Cerca nel sito
Fondazione Arnaldo Pomodoro Milano

Scoprire Arnaldo Pomodoro a Milano è un gioco

Nuove iniziative digitali per far scoprire ai bambini l'opera del famoso artista

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Fondazione Arnaldo Pomodoro
Fondazione Arnaldo Pomodoro
#laSculturanonsiferma: giocando con l’assonanza con l’hashtag più gettonato nel settore culturale durante l’emergenza sanitaria, la Fondazione Arnaldo Pomodoro lancia il suo claim che introduce una nuova serie di visite interattive, proseguendo un percorso intrapreso già da alcuni anni per favorire l’accessibilità all’opera del celebre scultore italiano. Anche i bambini potranno scoprire da remoto l’arte del Maestro, imparando divertendosi.

Alla scoperta del Maestro con le attività virtuali

La Fondazione propone i Giochi in ‘scatola’, ovvero delle visite interattive che si possono fare da dovunque ci si trovi: al mare, al parco, a casa. Basta avere a disposizione un computer. Le iniziative nascono in collaborazione con WAAM Tours e Dramatrà: la prima è una realtà composta da giovani guide turistiche e storiche dell’arte, che propongono percorsi guidati nella città di Milano con uno sguardo rivolto all’arte, l’architettura, la storia e il design (con loro la Fondazione Arnaldo Pomodoro promuove tour digitali e iniziative per bambini). La seconda è un’associazione che si occupa di teatralizzare gli eventi, grazie al know-how di lavoratori dello spettacolo, grafici e drammaturghi di eventi.



Dalla loro collaborazione con la Fondazione è nato ‘Verso Pomodoro... e oltre!’, una caccia al tesoro virtuale che porta a scoprire il mondo sulle tracce delle opere dello scultore. Un gioco digitale che trasforma monumenti e simboli della cultura in ‘portali’ verso terre sconosciute e inesplorate. Risolvendo  enigmi e rispondendo a domande si avanza attraverso le tappe da esplorare con Google Street View. Ma il gioco non si svolge solo online: bisogna muoversi, costruire, usare la creatività per scattare foto e video. Chi avrà accumulato più punti sarà il vincitore.

Tra le iniziative in programma proposte da WAAM ci sono inoltre le visite al telefono con a tema i caratteri cuneiformi, il labirinto di Cnosso. Trovate tutte le iniziative per bambini, con informazioni su date e costi, a questa pagina. Anche per gli adulti la Fondazione prevede numerose attività, tra cui workshop e visite. Le trovate qui.

La Fondazione

Il 7 aprile del 1995, nasce, per volere di Arnaldo Pomodoro, la Fondazione a lui intestata, con lo scopo di garantire la corretta conservazione e informazione su tutte le sue opere. Inoltre, la Fondazione promuove ricerche e momenti di confronto intorno ai temi e alle figure dell'avanguardia contemporanea. Dal 1999 diventa sede espositiva, inizialmente presso una vecchia fabbrica di bulloni, poi presso le officine di un’ex acciaieria, e infine in uno spazio di Via Vigevano 9, adiacente allo studio e all'archivio dello scultore.

Presso la Fondazione è possibile ammirare una collezione di Arnaldo Pomodoro e di altri artisti, ma questo luogo è anche e soprattutto un ambiente dedicato alla conoscenza e all’elaborazione delle opere dello scultore. Qui si trova l’archivio che ne documenta la vita e la pratica artistica, si svolgono pratiche relative al controllo delle opere, alla conservazione delle stesse, al rilascio dei certificati di autenticità. E, come spiegato, si organizzano mostre, eventi, incontri, visite guidate, laboratori per grandi e piccini.


Esterni della Fondazione Arnaldo Pomodoro ddi Via Vigevano. Federico Giani

Uno spazio dedicato a Pomodoro ma anche all’arte del Novecento in generale, alla creatività di giovani artisti, alla cultura. Lo spazio di Via Vigevano 9 ospiterà nell’autunno 2020 la mostra personale di Kasper Bosmans (1990, Lommel), mentre a primavera 2021 sarà possibile visitare la collettiva dal titolo ‘perfectly round, as we left them’ di Nevine Mahmoud e Margherita Raso, in un display di Derek MF Di Fabio.

Musei milanesi tra '900 e contemporaneo

Il moderno e il contemporaneo hanno Milano ha anche un altro, importante centro artistico e culturale: il Museo del Novecento. Tra mostre ‘reali’ e virtuali ha riaperto i battenti e invita i visitatori a tornare ad esplorare le sue sale: della sua collezione, permanente e temporanea, vi abbiamo raccontato in questo articolo. Emblema del contemporaneo milanese è senza dubbio Fondazione Prada, anch’essa di nuovo visitabile dopo le chiusure della scorsa primavera: in questo articolo trovate tutti i dettagli della riapertura.
Se siete interessati al mondo dell’etnografia, è a Via Tortona che dovete puntare, dove sorge il MUDEC, Museo delle Culture: qui ve lo abbiamo presentato.



Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lombardia
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati