Cerca nel sito
Associazione Dimore Storiche Italiane: Castello Sannazzaro

Piemonte, il Castello Sannazzaro tra fantasmi ed ospiti illustri

Suggestiva dimora storica di Giaorle, il Castello è di proprietà della stessa famiglia da sempre

Esterno del Castello
©Associazione Dimore Storiche Italiane
Esterno del Castello di Sannazzaro
Giaorle è un comune in provincia di Alessandria, celebre per la presenza del Castello Sannazzaro, una dimora storica abitata dai proprietari che sono gli eredi della famiglia che fece costruire la struttura, circa 900 anni fa. In seguito ad un diploma dato dall’imperatore Federico Barbarossa a 4 cavalieri della famiglia Sannazzaro il 4 dicembre del 1163 veniva concesso, tra gli altri privilegi, di costruire un castello dovunque volessero nei loro possedimenti. Ecco, dunque, che in una pianura ai limiti orientali del Monferrato, in una zona suggestiva incorniciata da colline, graziosi borghi e dal Po, il castello da difesa ha visto trascorrere i secoli cambiando anche destinazione fino ad arrivare ad essere residenza di campagna, pur mantenendo inalterata la struttura originale.

Leggi anche: Piemonte, alla scoperta delle Terre del Gavi DOCG

Si presenta ancora oggi con tre delle quattro torri d’angolo, un fossato e le tracce del ponte levatoio d’ingresso. Il primo documento in cui il castello appare essere completato e già pienamente funzionante è del 1277.  Nel Settecento venne ridecorata l’ala meridionale, mentre l’ala occidentale e settentrionale fu oggetto di un importante restauro e ridecorazione nel periodo compreso tra il 1854 e il 1857. E’ questa la parte dove si alternarono i pittori torinesi Grosso e Morgari secondo lo stile neogotico e neo rinascimentale in voga in quel periodo. Attorno al pittore Grosso è nata una leggenda: l’artista morì cadendo mentre affrescava proprio la sala da ballo e si dice che il suo fantasma vaghi nelle sale del castello ed accenda le luci negli angoli più impensati. In questo stesso periodo fu per la volontà del conte Giacinto Sannazzaro Natta che vennero restaurati il  salone d’ingresso, lo scalone principale, la sala da ballo e le camere da letto.

Leggi anche: La tradizione dei paesaggi vitivinicoli del Piemonte 

Di particolare interesse sono anche le carte da parati delle camere da letto che risalgono alla metà dell’Ottocento, le sovrapporte della sala da ballo e di alcuni salotti. Nel corso dei secoli la struttura ha ospitato doversi personaggi illustri tra cui i Paleologo marchesi di Monferrato, i Gonzaga, Re Carlo Emanuele III con il figlio futuro Vittorio Amedeo III, il Re Vittorio Emanuele II,  l’Imperatore Napoleone III, il principe Emanuele Filiberto di Savoia Duca d’Aosta. E’ stato sempre di proprietà della famiglia Sannazzaro che tuttora vi risiede offrendo la possibilità di essere ospitati in 4 camere matrimoniali con bagno. Il complesso è circondato da un parco di circa 23000 metri dotato di un giardino di impianto Ottocentesco, all’inglese, con alberi d’alto fusto, e con un piccolo frutteto e un ampio gazebo.

Il Castello Sannazzaro fa parte dell’Associazione Nazionale Dimore Storiche
L’Associazione Dimore Storiche italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, è l’associazione che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100