Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Dop Emilia Romagna ricetta con Brisighella

Emilia Romagna, l'olio che vien dal borgo

L'olio extra vergine di oliva di Brisighella ha varcato le soglie del terzo millennio insignito, primo in Italia, della Denominazione di Origine Protetta

olio d'oliva<br>
iStock
Olio d'oliva
Nella collina dell’Appennino Tosco-Romagnolo, la coltura dell’olivo, grazie alla conformazione ad anfiteatro della valle ha trovato un microclima temperato ideale, dando vita ad un prodotto di grande qualità divenuto oggi molto famoso. In questa zona la coltivazione dell’ulivo risale a tempi antichissimi; si sono infatti trovate tracce della sua produzione fin dai tempi dei Romani.
 
LA TRADIZIONE La produzione dell’olio di oliva in Emilia Romagna ha origini antichissime. L’ulivo è infatti una pianta caratteristica della vegetazione a macchia mediterranea delle colline romagnole e ancora oggi il paesaggio collinare è caratterizzato dalla presenza degli ulivi che si mescolano con le viti. Nel territorio nei pressi di Brisighella, in particolare, le radici storiche sono confermate anche dalritrovamento di un piccolo frantoio ad uso familiare risalente all’epoca romana. Testimonianze scritte sull’attività oleicola nella zona di produzione dell’olio extra vergine di oliva Brisighella D.O.P. si trovano a partire da documenti ed atti notarili del XV – XVI secolo, per arrivare fino a testi del secolo scorso. Il passaggio da una produzione destinata principalmente all’autoconsumo a una produzione legata alla commercializzazione è storia recente, iniziata con la fondazione del frantoio sociale della Cooperativa Agricola Brisighellese nel 1970.
 
LA DENOMINAZIONE L’olio Brisighella ha ottenuta la certificazione DOP nel 1997.  
 
 
LE CARATTERISTICHE L’Olio Extravergine del territorio brisighellese presenta caratteristiche diverse nelle sue selezioni, ma non si commette errore descrivendolo, in senso generale, come un olio dal colore verde smeraldo, dall'odore di fruttato medio o forte, con sensazioni nette di erbe e ortaggi, con sapore di fruttato caratterizzato da una leggera sensazione di amaro e una media piccante. 
 
LA PRODUZIONE Quest’olio extravergine di oliva dell’Emilia Romagna è ottenuto da olive della varietà Nostrana di Brisighella, raccolte direttamente dall’albero nel periodo compreso tra il 5 novembre e il 20 dicembre di ogni anno. L’area interessata dalla denominazione “Brisighella” presenta alcune caratteristiche del tutto peculiari rispetto al resto della regione. In particolare il panorama varietale risulta costituito in maggior parte da una sola varietà: la “Nostrana di Brisighella”, caratteristica che non si riscontra in altre regioni. L’olio d’oliva Brisighella DOP si può acquistare presso la cooperativa Terra di Brisighella, 300 olivicoltori che hanno costruito un frantoio e lavorano per valorizzare la produzione olivicola locale.
  
LA CULTURA Il passaggio da una produzione destinata principalmente all’autoconsumo a una destinata alla commercializzazione è storia recente, iniziata con la fondazione del frantoio sociale della Cooperativa Agricola Brisighellese nel 1970. Annualmente si tiene la Sagra dell’Ulivo e dell’Olio, che ha luogo sempre a Brisighella a fine novembre.
 
IN CUCINA Le caratteristiche sono esclusive e riconoscibili: l’aroma intenso e delicato, con note che ricordano il carciofo e l’erba appena tagliata, lo rendono fluido al palato e, grazie al grande equilibio fra amaro e piccante, si ritrova armonia, eleganza e persistenza.  Nei piatti, eccelle sul pesce in genere (particolarmente indicate le triglie, rombo, il dentice e sul pesce azzurro dell'Adriatico), ma realizza la sua migliore collocazione emulsionato velocemente a crudo con i liquidi di cottura di pesce, di carne, di selvaggina: così facendo se ne esalta al massimo il suo sapore. Ottimo a crudo su legumi, ortaggi e insalate. O su una fetta di pane.
 
 
LA RICETTA Garganelli alle zucchine. Ingredienti per 4 persone: 320 gr di Garganelli freschi - 2 zucchine - 150gr di scamorza affumicata a cubetti - 10 pomodorini di Pachino a cubetti – olio Brisighella Dop - 1 spicchio di aglio - prezzemolo tritato - Sale e Pepe. Scaldar el’olio Brisighella Dop in padella, aggiungere lo spicchio di aglio tritato e le zucchine precedentemente tagliate a fiammifero. Salare, pepare e unire il prezzemolo tritato finemente. far cuocere il condimento in padella per rosolarele zucchine e farle leggermente soffriggere. Togliere il condimento dal fuoco. Cuocere in acqua salata i garganelli freschi, colarli senza privarli del tutto della loro acqua di cottura e versarli in padella. Riaccendere il fuoco e saltare aggiungendo i pomodorini e la scamorza. Servire Caldi.
 
Altre ricette
 
IL TERRITORIO Brisighella è situata nella bassa valle del Lamone, a pochi chilometri da Faenza, nell’Appennino Tosco-Romagnolo, tra Ravenna e Firenze. L’antico borgo medioevale e termale si distingue per la spiccata vocazione all’ospitalità e al turismo sostenibile, tanto da essere inserito nel club dei “Borghi più belli d’Italia”  e certificato dal Touring Club Italiano con la“Bandiera Arancione”. Vanta inoltre importanti certificazioni quali “Città Slow” e “Città dell’Olio e del Vino”. paese è posto ai piedi di tre pinnacoli di gesso su cui poggiano la Rocca Manfrediana del XV secolo, la Torre detta dell’Orologio del XIX secolo costruita su un precedente fortilizio del 1290 e il Santuario del Monticino del XVIII secolo. Il borgo, composto da un dedalo di viuzze acciottolate, tratti di cinta muraria, scale scolpite nel gesso, racchiude l’antica Via del Borgo meglio nota come “Via degli Asini” per il ricovero che offriva agli animali dei birocciai, una strada sopraelevata e coperta illuminata da archi di differente ampiezza. VISITA BRISIGHELLA: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche
Saperne di più su GUSTO
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100