Cerca nel sito
HOME  / gusto
Piemonte Asti Monferrato grappa natura

A Mombaruzzo nel parco della grappa

Sulle morbide colline del Monferrato la distilleria della famiglia Berta è immersa in un rigoglioso parco naturalistico 

Tour del Monferrato in bici
 istock
Tour del Monferrato in bici
L'arte della distillazione, in Piemonte, vanta radici antiche e raggiunge, ormai da secoli, livelli di eccellenza. Nella terra del vino per antonomasia, dunque, il nettare di Bacco si gusta anche nella sua versione distillata sprigionando aromi e gusti nuovi ed intensi. Lo sanno bene a Mombaruzzo dove, dal 1866, un'intera famiglia ha dedicato la propria vita all'attività vitivinicola specializzandosi nella distillazione dei prodotti delle vigne. Ci sono volute quattro generazioni per dare vita all'attuale distilleria dei Berta di Roccanivo a Casalotto di Mombaruzzo, quattro generazioni che hanno fatto del vino e della grappa la propria ragione di vita. Adagiata tra le morbide colline piemontesi del Monferrato, nella zona più orientale della provincia astigiana, la distilleria si rivela oggi una meta di viaggio d'eccezione dedicata non soltanto agli estimatori della buona grappa italiana ma anche a chi desidera concedersi piacevoli giornate di relax in una cornice naturalistica di grande fascino nella quale l'interazione tra l'uomo, la terra e i suoi prodotti, ha generato una lunga tradizione che oggi rende questa zona del Piemonte una vera e propria eccellenza nell'arte della distillazione. Nel corso del tempo, infatti, la famiglia Berta ha ampliato la superficie della proprietà acquisendo porzioni sempre più vaste del territorio che circonda la sede della distilleria arrivando a raggiungere un'estensione di ben 8 ettari. 8 ettari di territorio che la famiglia ha voluto trasformare in un parco naturalistico in onore del profondo legame che da generazioni la lega alle colline piemontesi. Chi sceglie di visitate le distillerie, dunque, avrà anche l'occasione di concedersi una rilassante passeggiata in questo parco rigoglioso all'interno del quale si snoda un percorso didattico volto ad avvicinare il visitatore al territorio circostante ed alle sue peculiarità.

Grappa
 
L'oasi della grappa tra le colline del Monferrato

Durante l'esplorazione si potranno apprezzare i caratteristici profili sinuosi delle colline del Monferrato che, nelle giornate più limpide, lasciano intravedere le imponenti cime dell'arco alpino e le incantevoli vallate ricche di colori. Si potrà assaporare il frutto prodotto da questa stessa terra mentre si cammina tra ulivi secolari, diversi esemplari di abeti, nocciolo, noce, pioppo cipressino, rovere, tiglio, piante da frutta come albicocco, ciliegio, fico, mirtillo e ribes e piante officinali quali assenzio montano, assenzio romano, cardo mariano, coriandolo, echinacia, iperico, issopo, malva silvestre, melissa, passiflora, tarassaco, lavanda, rosmarino, santolina e timo, tutte messe a dimora nel corso degli anni dalla famiglia Berta. Alcuni spazi del parco sono stati adibiti all'impianto di querce, emblema della forza, della protezione ma anche dell'ospitalità perchè le loro folte fronde e le foglie offrono dimora a diverse specie di insetti, piccoli animali ed uccelli. Per contribuire alla conservazione e alla continuità peasaggistica del territorio, all'interno del parco si incontrano, inoltre, zone adibite alla coltivazione delle piante da frutta tipiche astigiane. Il percorso didattico che accompagna i visitatori alla scoperta del parco naturalistico prende il via nella storica scuola elementare di Casalotto nelle cui aule ragazzi e adulti desiderosi di approfondire la propria conoscenza sulla produzione enogastronomica locale potranno prendere parte a corsi, lezioni e incontri didattici con produttori, insegnanti e specialisti della zona.

Il Parco della distilleria Berta
 
Il bellissimo parco delle distillerie Berta fa, inoltre, spesso da cornice ad interessanti iniziative ed eventi pensati dalla famiglia per offrire ai propri visitatori l'opportunità di scoprire la sede dell'attività e la sua produzione in modo originale e divertente. La distilleria si mostrerà in tutto il suo splendore svelando i segreti della sala degli alambicchi, dove avviene la distillazione, per poi passare alle quattro cantine di invecchiamento, dove alla magia dei profumi della grappa e degli spiriti degli angeli fanno da sfondo la musica classica e la suggestiva illuminazione che riproduce l’evoluzione della luce dai colori della notte a quelli dell’alba, del giorno e del tramonto offrendo ai propri ospiti rilassanti momenti da dedicare alla musicoterapia e alla cromoterapia in una cornice unica che renderà l'esperienza ancora più sorprendente. Il viaggio prosegue sino al museo della grappa, per poi concludere la visita con la degustazione nell’enoteca dove,si potrà apprezzare l’esposizione di tutte le grappe della produzione di famiglia, da quelle invecchiate in legno, simbolo della distilleria, a quelle “sociali”, come Elisi e Unica, accompagnando gli assaggi agli amaretti di Mombaruzzo, prodotti nell’antica pasticceria Carlo Moriondo, di proprietà della famiglia Berta. Questi deliziosi biscotti prodotti con le armelline estratte dai noccioli delle albicocche sono una specialità di Mombaruzzo sin dal XVIII secolo quando un economo di casa Savoia, Francesco Moriondo, si innamorò di una giovane di origine siciliana, anch'ella di servizio presso la casa reale come pasticcera. La sua specialità erano proprio dei biscotti alle mandorle che la coppia, quando lasciò casa Savoia, portò a Mombaruzzo dove si stabilì ed aprì un laboratorio di pasticceria di cui gli amaretti, presto arricchiti con le armelline, divennero una delle specialità. Apprezzati da clienti e pasticceri, la loro ricetta entrò a far parte del repertorio delle altre pasticcerie locali trasformandosi in una vera e propria tipicità. Leggi qui per saperne di più sui deliziosi amaretti di Mombaruzzo.

Amaretti
 
Ma non è finita. Chi lo desidera, infatti, potrà coronare l'esplorazione del parco e della distilleria con un piacevole soggiorno all'insegna del benessere. All'interno di Villa Castelletto, infatti, nella zona sud-ovest del piccolo paese di Castelletto Molina, a 5 minuti a piedi dal centro, la famiglia Berta ha realizzato un resort dotato di eleganti camere e di un ristorante che propone i sapori del territorio rivisitati in chiave moderna, mentre presso la storica Villa Prato, nel cuore di Mombaruzzo, ha creato un esclusivo relais de charme che accoglie i propri ospiti in raffinate suites e in un centro benessere di 800 metri quadri in cui sperimentare i piaceri e i benefici della grappaterapia.

Leggi anche:
WiMu: a Barolo il più innovativo Museo del Vino
Barbera, eccellenza al femminile in Piemonte
La Granfondo della Nocciola Alta Langa
Bagna Caoda: il ritule piemontese più gustoso

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE



Saperne di più su GUSTO
Correlati per distretto Monferrato
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati