Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Dop Sicilia ricetta pollo con Ciliegie dell'Etna

Ciliegia dell’Etna, rossa vulcanica con il pollo

Il frutto Dop siciliano coltivato su terreni dissodate dalle lave si abbina alla carne

carne con ciliegie
iStock
Pollo con ciliegie
Rossa brillante, croccante all’esterno e una polpa compatta e dolce all’interno: la DOP Ciliegia dell’Etna è attribuita ai frutti del ciliegio dolce “Prunus avium L.” famiglia delle rosaceae. Viene coltivata a seguito della preparazione dei terreni noti come «terre scatinate», ovvero il suolo derivante dalle opere di dissodamento delle lave. La zona di coltivazione della Ciliegia dell’Etna DOP è caratterizzata da suoli che evolvono su substrati di origine vulcanica. In particolare, il suolo di origine vulcanica e le notevoli escursioni termiche determinano il colore rosso del frutto.
 
LA TRADIZIONE La coltivazione della Ciliegia dell’Etna affonda antiche radici nel territorio etneo. L’esperienza degli agricoltori del luogo, acquisita di generazione in generazione con continua ricerca e messa in atto di specifiche tecniche colturali, ha determinato le condizioni affinché la coltivazione di questo frutto si consolidasse con successo nel tempo, fino a costituire un patrimonio storico - tradizionale e culturale del territorio. I coltivatori ortofrutticoli ancora tramandano nel lessico dialettale il nome di “cirasa” o “ciriegia” riferito al frutto ottenuto dalla preparazione dei terreni noti come “terre scatinate”.
 
LA DENOMINAZIONE Denominazione ottenuta nel 2006 con decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 289 del 13 dicembre 2006. Il “Consorzio per la Tutela della Ciliegia dell’Etna”, con sede nel comune di Giarre (CT) è stato costituito nel marzo 2004, per sostenere con forza, in prima battuta, l’ottenimento della protezione a titolo transitorio a livello nazionale della denominazione «Ciliegia dell’Etna DOP»
 
LE CARATTERISTICHE Rossa e di pezzatura medio-grande. Il frutto è dolce, ma non stucchevole, la bassa acidità conferisce un sapore molto gradevole ed equilibrato. Disponibile sul mercato da giugno a luglio, la Ciliegia dell’Etna Dop è ricca di vitamine A e C, calcio, ferro, potassio, e di antociani che proteggono il cuore e di antiossidanti che rallentano l’invecchiamento di tessuti e cellule. Va conservata in frigorifero e consumata entro 1-2 giorni dall’acquisto.
 
 
LA PRODUZIONE La Ciliegia dell’Etna Dop viene coltivata in provincia di Catania. La zona di produzione della DOP si estende dal Mar Ionio fino ad altitudini di 1 600 metri s.l.m. sui versanti Est e Sud-Est dell’Etna e comprende il territorio amministrativo dei Comuni di: Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Randazzo, Milo, Zafferana Etnea, S. Venerina, Sant’Alfio, Trecastagni, Pedara, Viagrande, Nicolosi, Ragalna, Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Belpasso, Aci S. Antonio, Acireale. Le tecniche di coltivazione prevedono pratiche di innesto a “sgroppo” o a “pezza” e la tecnica di raccolta manuale con l’utilizzo di scale a trenta pioli e con ceste note come “panari”.
 
LA CULTURA La zona del massiccio etneo è nota per la produzione di ciliegie e per la loro qualità. Il nome “Etna” è strettamente legato alle ciliegie. Le peculiarità della Ciliegia dell’Etna sono strettamente determinate dalle caratteristiche morfologiche e pedo-climatiche dell’areale di produzione nonché dal contributo fornito dai coltivatori nella preparazione dei terreni e nella gestione degli impianti. Da 9 anni, il comune di Sant'Alfio (CT) celebra la Ciliegia dell’Etna con una sagra volta a promuovere il frutto e i prodotti tipici locali.
 
IN CUCINA Consumata fresca o utilizzata come ingrediente per la preparazione di confetture, liquori e dolci. È un ottimo ingrediente per cocktail estivi, ma può anche essere abbinata a preparazioni a base di carne o verdure.
 
 
LA RICETTA Pollo con ciliegie. Ingredienti per 4 persone: 6 petti di pollo; 300 gr di ciliegie denocciolate; 1 cucchiaio di senape; 1 scalogno; 100 ml di vino rosso; olio evo; sale e pepe q.b. Tritare lo scalogno e farlo dorare nell'olio. Unire le ciliegie e quando saranno appassite, sfumare con il vino rosso. Aggiungere la senape e far amalgamare. In un’altra padella riscaldare a fuoco alto l'olio, cuocere la carne, salare, pepare e poi unire le ciliegie nella padella. Servire caldo.
 
 
Altre ricette
 
IL TERRITORIO Trecentomila abitanti, un vulcano attivo che le fa da cornice, cupole barocche, profumo di mare e arancini. Questa è Catania, la città di Verga e di Bellini, filmata da Bolognini e Germi, cantata da Battiato. Una città che si accende al tramonto di luci impreviste, di suoni, incontri, colori inattesi. VISITA CATANIA: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche:
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100