Cerca nel sito
Galleria Estense, collezione, Modena

L'aristocratico collezionismo degli Este a Modena

Alla Galleria Estense il patrimonio artistico accumulato dai duchi d'Este 

Steve McCurry
© Steve McCurry
Dalla mostra temporanea “STEVE McCURRY. Leggere” - Bamiyan, Afghanistan, 2006 
La città di Modena ospita uno dei musei più importanti d’Italia. Si tratta della Galleria Estense che custodisce una delle raccolte artistiche di origine dinastica più importanti d'Italia. Istituita, infatti, nel 1854 da Francesco V d'Austria-Este e collocata dal 1894 nell'attuale sede del Palazzo dei Musei, la Galleria Estense dedica quattro saloni e sedici salette espositive al cospicuo patrimonio artistico accumulato dai duchi d'Este fin dagli anni gloriosi della signoria ferrarese. La città di Modena fu, infatti,  Capitale del ducato degli Este dal 1598 al 1859. Con la sua riapertura avvenuta nel 2015 dopo 3 anni di chiusura forzata, a causa del sisma del 2012, circa 300 opere provenienti dai depositi dell'Estense sono state trasferite nelle sale recentemente restaurate del Palazzo Ducale di Sassuolo, diventando parte integrante del nuovo museo “Galleria Estense”. Ricordiamo che Palazzo Ducale è una delle più importanti residenze barocche dell'Italia settentrionale. Il suo aspetto attuale prende forma per volere del duca Francesco I d'Este, che nel 1634 incarica l'architetto Bartolomeo Avanzini di trasformare l'antico castello di famiglia in una moderna dimora extraurbana per la corte.  
 
Nella Sala del Bernini della Galleria Estense esposta la celebre tela del Guercino trafugata 
 
PERCHE' ANDARE
 
Le 609 opere della raccolta , di cui 327 dipinti, 40 sculture sono orientate verso un aristocratico collezionismo dai molteplici interessi. Le raccolte estensi comprendono la ricca quadreria, che copre un arco cronologico che va dal XIV al XVIII secolo, un consistente nucleo dedicato alla pittura padana, delle sculture in marmo e terracotta, una collezione di pregiati disegni. E poi ancora maioliche, avori e strumenti musicali . Tra le opere di maggiore rilievo segnaliamo il “Sant'Antonio da Padova” di Cosmè Tura, in cui concezione monumentale della figura umana e ricerca prospettica di stampo rinascimentale convivono con un senso della forma di ascendenza ancora medievale. Da non perdere la Madonna con il Bambino (Madonna Campori) del Correggio, in cui l'artista raggiunge un nuovo linguaggio pittorico tipico della sua maturità e il Trittico di El Greco o “Altarolo portatile”. Presente nel percorso anche uno splendido “San Rocco in carcere” di Guido Reni, un “Compianto su Cristo morto con i santi Francesco e Bernardino” di  Cima da Conegliano e il capolavoro della produzione giovanile del Guercino “Il martirio di San Pietro”. Fra i disegni ricordiamo il “Busto di giovane che legge un libro girato a sinistra” di Giovanni Battista Piazzetta presente nelle collezioni estensi già dal 1854.
 
Il tradizionale cotechino di Modena come ingrediente per la preparazione di numerose ricette originali
  
DA NON PERDERE
 
La Galleria Estense può, inoltre, contare su un'importante raccolta di disegni che provengono da vicende plurisecolari. Le fonti suggeriscono la presenza di alcuni capolavori di grafica già nei celebri camerini di Alfonso I d’Este, nel Castello di Ferrara. È però soprattutto nel corso del Seicento che i duchi d’Este, ormai trasferiti a Modena, danno vita a una vera e propria raccolta moderna di disegni. Essa culmina negli anni di Alfonso IV (1658-1662), quando il Palazzo Ducale ospita, assieme alla celeberrime gallerie di pittura e di sculture, antichità e meraviglie, anche una delle più ricche e variegate collezioni grafiche del tempo paragonabile a quella fiorentina del cardinale Leopoldo de’ Medici. Gli inventari consentono di stimare in più di 2.840 i fogli di cui si componeva, e che contavano esemplari dei maggiori maestri. Con il XVIII secolo tuttavia iniziano progressive traversie e dispersioni che raggiungono il punto più critico con le spoliazioni napoleoniche. La quasi totalità dei circa 1300 disegni trasferiti in Francia non tornerà più a Modena e ancora oggi costituiscono parte fondamentale delle collezioni del Museo del Louvre.
 
Galleria Estense Palazzo dei Musei
Modena, Largo Porta Sant'Agostino, 337
Info: 0594395711
Sito: www.gallerie-estensi.beniculturali.it
 
 
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Emilia Romagna
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati