette pre-raffreddate, ponendole in frigorifero per almeno due ore prima della preparazione. Al momento di servire, sistemate dentro ognuna di esse le Arance del Gargano e irroratele con lo sciroppo di macerazione avanzato dalla preparazione. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente e ricoprite uniformemente le scorze caramellate, lasciandole raffreddare sopra un foglio di carta da forno. Con l'aiuto di uno sbattitore montate la panna, aggiungendo zucchero a piacere. Guarnite le coppette precedentemente preparate con la panna montata e le scorze d'arancia ricoperte di cioccolato. Servite freddo.

Altre ricette
Verzada
Crostate di Albicocche del Vesuvio
Pollo al miele e limone


IL TERRITORIO Rinomata ed apprezzata località balneare, Rodi Garganico rappresenta una meta ricca di fascino anche per i viaggiatori alla ricerca di caratteristiche testimonianze storiche e culturali e di aree di elevato interesse naturalistico. Da non perdere le numerose chiese ed il santuario della Madonna della Libera, il Vuccolo (la zona portuale) e, soprattutto, il pittoresco quartiere Chepabbash, un piccolo borgo marinaro caratterizzato da stretti vicoli, piazzette nascoste e terrazze panoramiche, costruito dai pescatori per rispondere all'esigenza di ripararsi dai venti invernali senza coprire a visuale del mare. Vico del Gargano, inserito nella lista dei Borghi Più Belli d'Italia è un vero e proprio gioiello. Soprannominato “paese dell'amore”, vanta il pittoresco Vicolo del Bacio, una romantica stradina molto stretta, frequentata dalle coppie d'innamorati soprattutto durante la festa patronale di San Valentino. VISITA IL GARGANO: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche:
Vico del Gargano, in Puglia il paese dell’amore
La Puglia dei Borghi Autentici: i tesori del Maruggio
La Bella della Daunia
Puglia: l’olio che si fa in quattro
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati