Cerca nel sito
HOME  / gusto
torrone di nocciole piemonte langhe dolci delle feste ricetta

Langhe in festa con il Torrone di Nocciole

Nella splendida regione piemontese Patrimonio UNESCO il dolce delle Festività è preparato con la pregiata Tonda Gentile IGP che gli conferisce un sapore unico

torrone nocciole dolce feste legno frutta secca natale bianco
©leonori/iStock
Torrone di nocciole
Morbido o croccante, con le mandorle oppure con le nocciole, il torrone è una vera gioia per il palato che rende il periodo delle Feste ancora più gustoso. Se poi viene preparato utilizzando una vera e propria eccellenza della tradizione italiana come la Nocciola Piemonte IGP, proprio come avviene nelle Langhe, il risultato è una vera squisitezza.

LA TRADIZIONE L'usanza di mescolare le mandorle con il miele e ricavarne un dolce gustoso e saporito risale niente meno che all'epoca dei Romani. In Piemonte, però, ed in particolare ad Alba e nelle Langhe, dove la ricetta è stata introdotta con ogni probabilità durante il periodo dei Visconti, signori di Milano, il torrone è diverso da quello di altre zone d'Italia. Nella provincia di Cuneo e nell'Astigiano, infatti, dove le mandorle erano più costose e meno diffuse che in altre regioni, la dolce specialità divenuta una dei dolci più rappresentativi del Natale italiano viene preparata con le nocciole, più economiche e maggiormente disponibili. Il connubio tra il miele e le ottime nocciole della zona ha dato vita ad una vera e propria prelibatezza che ha reso il torrone locale un autentico torrone d'eccellenza.

LA DENOMINAZIONE Preparato con le nocciole della varietà Tonda Gentile delle Langhe, l'unica coltivata nell'alta Langa e che può fregiarsi della prestigiosa IGP Nocciola del Piemonte, il Torrone di Nocciole ha meritato la tutela del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali che lo ha inserito nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).

LE CARATTERISTICHE Il Torrone di Nocciole piemontese è costituito da un impasto a base di zucchero, glucosio e miele, generalmente di acacia o millefiori, che viene amalgamato con una grande quantità di nocciole che devono essere preventivamente tostate. Viene prodotto sia nella versione tradizionale dura e friabile, sia in quella morbida.

LA PRODUZIONE Nella zona delle Langhe l'ottimo torrone locale può essere facilmente acquistato sia nelle pasticcerie che presso ditte specializzate in entrambe le varianti dura e morbida che si differenziano per la diversa proporzione di alcuni ingredienti dell'impasto come il miele e lo zucchero.

LA CULTURA Si dice che il nome del torrone derivi dall'usanza diffusa tra i pasticceri medievali di realizzare con l'ottimo dolce delle grandi composizioni a forma di castello o, appunto, di torre.

IN CUCINA Che venga preparato con le mandorle, con le nocciole oppure con altri tipi di frutta secca, la ricetta del torrone è, ormai, divenuta una vera e propria istituzione della tradizione gastronomica di molte zone d'Italia. Chi si diletta in cucina può provare a prepararlo anche in casa seguendo il classico procedimento utilizzato in Piemonte per produrre l'ottimo torrone di nocciole.

La ricetta: Torrone di Nocciole. Ingredienti: zucchero, miele, nocciole intere tostate. Se non disponete di nocciole già tostate, provvedete a tostarle nel forno. Nel frattempo, unite lo zucchero ed il miele e scaldate il composto a bagnomaria portandolo ad una temperatura compresa tra i 70 e i 100° mescolandolo ed amalgamandolo in modo che acquisisca una consistenza fluida ed omogenea. Durante gli ultimi minuti di cottura, aggiungete anche le nocciole continuando a mescolare, poi trasferite l'impasto in stampi foderati con l'ostia aiutandovi con le mani per tirarlo e modellarlo. Lasciate raffreddare il torrone, poi sformatelo e tagliatelo. Conservatelo al riparo dal caldo e dall'umidità.

Altre ricette:
Gelo di Mellone palermitano
Panna cotta alle amarene sciroppate di Cantiano
Troccoli alla Burrata di Andria e Pomodori secchi

IL TERRITORIO Adagiata a cavallo tra la provincia cuneese e quella astigiana, la regione piemontese delle Langhe è un esteso sistema collinare delimitato dal corso dei fiumi Belbo, Tanaro, Bormida di Millesimo e Bormida di Spigno. Assieme alle vicine colline del Roero, con le quali costituisce una delle maggiori zone a vocazione vitivinicola del Piemonte, nel 2014 è stata dichiarata Patrimonio Materiale dell'UNESCO.

DA VEDERE NELLE LANGHE: VAI ALLA GUIDA

Leggi anche:
WiMu: a Barolo il più innovativo Museo del Vino
Barbera, eccellenza al femminile in Piemonte
La Granfondo della Nocciola Alta Langa
Bagna Caoda: il ritule piemontese più gustoso

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati