Cerca nel sito
Pavia monumenti Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro

A Pavia per scoprire la Basilica citata da Dante

Insigne esempio di architettura romanico lombarda, la Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro conserva la spoglie di Sant'Agostino

Interno basilica
© Provincia di Pavia
San Pietro in Ciel d'Oro, interno con l'Arca di Sant'Agostino
Città a misura d’uomo, visitabile tranquillamente a piedi, Pavia si svela al visitatore con il centro storico che ha mantenuto inalterato l’impianto romano, dove sono custodite le testimonianze più importanti del suo passato storico. Non è infatti solo la celebre Certosa, uno dei monumenti più importanti del Rinascimento, a renderla particolarmente suggestiva. Numerose, infatti, sono le attrazioni da non perdere tra il Castello, le piazze, i palazzi e le chiese. Tra queste, oltre alla Cattedrale e alla Basilica di San Michele, spicca la Chiesa di San Pietro in Ciel d’Oro, cosi chiamata per la cupola interna dorata, le cui origini risalgono all’inizio del VI secolo.

Leggi anche: A PAVIA IL PALAZZO PIU' ANTICO DELLA LOMBARDIA

Si tratta di un mirabile esempio di architettura romanica lombarda considerato, con la Basilica di San Michele, il più importante monumento religioso medievale della città. Sulla facciata a capanna, scandita da due contrafforti che la dividono in tre zone corrispondente alle navate interne, una lapide riproduce la terzina del Canto X del Paradiso di Dante Alighieri: “Lo corpo ond’ella fu cacciata giace giuso in ciel d’auro Ed essa da martiro e da esilio venne a questa pace”. Il sommo poeta fa riferimento alla sepoltura del filosofo romano Severino Boezio, che venne fatto uccidere in questo luogo dal re ostrogoto Teodorico e sulla cui tomba sorse l’originaria basilica paleocristiana di cui rimangono pochissimi resti nascosti sotto la ricostruzione romanica.

Leggi anche: PAVIA, LA CERTOSA CAPOLAVORO DEL RINASCIMENTO ITALIANO

L’interno ospita la tomba del Re Longobardo Liutprando le cui ossa furono ritrovate nel 1896 e le reliquie di Sant’Agostino, portate qui proprio da Liutrpando. Sono conservate nella famosa Arca di Sant’Agostino, visibile con la sua mole sull’altare maggiore. L’arca venne realizzata dai Maestri Campionesi nel 1362 e spicca per le sue 150 statue e bassorilievi che raffigurano angeli, santi e vescovi e da formelle con la vita del santo. Il capolavoro marmoreo è un’opera gotica divisa i tre fasce: in quella inferiore c’è l’urna con i resti del santo; al centro una fascia aperta con la statua di Sant’Agostino dormiente e in alto l’ultima fascia, poggiata su pilastrini e coronata da cuspidi triangolari. La navata centrale si presenta più larga, più lunga e meno slanciata rispetto a quelle laterali. Le prime due campate della navata sinistra sono decorate da interessanti affreschi cinquecenteschi mentre la cripta, restaurata nel corso dell’Ottocento, ospita le spoglie di Severino Boezio.

ALTRI MONUMENTI DA NON PERDERE A PAVIA
Basilica di San Michele Maggiore
Duomo
Palazzo Broletto

Scopri tutti i MONUMENTI D’ITALIA
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lombardia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100