Cerca nel sito
trieste castello miramare giardino itinerari naturalistici

Miramare: il giardino nel castello affacciato sul mare

Il maniero triestino è circondato da un parco ideato da Massimiliano d'Asburgo

trieste castello miramare giardino siepi fiori
Courtesy of ©Daniel Ventura/Wikipedia CC BY SA 3.0
Il giardino all'italiana davanti alla Kaffeehaus
Laddove un tempo si ergeva soltanto il promontorio roccioso di Griginano con il suo paesaggio tipico delle lande carsiche, oggi si estende un rigoglioso giardino verdissimo, opera di Massimiliano d'Asburgo che volle circondare il Castello di Miramare di un parco ricco di essenze arboree diverse. Questo splendido spazio verde alle porte di Trieste, dominato dal maniero, è il frutto di una lunga serie di interventi che hanno preso il via nel 1856 e sono stati seguiti in ogni fase da Massimiliano d'Asburgo personalmente il quale, anche una volta trasferitosi in Messico, continuò ad occuparsi della realizzazione del suo giardino inviando numerose piante. La progettazione venne affidata a Carl Junker, mentre l'allestimento botanico venne dapprima curato da Joseph Laube, poi da Anton Jelinek.

Con i suoi 22 ettari di superficie il giardino è un trionfo di specie di differenti che si alternano con eleganti installazioni. Il tutto in perfetta armonia con il paesaggio e con il castello. Per realizzarlo venne importata un'enorme quantità di terra dalla Carinzia e dalla Stiria ed una squadra di vivaisti, molti dei quali provenienti dal Lombardo Veneto, procurò una grande quantità di specie arboree ed arbustive di cui numerose di origine extraeuropea. Si tratta, dunque, di un'opera imponente che nacque con lo scopo di raccogliere in un unico luogo tante piante rare e bellissime che, inserite nel contesto del giardino, erano in grado di raccontare qualcosa del suo committente. Passeggiando tra le sue bellezze ed ammirandone la struttura è possibile apprendere qualcosa in più sul modo in cui l'uomo viveva, all'epoca, il rapporto con la natura.

Se nella zona orientale si riscoprono gli scenari tipici dei giardini paesistici inglesi, con la sistemazione a bosco che asseconda l'orografia del luogo alternando alberi a spazi erbosi, sentieri tortuosi, gazebi e laghetti, nella zona sud occidentale prevalgono le sistemazioni geometriche che trovano la massima espressione nel bel giardino all'italiana antistante il kaffeehaus e nel sistema di aiuole che circonda il porticciolo.

Numerose anche le installazioni che adornano il parco. Tra le più interessanti si possono ammirare le sculture prodotte dalla ditta berlinese Moritz Geiss, le serre con le loro ampie vetrate e la particolare struttura in ferro, la “casetta svizzera” in prossimità del “Lago dei cigni”, la cappella di San Canciano con il suo bel crocifisso scolpito nel legno della fregata “Novara”, ed il piccolo piazzale arricchito con i cannoni donati da Leopoldo I re dei Belgi.

Leggi anche:
Trieste, i magici giorni della Barcolana
Trieste: 5 escursioni tra le Falesie di Duino
Trieste, il weekend della Barcolana
Trieste: visite sottomarine nell'area di Miramare
Trieste invasa dagli Instagramers
Trieste tra piccoli bar e caffe' letterari
Trieste crocevia multiculturale

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100