Cerca nel sito
parco naturale regionale del beigua escursioni festa della donna

Trekking in rosa al Parco del Beigua

Tra le montagne liguri affacciate sul mare si trascorre un divertente weekend in mezzo alla natura in occasione della Festa della Donna

parco del beigua liguria montagne mare italia panorama
Courtesy of ©PR BEIGUA/www.parks.it
Veduta panoramica dal Parco del Beigua
Come una suggestiva terrazza di monti affacciata sulle bellezze del Mar Ligure, il Parco Naturale Regionale del Beigua, a cavallo tra le province di Genova e Savona, si offre come una destinazione ideale per scoprire l'entroterra ligure, ricco di meraviglie paesaggistiche tanto quanto la zona costiera. Per tutte le visitatrici che intendono trascorrere la Festa della Donna in maniera sana e divertente, le Guide del Parco hanno pensato a qualcosa di davvero speciale che lo renderà una meta perfetta da esplorare con le amiche, le figlie, le sorelle oppure le mamme.

Ogni occasione è buona, infatti, per godere di paesaggi unici come quelli del Parco naturale più esteso della Liguria che vanta un'incredibile varietà di scenari popolati da una fauna estremamente ricca e da una flora rigogliosa e variegata. Sono numerosi gli itinerari che è possibile intraprendere per partire alla scoperta di questi tesori. Percorsi panoramici di grande fascino durante i quali gli sguardi saranno rapiti dall'azzurro del mare che fa capolino tra le incantevoli montagne del gruppo del Beigua, ricoperte di foreste di faggi, roveri e castagni, di vaste pinete, di ripide rupi e di particolari affioramenti rocciosi. Lungo il percorso si potranno visitare ambienti naturali unici e fenomeni geologici spettacolari che sono valsi al Parco l'inserimento nella Rete Europea dei Geoparchi e nella Rete Globale dei Geoparchi dell'UNESCO.

Passeggiando per le tre Foreste Demaniali Regionali del Deiva, del Lerone e del Tiglieto, ad esempio, si prova l'ebbrezza di imbattersi in caprioli, daini e cinghiali mentre, esplorando alcune delle zone più affascinanti del Parco si potranno conoscere alcune interessanti specie vegetali endemiche quali Viola Bertolonii, Cerastium utriense, Asplenium cuneifolium, Daphne cneorum, Cheilantes marantae. Nei luoghi più remoti ed impervi, invece, si aggira il lupo, mentre i cieli sono popolati di un numero vastissimo di specie ornitologiche.

I più allenati, inoltre, possono cimentarsi nella “scalata” alla vetta del Beigua, osservando il progressivo diradarsi del bosco in un percorso che copre, in 9 chilometri, un dislivello di 900 metri. Che la si raggiunga a piedi oppure, più comodamente, in auto arrivando al Rifugio di Pratolungo, la cima del Beigua è un appuntamento che non si può mancare durante una visita al comprensorio. Il panorama che si gode dal Rifugio, infatti, è di quelli che non si dimenticano e che, nelle giornate più limpide, può spingersi addirittura sino alla Corsica e al litorale toscano. Le pendici del Beigua non sono meno affascinanti. Il versante orientale custodisce, infatti, l'interessante Torbiera del Laione, l'area umida più vasta del Parco, che ospita diverse specie di rettili e di anfibi.

Saranno proprio queste meraviglie le protagoniste di un weekend tutto in rosa per trascorrere la Festa della Donna in mezzo alla natura. Le Guide del Parco hanno, infatti, organizzato un piacevole fine settimana presso il Rifugio Argentea che farà da base d'appoggio per una serie di escursioni, anche in notturna, alla scoperta del territorio. L'appuntamento è per sabato 7 marzo alle 15 presso il panoramico Rifugio Pratorotondo, dal quale si partirà alla volta del Rifugio Argentea. Il pomeriggio si camminerà sino al ristorante La Nuvola sul Mare, dove ci si fermerà per la cena, per poi fare rientro, passeggiando sotto lo stelle, al Rifugio Argentea per la notte. La mattina dell'8 marzo è, invece, dedicata alla conoscenza del Parco, delle sue caratteristiche geologiche e naturalistiche, da approfondire passeggiando assieme alle Guide. Una volta ritornate al Rifugio, ci si mette in marcia verso Pratorotondo per far rientro entro l'ora di pranzo osservando i magnifici panorami del comprensorio.

Leggi anche:
Liguria: farina di castagne del Beigua
Vulci: archeotrekking mozzafiato
Un Gran Paradiso per sole donne

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook


Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati