Cerca nel sito
Milano Museo del Novecento

Milano, si torna al Museo del Novecento

Tra mostre virtuali e 'reali' il museo milanese riapre le sue porte ai visitatori

Museo del Novecento<br>
istockphotos
Palazzo dell'Arengario Milano
In questo momento ‘di passaggio’ tra l’emergenza sanitaria e il ritorno alla normalità, i musei cominciano a riaprire le loro porte ai visitatori, e continuano allo stesso tempo a tenere spalancate quelle virtuali. Dopo mesi di iniziative digitali, proseguono le possibilità di visitare mostre ed approfondire temi online, e in contemporanea si apre alla possibilità di recarsi di persona ad ammirare le collezioni. Sta navigando su quest’onda il Museo del Novecento, splendida esposizione di opere d’arte del XX secolo ospitata a Palazzo dell’Arengario a Milano (e parzialmente a Palazzo Reale).

Le mostre e le nuove norme

La collezione del Museo del Novecento, nata grazie al lavoro dei più importanti collezionisti milanesi, è composta di capolavori (circa 400 opere) esposti in ordine cronologico. Si parte dai primi del ‘900 italiano, si passa alle Avanguardie Internazionali, il Futurismo, l’Astrattismo, gli anni Cinquanta e Sessanta, il pop e quindi gli anni Ottanta, l’arte concettuale e il contemporaneo. Ci sono aree monografiche, intere sezioni dedicate ai grandi maestri, come Lucio Fontana, Alberto Burri, Piero Manzoni. Tra un piano e l’altro si passeggia tra Modigliani, de Chirico, Boccioni, Mondrian. Le mostre del Museo del Novecento sono invece approfondimenti che abbracciano vari aspetti della creatività del XX secolo. Attualmente è presente un’esposizione dedicata a Valentino Vago, pittore astrattista e una realizzata in concomitanza con ACACIA, Associazione Amici Arte Contemporanea Italiana, che propone un focus sull’artista Tatiana Trouvè.



Per il momento e fino al 21 giugno il museo è aperto sabato e domenica. Prima della visita è obbligatorio acquistare il biglietto online (anche per le gratuità), ed è necessario rispettare le nuove norme d’accesso. Occorre indossare la mascherina durante l’intera durata della visita, che, per permettere gli ingressi scaglionati, non può durare più di 2 ore e dovrà seguire un percorso unidirezionale. All’ingresso verrà misurata la temperatura ai visitatori. Potete leggere tutte le norme a questo link.

Le mostre online

C’è anche un’altra esposizione che l’istituzione permette di fruire online: è dedicata ad uno dei capolavori del museo, il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo. A questa importantissima opera - esposta per la prima volta nel 1902 - è dedicato un interessante approfondimento digitale che si può visitare su Google Art & Culture (a questo link). Sul sito del museo invece, a questa pagina, è possibile guardare il video '1920. Cronaca di un acquisto', prodotto dal Comune di Milano - Museo del Novecento con Storyville e Associazione Pellizza da Volpedo. Si tratta di un video che nasce da materiale d’archivio e documenti originali che raccontano l’acquisto del dipinto, avvenuto grazie ad una sottoscrizione pubblica. Introduce il filmato il Sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Il Museo del ‘900 ospita anche concerti musicali che tuttavia non sono ancora ricominciati. Ecco che, in attesa di riprendere la programmazione musicale, sul sito del museo ogni lunedì Maddalena Novati, consulente musicale del Museo del Novecento, sceglie e propone uno dei concerti che si sono svolti negli ultimi dieci anni.

Leggi anche: Milano, 5 cose da vedere in poco tempo

Nei dintorni

Ci troviamo in Piazza Duomo, nella Milano più iconica. Palazzo dell'Arengario è l’edificio novecentesco costituito da due costruzioni gemelle, e si collega a Palazzo Reale grazie ad una passerella sospesa. Si trova dirimpetto a Galleria Vittorio Emanuele II (qui vi abbiamo raccontato un curioso aneddoto che la riguarda) dove un tempo si collocava il Broletto Vecchio, ovvero un’area dove si svolgevano le assemblee cittadine e si amministrava la giustizia.


Galleria Vittorio Emanuele II

A pochi metri di distanza sorge la pittoresca Piazza dei Mercanti, che fu invece identificata come Broletto Nuovo: vi abbiamo raccontato la sua storia in questo articolo. Adiacente ad essa si trova un altro edificio iconico del centro milanese, Palazzo Giuresconsulti, che abbiamo approfondito in questo articolo.

Scopri qui 5 tappe poco note di Milano
Saperne di più su CULTURA
Correlati per territorio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati