Cerca nel sito
Himera Magna Grecia Sicilia

Himera, la Magna Grecia sicula meno nota

L’antica colonia ellenica di Termini Imerese ha una storia importante

Rovine di Himera
Di Clemensfranz - Opera propria, CC BY 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=861055
Himera
Tra le numerose testimonianze architettoniche del periodo greco della Sicilia, a Termini Imerese si trova un parco archeologico poco noto, ovvero Himera. Rispetto a quelle di Selinunte, Agrigento, Naxos, Taormina, Siracusa, le rovine di Himera non sono così famose. E purtroppo nemmeno altrettanto valorizzate, anche se le migliorie negli anni ci sono state. Eppure meritano una visita, foss’anche solo per il valore che quest’antica città della Magna Grecia ha avuto nel passato della regione.

LEGGI ANCHE: A TAORMINA L'ARTE DELLA MAGNA GRECIA
 
Himera era infatti un importante sbocco sul Mar Tirreno, ma soprattutto un avamposto tra la Sicilia ellenica e la Sicilia cartaginese. La colonia greca aveva dunque una certa importanza, ed è proprio per il suo ruolo di ‘spartiacque’ che finì per essere distrutta nelle guerre tra le due civiltà. La sua fine avvenne infatti nel 408 a.C. ad opera dell’esercito punico (in precedenza sconfitto dai greci, ma vittorioso nella vendetta). Ma sull’origine vi sono molte meno certezze. Difficilmente un luogo così fiorente, lambito dal mare e da un fiume, un fertile pianoro, era disabitato prima della fondazione della città greca. E’ probabile dunque che qui già abitassero popolazioni autoctone, quando una gens siracusana in esilio e alcuni greci (precisamente Calcidesi) provenienti da Messina – allora chiamata Zancle decisero di risiedere qui.

LEGGI ANCHE: IL PARCO ARCHEOLOGICO DI SIBARI TORNA A RISPLENDERE
 
E’ proprio in virtù della popolazione ‘multietnica’ che Himera si sviluppò in modo leggermente diverso rispetto alle altre colonie greche. Qui ad esempio si veneravano gli dei dell’Olimpo, ma anche alcuni elementi naturalistici. Anche la lingua subì influenze molteplici. Mentre mantenne la struttura urbanistica ortogonale delle altre città elleniche, con strade parallele e perpendicolari equidistanti. A nord-est si trovavano le abitazioni, ad ovest la necropoli (rinvenuta in tempi recenti, una delle più grandi mai ritrovate in Italia, la più grande in Sicilia), mentre nella parte settentrionale si trovava l’area sacra - anche se il Tempio della Vittoria, oggi la principale struttura rimasta, rimaneva al di fuori di essa. Purtroppo Himera è stata oggetto di incuria per molti anni, non vanta perciò la magnificenza di altre testimonianze elleniche in Sicilia. Eppure le sue rovine, la necropoli, il moderno (e da poco inaugurato) museo archeologico meritano di essere visitate.
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100