Cerca nel sito
HOME  / gusto
prodotti tipici ricette america latina sudamerica

Sapori latini, 5 specialità che valgono un viaggio

5 ricette deliziose dal fascino latino che fanno venire voglia di viaggiare

Rio de Janeiro, Brasile
©iStock
Rio de Janeiro
PABELLON CRIOLLO
È il piatto nazionale della cucina venezuelana: il Pabellon Criollo è composto da carne sfilettata, fagioli neri, riso e platano fritto. Piatto di origini povere, racchiude in se gli influssi delle diverse etnie da cui discendono i popoli caraibici. Il nome si traduce con “carne alla creola” ed è da sempre associato alla storia e alle battaglie del Venezuela per l’emancipazione e l’indipendenza del XIX secolo dal generale Simon Bolivar, “El Libertador”.
 
QUINDIM
Tipico del nord est del Brasile, il quindim è molto simile, per consistenza, al flan. A base di tuorli, farina di cocco e latte condensato, ha un gusto leggero e viene solitamente preparato in monoporzioni. Il dolce ha origini portoghesi e la ricetta nasce senza cocco, ma con mandorle. L’a sostituzione delle mandorle con il cocco deriva dagli schiavi africani che nel XVII secolo giunsero nella zona di Bahia, ricca di noci gustose.
 
AREPAS
Dal Messico e per tutta la cordigliera delle Ande, l’arepa è l’alimento più diffuso. Si tratta di un tipo di pane a base di farina di mais, dalla forma circolare e sottile. L’origine di questo gustoso alimento risale all’epoca de Maya. La popolazione della Mesomerica macinava i chicci di mais tra due pietre levigate e la farina che ne derivava era impastata con acqua. Si ottenevano così piccole palline che venivano cotte su lastre di argilla chiamate “aripo”.
 
DULCE DE LECHE
Una pasta densa e dal gusto simile a quello dei toffee: il dulce de leche è il dessert più famoso in Argentina, un’immancabile merenda dal sapore unico. Latte e zucchero sono gli ingredienti di un dolce semplice ma ricco di gusto. Bolliti insieme, sono mescolati fino a ottenere una crema dal colore caramellato.
 
ARCARAJE'
Uno degli street food più tipici della cucina brasiliana trova le sue origini nel Nord-Est a Bahia: l’acarajè. Si tratta di un tortino dalla forma schiacciata preparato con fagioli dall’occhio nero e crema di cipolle(o cipolle croccanti). Il tutto viene poi fritto in olio di dende (una palma locale) e servito aperto a metà con ripieno di gamberetti secchi e vatapà. Il vapatà è una purea di gamberetti, mollica di pane, anacardi e spezie. L’arcarajè viene consumato per strada caldo con l’aggiunta di olio di peperoncino. 


Saperne di più su GUSTO
Correlati per Paese Brasile
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100