Cerca nel sito
piemonte natura aree protette itinerari

La Collina del Po è Riserva della Biosfera

L'UNESCO ha attribuito il riconoscimento all'area protetta piemontese per la sua rilevanza naturalistica e non

monviso superga basilica collina montagne natura torino
Courtesyof ©Aree protette Po e Collina Torinese/Parks.it
Unaveduta di Superga e del Monviso
Il fascino tutto speciale delle Aree Protette del Po e della Collina Torinese risiede nell'insolita coesistenza di zone antropizzate e ambienti naturali affascinanti da vivere con tutta la famiglia allontanandosi per un attimo dal contesto urbano. Questa splendido insieme di Aree Protette che si estende dalle porte del capoluogo torinese sino alle province di Cuneo e di Vercelli è nato proprio a questo scopo. Quello di proteggere zone ricche di fascino e di storia dallo sfruttamento incontrollato dell'uomo che rischiava di strappare ai paesaggi fluviali e collinari circostanti alcuni dei loro scenari più belli che oggi vengono,invece, protetti, tutelati e valorizzati assieme alle storiche aree urbane che la punteggiano e alle numerose testimonianze architettoniche che la impreziosiscono. Grazie ad un ricco programma di salvaguardia e promozione del territorio, questa splendida zona del Piemonte si trasforma in un luogo che offre interessanti opportunità per trascorrere divertenti giornate all'aria aperta. Proprio al fine di tutelare e valorizzare un'area tanto preziosa, l'area del Po e della Collina Torinese hanno presentato la loro candidatura per ottenere, per una zona del Parco, il riconoscimento Unesco nel Programma Man And Biosphere.

Oggi, dunque, la Collina del Po è diventata Riserva della Biosfera nell'ambito della categoria Urban MaB proprio perchè si tratta di una zona in cui la mano dell'uomo è sempre evidente ma mai invasiva. Trattandosi di un territorio di rilevanza economica e turistica oltre che naturalistica, la Riserva assume un ruolo di estrema importanza per la conservazione della biodiversità. Sul territorio della Collina del Po, infatti, convivono tantissime specie animali e vegetali differenti che vanno tutelate e conservate. Basti pensare che la riserva custodisce parchi e riserve naturali nonché numerosi siti inseriti nella Rete Natura 2000, in particolare 17 SIC (Direttiva Habitat) e 8 ZPS (Direttiva Uccelli) oltre a ben 14 habitat di interesse comunitario dei quali tre classificati come prioritari, a dimostrazione di un'elevata biodiversità. Tutto questo costituisce le cosiddette Core Areas, una sorta di rete ecologica che contribuisce alla conservazione delle specie, delle comunità e degli ecosistemi.

A salvaguardia delle Core Areas si estende una Buffer Zone che ne garantisce la continuità ecologico-funzionale e fisico-territoriale, con il fiume Po e la sua vegetazione ripariale a fare da corridoio naturale a protezione dalle minacce. In questa zona, infatti, si possono ancora apprezzare numerose aree boschive ripariali ben conservate nonostante le pressioni ambientali che gravano sul territorio. La Buffer Zone e la Transition Area sono, inoltre, caratterizzate dalla presenza di numerose attività antropiche dall'agricoltura, all'industria, sino al turismo e alle attività socio-economiche che trasformano la riserva in un vero e proprio laboratorio di sperimentazione per l’implementazione di pratiche di gestione sostenibile delle risorse naturali e culturali. Tra le proposte più significative si annoverano le attività agricole caratterizzate da una grande attenzione al rispetto della natura, nonché un ricco calendario di iniziative culturali, con proposte che variano dall’educazione ambientale ai grandi eventi.

Leggi anche:
Torino: 4 idee per uno spettacolare weekend
Il Parco di Stupinigi lungo le Rotte del Re
Piemonte: al Parco la Mandria è già Expo

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100