Cerca nel sito
Associazione Dimore Storiche Italiane: Villa Il Galero

Asolo, nella Villa che fa sognare anche solo per il panorama

La dimora storica Villa Il Galero si propone con soggiorni all'insegna dello charme e dell'eleganza

Terrazza panoramica
©Associazione Dimore Storiche Italiane
Terrazza Panoramica di Villa Il Galero
Asolo è uno dei borghi più belli del Veneto e non è un caso che ne sia rimasto affascinato anche Giosuè Carducci, che la descrisse come la Città dai Cento Orizzonti. Il piccolo comune in provincia di Treviso è immerso in un territorio che offre scorci panoramici unici adagiandosi alle pendici dei Colli Asolani ma è capace di soddisfare il visitatore più esigente anche con le sue bellezze storiche ed artistiche e le prelibatezze enogastronomiche proprie di questo territorio, in primis il Posecco Asolo DOCG e le sfiziose specialità come il gelato al sambuco, il Tintoretto, una variante del Bellini al gusto di melograno, il liquore Prugna. Ma anche il tipico miele, l’asparago bianco del sile, la casalina, un tipo di formaggio a pasta semidura, l’olio e i prodotti di malga.

Scopri di più su Asolo

La prima esperienza da fare ad Asolo è camminare lungo i foresti, le strade che risalgono i versanti del colle, per ammirare il panorama circostante. Il Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta, è stato costruito sulle fondamenta di un edificio termale romane e l’aspetto attuale deriva dai rimaneggiamenti effettuati a cavallo tra Cinquecento e Seicento: ospita l’Assunzione della Vergine di Lorenzo Lotto e un’Assunta di Jacopo Bassano. Anche la tardo quattrocentesca Loggia del Capitano, antica sede della Comunità asolana, merita una visita: la facciata presenta scene di battaglia affrescate, lapidi e stemmi dei capitani veneziani. Dal 1878 ospita il Museo Civico con materiale d’epoca paleoveneta, romana e alto medievale, pitture e sculture dal XV al XX secolo e documenti che comprendono anche scritti di Gabriele D’Annunzio ed Eleonora Duse. Quella che una volta si chiamava Piazza Maggiore oggi è Piazza Garibaldi, caratterizzata da una splendida fontana del Cinquecento in mezzo alla quale spicca il Leone Alato di San Marco. Simbolo cittadino è però la Rocca, che definisce lo skyline cittadino grazie alla forma imponente: percorrendo il camminamento della guardia il panorama che si abbarcaci comprendo tutti i rilievi fino alla pianura. Ecco cosa sapere sul Castello di Asolo
Insieme alla Rocca anche il Castello della Regina Cornaro è uno dei simboli cittadini: costruito nel X secolo ha subito diversi interventi, sia di ampliamento che di adeguamento, ed in parte è stato anche demolito nel corso dell’Ottocento. Ha comunque ospitato personaggi illustri fino alla ex Regina di Cipro che lo elesse a sua reggia: ecco dunque il meraviglioso giardino e quello che resta della Torra dell’Orologio, la Torre Mozza e la Sala delle Udienze, oggi sede del Museo Duse. 



Passeggiando nel centro storico di Asolo si percorrono suggestive e tortuose strade su cui si affaccia ville con logge ed eleganti trifore, palazzi signorili con i porticati in stile veneziano ma anche costruzioni più semplici in stile medievale. Il dedalo di foresti si inerpica sul  Monte Ricco e, una volta passata la porta medievale del Colmarion, ci sono i gradini che arrivano alla Rocca Medievale. A pochi passi dal centro, proprio sotto la Rocca, sorge un gioiello inaspettato: si tratta di Villa Il Galero, un’autentica villa veneta da cui si gode una delle più belle vedute sulla pianura. La struttura, fatta erigere nel 1696 dal Cardinal Rubini, nipote di Alessandro VIII, è sempre stata ben preservata e gli attuali proprietari, la famiglia De Lord Rinaldi, hanno deciso di aprire le sue porte per chi voglia coglierne le bellezze. Prestigio e unicità sono dati dall’armonia delle proporzioni architettoniche e dalla raffinatezza dei decori sulle pareti a stucco e marmorini veneziani del 1700, che conferiscono alla villa un aspetto elegante e luminoso. La struttura è composta da quattro corpi: la villa al centro, ai lati due ali, le caratteristiche barchesse venete, che erano le antiche scuderie, stalle, granai ora trasformate in abitazioni e la cappella che è stato il più antico sacello ad Asolo dedicato alla Madonna. In uno spazio della barchessa si trova una dependance con cucina e bagno privato. 



Il complesso è impreziosito da lavori di maestria artigianale che lo caratterizzano. Ve n’è testimonianza fin dall’entrata, dove gli stemmi stellati della famiglia sotto il galero cardinalizio, sono un esempio di lavoro di grande livello, cosi come quello negli ambienti decorati con finissimi stucchi settecenteschi che arricchiscono pareti e soffitti in movenze del più sofisticato tardo barocco. Il piano terra è formato da cucina, sala da pranzo decorata da raffinati stucchi e da marmorini nei toni verde pastello, giallo ocra e bianco, salotto, decorato a marmorino veneziano e stucco nei toni azzurro chiaro, bianco e giallo ocra, salottino decorato alle pareti nei toni rosa pastello e bianco in stucco e marmorino, lavanderia, orangerie adibita a zona relax e fitness. Al primo piano si trovano la stanza bianca impreziosita da un grande baldacchino in stucco; un salottino molto luminoso; la stanza rosa, con baldacchino e soffitto a travi vista dipinte e un altro salottino che fu in origine la stanza del Cardinale Rubini, proprietario della villa. Invece al secondo piano ci sono una stanza padronale, una camera doppia e tre camere singole.



La proprietà è immersa e circondata dal verde di un parco giardino di alberi e piante centenarie come cipressi, ulivi, alberi da frutto, pitosfori, oleafragrancee rampicanti di glicine, gelsomini e un bellissimo e antichissimo roseto rampicante. Nella terrazza e nel giardino esterno vi sono due spazi relax con ombrelloni e poltrone dove poter godere della tranquillità del luogo. Sul lato est del fronte casa si apre una grande terrazza panoramica adiacente alla cappella coperta da una pergola di glicine centenaria dove è possibile mangiare godendo di una vista esclusiva sui colli asolani. Attraverso un percorso immerso tra alberi da frutto e ulivi si accede alla piscina panoramica di 18 metri per 6 che dispone di lettini, sdraio, ombrelloni e uno spogliatoio annesso con doccia e servizi. La pergola è dedicata a zona pranzo con angolo cottura, barbecue, frigorifero e un ampio tavolo per 12 persone. Villa Il Galero è disponibile per affitti settimanali per gruppi fino a 12 persone che vengono ospitate in camere doppie e matrimoniali con proprio bagno privato.



Villa Il Galero fa parte dell’Associazione Nazionale Dimore Storiche.
L’Associazione Dimore Storiche italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, è l’associazione che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati