Cerca nel sito
trentino alto adige natura cascate trekking itinerari

Cascate di Riva, tre salti in mezzo alla natura

Nel cuore della Valle Aurina le tre cascate offrono un magnifico spettacolo della natura altoatesina

cascate di riva
©Havelbaude/Wikimedia Commons CC BY SA 3.0
Cascate di Riva
Autentico trionfo della natura, le Cascate di Riva sono la meta ideale per ogni amanti del trekking a tu per tu con le bellezze della natura altoatesina. Situate nel cuore della Valle Aurina, proprio all'ingresso del Parco Naturale Vedrette di Ries-Aurina, offrono un ottimo pretesto per concedersi una piacevole passeggiata che dal centro di Campo Tures conduce al cospetto di questi tre splendidi salti immersi nella natura incontaminata che si presentano particolarmente imponenti di estate ma che regalano un magnifico spettacolo anche nelle altre stagioni, specie in inverno quando le acque sono ghiacciate. Occorre seguire il sentiero n. 2, contrassegnato dai colori rosso-bianco, per intraprendere il percorso che conduce alle Cascate di Riva. Basta oltrepassare il Rio Aurino e seguire il suo corso in discesa e proseguire, poi, fino all'incrocio con il sentiero n.1 Wasserfall ("cascata") per godere dello spettacolo della prima cascata con il suo salto di 10 metri che riempie immeditamente lo sguardo.

Una volta soffermatisi a conteplare la potenza dell'acqua che si tuffa prorompente e a scattare qualche foto di quelle destinate ad essere messe in cornice, si può proseguire alla volta del secondo salto. Per raggiungerlo bisognerà seguire il sentiero che si snoda lungo il corso del Rio di Riva. Dopo aver imboccato e lasciato rapidamente il Sentiero di San Francesco, la strada è breve e passa per una suggestiva grotta adornata con statuine in legno. Affrontate le scale ed una ripida salita, il secondo salto appare davanti agli occhi ancora più alto del primo offrendo uno spettacolo davvero mozzafiato che si fa ancor più sorprendente quando, percorso il sentiero che giunge al terzo salto, ci si trova al cospetto dell'ultima cascata, la più maestosa con i suoi 40 metri di altezza. Il percorso per raggiungerla richiede un minimo di esperienza ma la fatica e l'attenzione fatte sono immediatamente ripagate dalla bellezza di queste acque impetuose.

Il sentiero, a questo punto, segue la Gola di Riva e dopo essere passati per l'albergo Toblhof, consente di intraprendere il percorso di ritorno fino ai margini di Campo Tures, presto visibile dall'alto. Chi non fosse ancora stanco di ammirare le bellezze di questo splendido angolo della Valle Aurina può scegliere di proseguire la sua passeggiata attraverso prati e boschi fino a raggiungere il bellissimo Castel Tures che, dopo aver ammirato un incantevole spettacolo della natura come quello delle cascate, offre uno splendido esempio di come anche l'uomo sia in grado di realizzare dei veri e propri capolavori.

Ami dedicarti ai trekking immersi nella natura? Scegli le scarpe più adatte alle tue passeggiate su Consigli.it

Leggi anche:
Sasso Simone e Simoncello: bello in ogni stagione
Sorprese tra i ghiacciai del Parco dello Stelvio
Val di Pejo, le acque wellness del Trentino

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100