Cerca nel sito
HOME  / gusto
Ricetta Liguria Imperia Ponente 

Pissalandrea, storia e aneddoti sulla focaccia ligure

Si tratta di una focaccia di farina ricoperta da cipolla, salsa di pomodoro e acciughe a pezzi. Arricchito poi da basilico, aglio, olive taggiasche e origano. 

pissalandrea, focaccia, liguria
lamialiguria.it
pissalandrea, focaccia, liguria
Se volete assaggiare uno dei piatti più tipici del Ponente ligure, dovrete chiedere un bel pezzo di pissalandrea, oggigiorno particolarmente diffuso nella provincia di Imperia, Montecarlo e Nizza. Un nome che sembra effettivamente molto strano. Ma che, in realtà, è stato reso reinterpretando, con le sonorità locali, il ben più chiaro termine "Pizza all’Andrea"

Leggi anche: Liguria a caccia dei sapori tipici
 
Si tratta, infatti, di un piatto molto famoso, una sorta di focaccia, che venne dedicato all’Ammiraglio Andrea Doria, politico e nobile italiano del Cinquecento, a quel tempo principale artefice della politica della Repubblica di Genova. Questa ricetta presenta diversi nomi a seconda di dove questa viene preparata, per i comuni più o meno limitrofi: Macchettusa ad Apricale, Pissaladiere a Nizza, Pissadala a Bordighera, Piscarada a Pigna. Molto famosa, invece, la variante di Sanremo, la cosiddetta Sardenaira: in questo caso le acciughe sono sostituite dalle saporite sardine.

 
Si tratta di una focaccia di farina, acqua, sale, olio e lievito. Poi ricoperta di un battuto di cipolla, salsa di pomodoro e acciughe a pezzi. Sopra alcune di quest'ultime, anche foglie di basilico, spicchi di aglio, olive taggiasche e origano. A conclusione, ovviamente, anche un filo di olio. A seguire la cottura, rigorosamente eseguita nel forno. 

Leggi  anche: Brandacujun, in Liguria lo stoccafisso è mantecato
 
Una ricetta semplice, seppur ricca di sapori, ma le cui origini sono risalenti al 1300. Allora in val Nervia, a Dolceacqua e Apricale, su fino a Isolabona, c'era la machetusa, variante primigenia della pissalandrea. Questa era una focaccia ricoperta di machetu, un pestato di acciughe, sale, olio, lasciato a macerare tutta l’estate, mescolando quotidianamente per 40 giorni in contenitori in terracotta o vetro. Il tutto viene ricoperto con abbondante olio d’oliva e tappato con un sasso di fiume per garantirgli di “respirare”. 
 
Ma è possibile fare anche un altro passo indietro nella storia della sardenaira: le terre del ponente ligure sono state tra le ultime ad essere assoggettate dai romani. In età imperiale, a Ventimiglia e Albenga, arrivavano navi cariche di anfore con dentro il garum, una speciale pasta di acciughe macerate, di cui i ricchi romani andavano pazzi, soprattutto se spalmato sul pane. Il passaggio dal garum al machetu è facile, così sarebbe nata la machetusa. La sardenaira arrivò subito dopo, con la scoperta dell’America, quando in Europa cominciò ad arrivare il pomodoro  che, progressivamente, cominciò a soppiantare il machetu sulla focaccia.
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati