Cerca nel sito
Hipponium Calabria Magna Grecia

Hipponion: cosa è rimasto dell’antica città greca?

Una colonia ellenica in Calabria di cui le testimonianze sono poche, eppure preziose

Panorama di Vibo Valentia
istockphotos
Vibo Valentia
Non tutti sanno che sulla costa tirrenica della Calabria sorgeva una delle colonie della Magna Grecia più prestigiose e strategicamente rilevanti. Hipponion, questo il suo nome, ha lasciato purtroppo poche testimonianze tangibili, perché sulle sue fondamenta è stata costruita quella che è l’attuale Vibo Valentia. Tuttavia l’antica Hipponion merita di essere conosciuta, dato il ruolo di rilievo che ebbe nella storia della regione. Fondata come colonia della poleis di Locri Epizefiri, sulla costa ionica, da greci originari della regione della Locride, Hipponion sorse nel VI-VII secolo a.C. Tuttavia non fu una vera e propria colonia nell’accezione di 'sottomissione' alla grande poleis, piuttosto sottostava ad una forma di subordinazione, di soprintendenza da Locri Epizefiri. 

LEGGI ANCHE: AGRIGENTO, LA MAGNA GRECIA DELL'UNESCO
 
Hipponion brillò infatti di luce propria per gli anni a venire, anche se la sua storia si fece presto molto complessa, tra conquiste, storiche battaglie, regnanti che cambiavano come il vento. In effetti la storia dettagliata di questa colonia non è del tutto chiara, e alcuni particolari della sua fondazione si mescolano con il mito cantato nella tragedia greca. Si sa però che Hipponium ebbe un ruolo fondamentale nella battaglia che Locri e Medma intrapresero contro Crotone. Tanto che il suo nome viene riportato in bella vista su un’incisione di uno scudo ritrovato ad Olimpia, in Grecia. Battaglia che le fonti storiche non raccontano con certezza, tanto che gli archeologi si sono dibattuti sul significato dell’incisione per anni. 

LEGGI ANCHE: HIMERA, LA MAGNA GRECIA SICULA MENO NOTA
 
Una storia confusa quella di Hipponium anche perché l’odierna Vibo Valentia è estesa sopra il suo territorio. Passata sotto il controllo dei romani, l’ex colonia della Magna Grecia divenne sempre più importante dal punto di vista strategico, vista la posizione dominante sul Tirreno. Sono tuttavia ancora visibili le mura di Hipponium appena fuori città, che testimoniano come la colonia dovesse essere protetta (e preziosa). Esse infatti erano formate da grossi blocchi squadrati di pietre che formavano una cinta muraria di 7,5 chilometri per un’altezza di 10 metri. Vere e proprie mura monumentali, intervallate da imponenti torri che sottolineano l’importanza della colonia ellenica. Preso il Museo Archeologico Nazionale di Vibo Valentia è possibile ammirare alcuni dei rari resti di Hipponium e della sua necropoli. In particolare anfore, vasi, e un reperto di eccezionale valore visti i rari esempi mai ritrovati al mondo: una lamina in oro piegata rinvenuta sul petto di una donna defunta, in cui è incisa una sorta di formula rituale che probabilmente il defunto doveva portare con sé nell’aldilà. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100