Cerca nel sito
Abbazia Santa Maria del Piano Rieti

Lazio, l'abbazia abbandonata di Santa Maria del Piano

I resti dell'imponente chiesa e dell'annesso monastero, suggestive rovine tra i Monti Lucretili

Abbazia di Santa Maria del Piano
By Cla62 - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35754003
Abbazia di Santa Maria del Piano
I luoghi abbandonati sono sempre suggestivi, affascinanti, carichi di un clima surreale che sembra aver cristallizzato lo spazio-tempo. Se poi sono stati luoghi di culto l’atmosfera assume dei connotati epici, mitici, onirici, e a tratti non manca un pizzico di inquietudine. Concentra tutte queste peculiarità l’Abbazia di Santa Maria del Piano, che si trova nei pressi di Orvinio, in provincia di Rieti (dal punto di vista amministrativo ricade sotto il comune di Pozzaglia Sabino). Si tratta di una chiesa con annesso un monastero benedettino, le cui vestigia testimoniano un passato importante e un presente in rovina.

Si può raggiungere facilmente partendo dal centro di Orvinio, anche a piedi, e si trova immersa nel verde. Dell’abbazia di Santa Maria del Piano rimangono solo le mura perimetrali e la suggestiva facciata della chiesa, che appare come una quinta cinematografica, sormontata dalla spettrale torre campanaria. Si suppone che la sua fondazione sia legata alla vittoria di Carlo Magno sui Saraceni, avvenuta nell’area circostante: fu proprio il condottiero a voler erigere una chiesa per ringraziare la Madonna. Legati alla potente Abbazia di Farfa, i monaci benedettini la abitarono dal IX secolo circa fino al 1500, quando iniziò un periodo di declino che portò al totale abbandono. Per qualche tempo la chiesa fu ancora utilizzata per le celebrazioni, ma venne anch’essa abbandonata alla rovina. Durante l’800 l’area abbandonata venne impiegata come cimitero.



Purtroppo l’abbazia di Santa Maria del Piano subì negli anni numerosi saccheggi, che la spogliarono di ogni elemento decorativo e architettonico, incluso il rosone della facciata principale. Fra l’altro, molti dei capitelli, fregi e dettagli scultorei provenivano a loro volta da vestigia romane. Altri elementi, come la torre campanaria duecentesca, furono danneggiati dal maltempo, mentre le cappelle vennero gravemente rovinate nell’intento di disseppellire i defunti quando il cimitero fu spostato. Il resto lo fece l’incuria. Insomma, la struttura oggi costituisce semplicemente un pittoresco scenario per pic nic primaverili e passeggiate nei dintorni, ma data la sua fragilità (è un vero e proprio rudere) si sconsiglia vivamente di accedere al suo ‘interno’.

NEI DINTORNI

Con il suo impianto medievale che si sviluppa attorno all’imponente Castello Malvezzi, Orvinio è ritenuto uno dei borghi più belli d’Italia, e la zona in cui si trova - abbarbicato a 840 metri di altitudine - fa parte dei Monti Lucretili (è il centro abitato più alto dell’omonimo Parco regionale). L’area è ricca di interesse geologico – grotte, pozzi, cavità naturali, gole – ed è inoltre una destinazione ideale per chi ama il trekking boschivo, il torrentismo, la mountain-bike. In questa zona i borghi pittoreschi non mancano, né le attrazioni naturalistiche, storiche e culturali. Addentrandosi verso nord-ovest, in piena Sabina, si può visitare la sopra citata Abbazia di Farfa, con il suo suggestivo, piccolissimo borgo: ve ne abbiamo parlato meglio qui.



Dirigendosi verso nord–est invece si incontra lo splendido Lago del Turano (‘dominato’ da paesini di rara bellezza come Castel di Tora), e a breve distanza il suo ‘gemello’ Lago del Salto, due bacini artificiali balneabili incastonati nel verde. Se optate per il Lago del Turano, non perdetevi la camminata fino al borgo abbandonato di Antuni, che si erge su un colle circondato dall’acqua (ve ne abbiamo parlato qui). Chi ama i bacini lacustri può dirigersi anche verso sud, ai Laghetti di Percile, meta ideale per un pic nic o una semplice passeggiata.



A breve distanza si trova anche un’attrazione archeologica, la Villa di Orazio, la residenza d’otium del sommo poeta. Insomma, la zona è piccola di interessanti spunti di ogni genere, e, ciliegina sulla torta, è anche una meta gastronomica da non sottovalutare. Olio d’oliva, pasta fresca, funghi e tartufi, panificati speciali sono solo alcune delle specialità che si possono gustare nell’aretino e in particolare in questa zona.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati