Cerca nel sito
Lazio Roma Santa Maria Maggiore

A Roma nevica in pieno agosto

Un singolare evento 'metereologico' si scatena ogni estate sulla capitale

Roma neve<br>
istockphotos
Roma con la neve
Non è certo comune vedere la neve ad agosto in Italia, salvo trovarsi sulle cime alpine. Ancora più inverosimile è che una nevicata imbianchi Roma nel mese più caldo dell’anno. Eppure una volta è successo, o almeno così si dice, e da allora ogni anno questo peculiare avvenimento si rievoca con artifici che riportano la neve su una delle chiese e piazze più celebri della capitale. Non occorre aspettare le previsioni meteo per sapere quando godersi questo particolare spettacolo: di solito accade puntualmente il 5 agosto, ma quest’estate succederà il 30 del mese. Se volete assistere a questo peculiare avvenimento, dovete recarvi a Santa Maria Maggiore, sull’Esquilino.

Santa Maria Maggiore

Perché ‘nevica’ sull’Esquilino
    
La chiesa, che è una delle quattro basiliche papali romane (assieme a San Pietro, San Giovanni e San Paolo) sorge infatti sul perimetro di un luogo indicato dalla Madonna attraverso un miracolo: una nevicata in pieno agosto. Leggenda narra che la Vergine apparì in sogno a papa Liberio (il cui pontificato iniziò nel 352 e si concluse nel 366) e a una coppia di patrizi a lei particolarmente devoti nella notte tra il 4 e il 5 agosto. Li avvertì che sarebbe avvenuto un miracolo, e che il prodigio avrebbe indicato il luogo ove ella desiderava si erigesse una chiesa. E in effetti, si dice, la mattina dopo l’area che oggi corrisponde a Santa Maria Maggiore era straordinariamente innevata. Il papa decretò quindi che sul perimetro della nevicata si sarebbe costruito un luogo di culto dedicato alla cosiddetta Madonna della Neve (Santa Maria ad Nives) che i nobili sognatori finanziarono.

Da allora ogni anno il 5 agosto viene ricordata la prodigiosa nevicata. Come? Con la caduta di petali di rosa bianca dalla cupola della chiesa. In tempi recenti il ‘miracolo’ si è tecnologizzato, diventando neve artificiale e spettacoli di luci. Quest’anno, la celebrazione è stata rimandata a causa dell’emergenza sanitaria, ma il 30 agosto l’appuntamento è all’Esquilino per vedere la prodigiosa nevicata sulla piazza antistante la chiesa, replicata grazie a luminarie e proiezioni ad hoc. Il miracolo continua, insomma, ma si digitalizza.

L'interno della Basilica

La basilica e i dintorni

Della originale basilica liberiana, che sarebbe la più antico santuario mariano in Occidente, non ci sono tracce evidenti, mentre è certo che papa Sisto III nel 430 circa fece erigere in quel luogo la basilica a tre navate che nei secoli – in seguito a svariati interventi - diventerà quella che oggi è la maestosa Santa Maria Maggiore. La navata centrale è decorata da splendidi mosaici, ai lati cicli pittorici ed edicole votive rendono la basilica un vero e proprio museo con opere che attraversano le epoche. Al suo interno c’è  un ufficiale Museo della Basilica, che conserva una scultura considerata la più antica testimonianza di un presepio fatto con statue. Anche l’organo è un prezioso pezzo di arredamento, anche se moderno (è del 1955). Sotto la basilica si trova invece un’area archeologica con ambienti risalenti alla Roma antica e testimonianze di un luogo di culto paleocristiano.

Scopri anche: Roma, la chiesa delle illusioni ottiche

Un vicolo di Monti con vista sul Colosseo

Santa Maria Maggiore si trova sulla sommità del colle Esquilino, a due passi dal rione Monti che, se non conoscete la città, suggeriamo di visitare. Un tempo qui si trovava la Suburra, la periferia della città, e oggi i vicoli di Monti sono un susseguirsi di trattorie e ristorantini, accoglienti enoteche, pittoresche piazzette. Non mancano i negozi di design, botteghe di artigianato e abbigliamento (spesso vintage), che lo rendono una delle mete ‘bohemien’ della città. Infine, si trova a due passi da via dei Fori Imperiali e da alcune prospettive si può vedere il vicinissimo Colosseo, ciliegina sulla torta di una zona che in quanto a bellezza non ha nulla da invidiare al centro storico più noto.

Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati