Cerca nel sito
HOME  / gusto
Molise vino rosso Doc Tintilia

La rivincita del Molise parte con la Tintilia

L’unico vitigno autoctono molisano è protagonista di una meritata ‘riscoperta’

Vino rosso
istockphotos
Vino rosso
Sono diversi i vini DOC molisani, ma non molti, anzi, nessuno a parte quello che vi stiamo per presentare, sono autoctoni di questa regione ingiustamente sottovalutata dal punto di vista della produzione enologica. Una vera e propria riscossa viene dalla Tintilia, un vitigno da cui si producono un rosso, un rosso riserva e un rosé che vi faranno ricredere se avete dei pregiudizi sui vini del Molise.

In verità la viticoltura in questa regione è molto antica, ed era praticata sin dall’epoca dei Sanniti. Dobbiamo però attendere l’epoca borbonica per vedere approdare sulle colline molisane il vitigno della Tintilia, portato in queste zone direttamente dalla Spagna. Si narra ci sia anche una sottotrama amorosa: sarebbe stata la promessa sposa di stirpe borbonica di un nobile conte della famiglia Carafa a portare come omaggio al marito un eccezionale vino spagnolo. La donna però morì in giovane età, e il Conte, inconsolabile, fece piantare nei suoi poderi molisani le vigne che producevano il vino che gli ricordava la moglie. Dando così il via alla coltivazione della Tintilia.

Tintilia, un vino da rivalutare

Leggende a parte, si sa che queste uve a bacca nera hanno origine spagnola, tanto che anche il nome deriverebbe dalla parola ‘tinto’ ovvero ‘rosso’ (anche se per molto tempo si è erroneamente creduto che la Tintilia fosse legata al sardo Bovale Grande). In Molise questo vitigno ha trovato le condizioni ideali per prosperare, e per molto tempo, a partire dall’Ottocento, è stato il più diffuso nella regione. Si tratta di un vitigno rustico, molto resistente, ma dalla bassa produttività: questa ragione, unita allo spostamento delle aree da coltivare in zone pianeggianti, lo ha fatto uscire di scena nel secondo dopoguerra. La Tintilia ha rischiato quasi di scomparire, ‘salvata’ solo grazie al lavoro di alcuni agronomi e di cantine che in tempi recenti hanno riscoperto il valore del vino che oggi si può considerare l’unico DOC molisano autoctono.


Campagna molisana

Di che vino si tratta? La Tintilia è un vino che, come accennato, esiste nella versione rossa e riserva e anche rosé, ma in quantità decisamente inferiori. In tutti i casi si parla di DOC la cui produzione è consentita nelle province di Campobasso e Isernia, in zone collinari. Si distingue per le note speziate (pepe, liquirizia) e di frutta rossa, eleganti e calde. Il colore è intenso, come gli acini nero-bluastro dell’uva da cui si produce, ed in bocca ha una buona struttura, persistente e complessa. L’acidità è presente, e il tannino importante richiede un affinamento piuttosto lungo, possibilmente in acciaio per preservare le note speziate, ma non mancano affinamenti in legno in secondo o terzo passaggio. La versione rosata è delicata, fruttata, fresca, e si presenta di un colore intenso.

La Tintilia è un vino per chi cerca i sapori specifici di un territorio. Il rosso, con il suo carattere deciso, si abbina a piatti dai sapori ricchi, come i formaggi stagionati, le carni più saporite (agnello, cacciagione) ma anche le zuppe rustiche con legumi.

Molise da scoprire

Il New York Times ha inserito il Molise tra i 52 luoghi da visitare nel 2020 (non prevedendo la pandemia, ovviamente). Un riconoscimento davvero prestigioso, se si considera che nella lista figurano località come le Bahamas. La rivista sottolinea come molti italiani non conoscano questa regione, decisamente a torto. Qui si trovano infatti evocative vestigia romane, graziose località marittime (una su tutte, Termoli), pittoresche colline sormontate da borghi antichi, e montagne attraversate da sentieri per il trekking.



Qui
vi abbiamo suggerito cinque tappe per conoscere un Molise inedito. Qui invece trovate cinque mete culturali, storiche ed artistiche. In questo articolo vi abbiamo parlato dei borghi più romantici della regione. Mentre in questo articolo trovate delle esperienze da fare all’aria aperta, tra canyoning e trekking. Se vi interessa particolarmente la gastronomia, provate la salsiccia tipica di cui vi abbiamo parlato in questo articolo. Infine, non dimenticate di assaggiare l’olio DOP.

Se desiderate assaggiare la Tintilia ma non potete andare in Molise, potete acquistare i prodotti delle cantine molisane online:

Un Tintilia rosso della cantina Macchiarossa del 2014

Un Riserva DOC della cantina Di Majo Norante del 2013

O un Cianfagna Sator Gran Maestro Tintilia 2011

Turismo.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Turismo.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.

Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione Molise
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati