Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti tipici Abruzzo ricetta con Mortadella di Campotosto

Abruzzo, Pasqua a tavola con i coglioni di mulo

L'aria del Parco del Gran Sasso per la stagionatura della Mortadella di Campotosto

salume tipico dell'Abruzzo, mortadella di Campotosto
it.wikipedia.org
Mortadella di Campotosto
Campotosto, all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, è la patria delle omonime mortadelle. Conosciute anche come “coglioni di mulo” (data la forma e la vendita a coppie). Ovoidali, legate a due a due con uno spago annodato a mano, sono prodotte con le stesse regole del passato, quando le famiglie del paese lavoravano insieme in un’insolita corvée comunitaria per produrre le mortadelle che venivano consumate a partire dalla Pasqua.
 
LA TRADIZIONE Documenti storici, accertano la produzione di tale tipologia di salume, nella zona di Campotosto, fin dal 1796. Il fattore che contribuisce a caratterizzare la Mortadella di Campotosto è il clima della zona: le catene montuose che si estendono tutt'intorno, il vicino lago e l'orografia del territorio, attribuiscono all'area particolarità climatiche che offrono i fattori ideali per la fase di stagionatura, caratterizzate da venti di freddi di tramontana. I produttori hanno voluto conservare nella lavorazione della mortadella, la tradizione contadina per tutelarne l'identità; la mortadella di Campotosto, infatti, non è solo una realtà alimentare o economica, ma rappresenta una tradizione e una caratteristica di identificazione tramandata attraverso usi e conoscenze.
 
LA DENOMINAZIONE Per rimarcare la differenza con le mortadelle di tipo industriale e salvaguardare la produzione artigianale, per i coglioni di mulo è nato un Presidio Slow Food. Presidio sostenuto da Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Ai fini della tutela e della valorizzazione di questo prezioso salume, nel 2008 si è costituita l'associazione dei produttori della mortadella di Campotosto, i cui aderenti seguono un preciso disciplinare tecnico di produzione contraddistinto dalla lavorazione artigianale e manuale.
 
LE CARATTERISTICHE L'aspetto esterno deve presentare la caratteristica forma sub-ovoidale, data dalla lavorazione manuale della quantità di impasto che può essere contenuta nel palmo delle mani poste a coppa e che ha fatto guadagnare al salame l'appellativo di "Coglioni di mulo". Al taglio la fettina è di colore rosso intenso, scuro, con il lardello bianchissimo, in bocca è cuoiosa e compatta e il lardello è dolce e croccante. 
 
 
LA PRODUZIONE Si preparano macinando finemente tagli magri e scelti del suino, come spalla e prosciutto, e con l’aggiunta di pancetta sempre macinata per dare una piccola parte di grasso all’impasto. Nell’impasto è inserito il tipico lardello lungo una decina di centimetri. Il bastoncino infilato nella parte inferiore della legatura a doppia briglia, a mano a mano che procede la stagionatura, e quindi l’asciugatura, stringe la legatura. Appena confezionate, le mortadelle sono appese a una pertica ed esposte per circa 15 giorni al fumo di un camino alimentato con legna di quercia o di faggio. Poi sono trasferite in locali di stagionatura naturale: il vento di tramontana e l’altitudine (circa 1300 metri) garantiscono una temperatura e un’umidità ideali, indispensabili per l’essiccamento ottimale. A tre mesi sono pronte per il consumo. La mortadella viene lavorata in autunno ed è pronta al consumo dopo un periodo di stagionatura di 60 - 90 giorni. Viste le limitate produzioni, le scorte si esauriscono nei primi mesi dell'anno.
 
LA CULTURA La mortadella di Campotosto è spesso confusa con i prodotti industriali. Le comuni mortadelle industriali sono fatte con sacchetti precuciti, i lardelli sono congelati, la legatura è elastica, la qualità delle carni meno selezionata e contengono additivi e conservanti assolutamente assenti, invece, nel prodotto originale. Solo due produttori di Campotosto preparano ancora le mortadelle secondo tradizione, con tagli di carne suina magra di prima scelta macinata a grana fine, sale, pepe e una concia di aromi dalla miscela segreta. 
 
IN CUCINA Un salume importante, di gusto pieno e lungo, che richiede vini non banali. Può essere gustato da solo come qualunque altro affettato, con formaggi freschi o stagionati. Diventa squisito ingrediente nella preparazione di timballi, paste al forno, pasticci o frittate. Ottimo anche per arricchire sughi.
 
 
LA RICETTA Frittata con coglioni di mulo. Ingredienti: uova: 6, mortadella di Campotosto: 4-6 fette; formaggio grattugiato: 4-6 cucchiai; olio evo; sale e pepe nero. Rompete le uova e sbattetele in una ciotola. Aggiungete il sale, il pepe macinato e il formaggio grattugiato. Tagliate a piccoli cubetti le fettine di coglioni di mulo. Aggiungete la mortadella di Campotosto alle uova e mescolate il composto. In una padella antiaderente aggiungere l’olio evo e quando sarà caldo, versate il composto della frittata. Quando la parte a contatto con la padella risulterà dorata, fate scivolare la frittata su un coperchio e riponetela sul fuoco capovolta in modo da completare la cottura anche sull’altro lato. Lasciare intiepidire prima di servire.
 
 
Altre ricette
 
IL TERRITORIO Con 2364 specie di piante censite, il Parco Gran Sasso - Laga è una delle aree protette dalla maggiore biodiversità vegetale in Europa. Situato per la maggior parte in Abruzzo è meta abituale di escursionisti appassionati di montagna, natura e birdwatching. VISITA IL PARCO DEL GRAN SASSO: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche:
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100