Cerca nel sito
Italia tradizioni strumenti musicali artigianato

Musica maestro, i 5 strumenti della tradizione

Tra musei e botteghe è possibile scoprire le più belle tradizioni musicali del Belpaese

Ocarina
Courtesy of©ajma_pl/iStock
Ocarina
1. VIGGIANO, LA PATRIA DELL’ARPA
Viggiano, piccolo paese in provincia di Potenza, è rinomato per aver dato i natali all’Arpa Popolare Italiana. Sebbene la tradizione legata all’arpa viggianese sia oggi meno diffusa di un tempo, esistono ancora artigiani e musicisti che si dedicano a quest’antica arte. A tale proposito merita una visita il Museo delle Tradizioni Locali, allestito negli spazi del Convento di S.Maria del Gesù, nel rione Sant’Angelo. VAI ALL’ITINERARIO


2. MARCHE, LARTE DELLA LIUTERIA
La liuteria nelle Marche vanta una tradizione lunghissima tenuta alta, nel corso del tempo, da diversi artigiani storici. Oggi come ieri è possibile imbattersi in botteghe di liutai che realizzano i loro strumenti rigorosamente a mano avvalendosi di lime, sgorbie, scalpelli, assi, listarelle, ciocchi di abete e di acero, vernici, resine vegetali e minerali. VAI ALL’ITINERARIO

 
3. LE OCARINE DI BUDRIO
Impossibile fare visita a Budrio, piccolo centro nei pressi di Bologna, senza imbattersi nell’ocarina: appartenente alla famiglia dei flauti, questo strumento musicale a fiato in terracotta ha varcato i confini nazionali conquistando Corea, Giappone, Cina, Perù e Stati Uniti. VAI ALL’ITINERARIO

 
4. SCAPOLI, LA CAPITALE ITALIANA DELLE ZAMPOGNE
A Scapoli la zampogna rappresenta l’emblema della storia e della cultura molisana, una tradizione da scoprire presso il Museo Internazionale della Zampogna “Pasquale Vecchione”. Al suo interno si possono ammirare zampogne, ciaramelle e cornamuse (locali, italiane e straniere), oltre a una sala insonorizzata per l’accordatura delle zampogne nonché la riproduzione di un’antica bottega artigiana. VAI ALL’ITINERARIO

 
5. IL FRISCALETTO SICILIANO
Il friscaletto altro non è che uno strumento a fiato nato tra le campagne siciliane e, grazie all’ottima qualità timbrica, è stato impiegato nella musica jazz e non solo. La storia di questo flauto si scopre in quel di Villaggio Gesso (Messina) presso il Museo “Cultura e Musica Popolare dei Peloritani” là dove ammirare più di 150 strumenti musicali e da suono oltre a oggetti della civiltà contadina, quali utensili di lavoro e manufatti in legno d'uso quotidiano. VAI ALL’ITINERARIO
 
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100