Cerca nel sito
HOME  / cuore
campania costiera amalfitana itinerari romantici

Atrani, romantico presepe affacciato sul mare

Il gioiello della Costiera Amalfitana è il Comune più piccolo dell'Italia Meridionale

atrani costiera amalfitana
Courtesy of ©Paolo Costa Baldi/ Wikimedia Commons CC-BY-SA 3.0
Atrani
Sarà anche il comune più piccolo dell'Italia meridionale ma di certo il borgo di Atrani, nel suo chilometro quadrato di estensione, offre un concentrato di storia, di arte e di bellezza tutti da scoprire godendo delle atmosfere appartate di un luogo preservato dal traffico automobilistico, rilassante ma vivace. Un gioiello prezioso della Costiera Amalfitana che ha mantenuto intatta la sua struttura medievale e che si affaccia sul mare abbarbicato come un pittoresco presepe che alla sera si riempie di luci, tanto sul promontorio su cui è adagiato, quanto al largo della costa dove di notte si accendono le lampare dei pescatori che salpano dalla spiaggetta del paese rispondendo dalla terra al cielo stellato. Non c'è luogo più romantico, dunque, per concedersi una piccola fuga di coppia godendo della bellezza e dell'atmosfera accogliente della Costiera. Tra l'altro, con una piccola passeggiata, è possibile raggiungere anche Amalfi, a meno di 800 metri di distanza, nascosta dietro al promontorio che avvolge Atrani in una bolla di suggestione.

Dalle rocce allo sbocco della Valle del Dragone, il borgo ammicca al mare accessibile soltanto attraverso alcuni varchi. La strada Amalfitana, infatti, ha creato quasi una barriera tra l'abitato ed il mare, sottolineando la cascata di case appoggiata sulla parete di roccia che sembra voler precipitare verso l'acqua. Tra le case si scorgono "scalinatelle", gradini, strade coperte, che promettono piacevoli passeggiate a caccia di scorci meravigliosi. Come quelli offerti da Piazza Umberto I, la Piazzetta del paese, un piccolo gioiello che non ha nulla da invidiare all'accogliente salotto di Capri e dalla quale è possibile accedere al mare attraverso quello che, un tempo, era un ricovero per le barche in caso di mareggiate. Sulla piazza si affaccia la chiesa di S. Salvatore de Birecto, risalente al X secolo, così chiamata perchè ospitava la cerimonia di investitura dei Dogi di Amalfi mediante l'imposizione del berretto dogale.

Da non perdere una visita alla duecentesca Collegiata di Santa Maria Maddalena che domina il borgo dall'alto del promontorio affacciato sul magnifico Golfo di Salerno. La sua cupola maiolicata baciata dal sole crea un colpo d'occhio unico accanto al campanile quadrangolare in tufo scuro e alla facciata chiara in stile barocco rimaneggiata nel corso dei secoli. Altrettanto suggestiva la salita verso la chiesa di Santa Maria del Bando, edificata nel X secolo in una spettacolare posizione panoramica sulla cima del Monte Aureo sotto la Torre dello Ziro. Non lontano, sul versante orientale del monte, si possono ammirare la Grotta di Masaniello, quella vicina alla casa materna dove si rifugiò il rivoluzionario, e la Grotta dei Santi, decorata con affreschi bizantini.

Leggi anche:
Pompei, la meraviglia d'Italia più a rischio
Quei pomodorini "rosso Vesuvio"
Oltre Pompei ed Ercolano

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100