Cerca nel sito
piemonte natura giardini itinerari

Giardini da sogno a Villa la Malpenga

A due passi da Biella la splendida dimora è circondata da un bel parco all'inglese

villa la malpenga
Courtesy of ©Facebook.com/malpenga
Villa la Malpenga
Affacciata su Vigliano Biellese dall'alto della collina su cui è costruita, Villa la Malpenga è un'affascinante dimora patrizia edificata nel corso della seconda metà del XIX secolo dove, un tempo, sorgevano soltanto delle cascine circondate da frutteti e vigneti. Fu quando nella proprietà si stabilì il conte Giuseppe Fantone di Milano che la tenuta subì i primi cambiamenti. Questi, infatti, si dedicò alla trasformazione di una delle cascine e alla coltivazione della vigna. La villa come la conosciamo ora fu, invece, opera dell'impresario edile biellese Giovanni Battista Biglia. Nel corso dei decenni la Villa ebbe altri proprietà ma è al XIX secolo che il suo nome resta profondamente legato, un nome che trae ispirazione dalla famiglia che, per secoli, ebbe la giurisdizione sul luogo. Oggi la proprietà si presenta come un luogo ricco di fascino incorniciato da un grande parco all'inglese.

Agli inizi del XX secolo la proprietà fu oggetto di una massiccia opera di ampliamento che prevedeva la creazione di una grande terrazza e di una torre sulla costruzione principale. Vittorio Buratti, invece, che entrò in possesso della Villa dopo la famiglia Biglia, arricchì ulteriormente la tenuta sia negli spazi interni che in quelli esterni che vennero dotati di una cappella la cui realizzazione comportò la sistemazione dello splendido parco nato da un progetto di Giuseppe Roda. Parte dei giardini all'inglese, infatti, furono opera dei fratelli Roda che avevano già messo la propria "firma" sui giardini della Real Casa, a dimostrazione di come a Villa la Malpenga abbiano lavorato soltanto i migliori progettisti disponibili sul campo.

I giardini sono incantevoli con il loro inconfondibile stile all'inglese. Sono impreziositi da un grazioso laghetto, da scenografiche fontane e interessanti grotte. Splendide statue realizzate dallo scultore Cesare Biscarra fanno capolino tra le piante rigogliose tra le quali si distinguono un romantico roseto ed una grande quantità di specie arboree ed arbustive tra cui rododendri ed azalee. Grazie alla particolare posizione della tenuta che vanta un'esposizione ottimale, nel giardino è possibile ammirare affascinanti specie generalmente tipiche di luoghi caratterizzati da climi più caldi.

Leggi anche:
WiMu: a Barolo il più innovativo Museo del Vino
Barbera, eccellenza al femminile in Piemonte
La Granfondo della Nocciola Alta Langa
Bagna Caoda: il ritule piemontese più gustoso

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE









Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100