Cerca nel sito
piemonte biella giardini dimore storiche itinerari

Biella, alla scoperta del giardino di Palazzo La Marmora

L'antica dimora piemontese vanta uno splendido giardino d'inverno con esemplari secolari

palazzo la marmora
Courtesy of ©facebook.com/palazzolamarmora
Palazzo La Marmora
Comincia tanto tempo fa la storia di Palazzo La Marmora che con la sua caratteristica facciata neoclassica e la Torre Ottagonale di epoca quattrocentesca è parte integrante del tessuto urbano del Piazzo, l'antico borgo di Biella, incastonato tra le montagne e la pianura. Per tutta la durata della sua storia il palazzo è rimasto legato alla stessa famiglia che, nel corso del tempo, l'ha ampliato e trasformato sino a renderlo la splendida dimora che, oggi, si mostra ai suoi visitatori in tutto il suo splendore. Se il palazzo si presenta come un luogo così incantevole è anche grazie al suo magnifico giardino che regala scorci di grande fascino.

Uno degli angoli più suggestivi dell'intero complesso si mostra allo sguardo del visitatore non appena oltrepassa il cortile e l'Ingresso Ovale. Si tratta del Giardino d'Inverno che si presenta come uno splendido porticato a doppie colonne che, in epoca ottocentesca, è stato chiuso da alte vetrate che consentono la cura di specie floristiche anche nella stagione invernale. Fiore all'occhiello del romantico Giardino d'Inverno è il magnifico esemplare di ficus repens che adorna il porticato. La pianta, che vanta due secoli di età, occupa un'intera parete della serra protendendo i suoi rami, modellati a campane e festoni, sulle otto arcate lungo le curve della volta, scandendone i profili. Ad impreziosire il tutto anche due splendidi esemplari di cedrus libani e liriodendrum, entrambi risalenti all'epoca della trasformazione operata sul porticato.

Dinanzi alle vetrate bordate di ghisa si apre il pittoresco giardino di impianto rinascimentale, un piccolo angolo dalla natura rigogliosa che si presenta, in un certo senso, come uno spazio intimo e raccolto, simile ad un chiostro, ma che si affaccia a perdita d'occhio sulla città e sulla pianura Padana. Per rendersi conto della bellezza del paesaggio che si estende attorno alla Villa bisogna arrampicarsi sulla cima della piccola torre quadrata al centro del palazzo, dalla quale la vista spazia a 360° su panorami da sogno.

Leggi anche:
WiMu: a Barolo il più innovativo Museo del Vino
Barbera, eccellenza al femminile in Piemonte
La Granfondo della Nocciola Alta Langa
Bagna Caoda: il ritule piemontese più gustoso

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE

Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100