Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti PAT Campania ricetta friarielli

Campania PAT: come cucinare il peperoncino friariello

Protagonista della cucina regionale, è particolarmente apprezzato fritto in padella

peperoncini dolci
iStock
Friarielli
Nell’Agro nocerino sarnese - territorio situato nella piana del fiume Sarno, a metà strada tra Napoli e Salerno - viene coltivata una varietà di peperone appartenente alla famiglia delle Solanacee genere Capsicum, una pianta erbacea annuale. Un prodotto consumato allo stato immaturo, quando il suo colore è di un verde decisamente brillante. I Friarielli o “puparuoli friarielli” sono piccoli peperoncini dolci PAT della regione Campania, diffusi anche nel Lazio e nel Sud Italia.
 
LA TRADIZIONE Il peperone è stato introdotto in Europa da Cristoforo Colombo che lo portò dalle Americhe col suo secondo viaggio, nel 1493. Gli agricoltori selezionarono peperoni privi di piccantezza, da cui si è originato l'ecotipo "friariello Napoletano", un peperoncino che viene coltivato già dal dopoguerra nelle aree agricole della provincia di Napoli e nel nocerino-sarnese.
 
LA DENOMINAZIONE E’ un prodotto PAT - Prodotto Agroalimentare Tradizionale - riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, su proposta della Regione Campania.
 
LE CARATTERISTICHE E' un peperone con frutti di forma cilindro-conica, affusolato e dalla estremità appuntita. Ha sapore dolce e aroma intenso.
 
 
LA PRODUZIONE Le piante di friarielli producono frutti numerosi per molto tempo. Trapiantati a metà marzo, vengono raccolti da fine maggio a fine dicembre. 
 
LA CULTURA In Campania, con i termini “Friariello” o “Peperunciello e’ ciumm”, si indicano i peperoni verdi di 5-6 cm di lunghezza e di colore verde. Vengono comunemente utilizzati in diverse ricette della tradizione napoletana. Nel capoluogo campano sono chiamati “puparulilli d’o Sciummo (del fiume)”, perché il territorio in cui crescono è caratterizzato dalle campagne che circondano i canali d’irrigazione delle parule napoletane.
 
IN CUCINA Prelibato per il sapore dolce e l'aroma intenso, famoso e molto utilizzato per essere mangiato fritto in padella con olio e aglio, con e senza pomodorino. È da questa preparazione che ha origine il nome locale "friariello". Utilizzato anche come condimento per pasteasciutte, spesso accompagna piatti principali come il purè di fave.
 
 
LA RICETTA Friarielli. Ingredienti: Friarielli, olio evo, cipolla, aglio, sale. Pulire i firiarielli eliminando gambi e semi. Lavare e asciugare bene. Far soffriggere in padella cipolla e uno spicchio di aglio. Quando il soffritto sarà pronto versare i peperoni e far cuocere in padella senza coperchiofinché si ammorbidiranno assumendo un colore più scuro. Salare e servire caldi.
 
 
Altre ricette
 
IL TERRITORIO Porta d’accesso della Costiera Amalfitana, Salerno è una città di grande fascino. Il golfo sul quale si adagia, si apre come un ventaglio fino a capo Palinuro. Da visitare il Castello Arechi e il percorso che porta alla Bastiglia, due luoghi che offrono una spettacolare vista della città dall’alto. La villa comunale vera e propria è un giardino in mezzo alla città. Al centro la celebre fontana detta di don Tullio (o di Esculapio), realizzata nel 1790 per fornire ristoro a viandanti o a chi proveniva dal mare. VISITA SALERNO: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche:
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100