Cerca nel sito
Mostre in Toscana giugno 2016 arte

3 imperdibili mostre per weekend d'arte in Toscana

Nella regione famosa per essere stata la culla del Rinascimento 3 esposizioni offrono ai turisti un importante sguardo sull'arte contemporanea e la fotografia moderna

Immagine del Tempo
PH: Kristopher McKay © Fondazione Emilio e Annabianca Vedova 
Emilio Vedova - Immagine del tempo (Sbarramento), 1951
A San Gimignano presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Grada” è possibile visitare la mostra Robert Capa In Italia 1943 – 1944. Dedicata al grande fotoreporter di guerra  l'esposizione racconta con 78 immagini in bianco e nero gli anni della seconda guerra mondiale in Italia. Considerato da alcuni il padre del fotogiornalismo, da altri colui che al fotogiornalismo ha dato una nuova veste e una nuova direzione, Robert Capa (Budapest, 1913 – Thái Binh, Vietnam, 1954) pur non essendo un soldato, visse la maggior parte della sua vita sui campi di battaglia, vicino alla scena, spesso al dolore, a documentare i fatti. In oltre vent’anni di attività ha seguito i cinque maggiori conflitti mondiali: la guerra civile spagnola, la guerra sino-giapponese, la seconda guerra mondiale, la guerra arabo-israeliana del 1948 e la prima guerra d’Indocina.
 
Fino al 24 luglio 2016 Palazzo Strozzi ospita una grande mostra che porta a Firenze oltre 100 opere d’arte europea e americana realizzate tra gli anni venti e gli anni sessanta del Novecento, in un percorso che ricostruisce rapporti e relazioni tra le due sponde dell’Oceano, nel segno delle figure dei collezionisti americani Peggy Guggenheim e Solomon R. Guggenheim. Curata da Luca Massimo Barbero, la mostra intitolata Da Kandinsky A Pollock. La grande arte dei Guggenheim, nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Palazzo Strozzi e la Fondazione Solomon R. Guggenheim di New York e mette in scena uno straordinario e inedito confronto tra le collezioni di Solomon e Peggy, zio e nipote, in un percorso che si snoda tra le più grandi figure della storia dell’arte del XX secolo.
 
Fino al 26 giugno 2016 la Fondazione Ragghianti presenta una doppia personale  a cura di Paolo Bolpagni che vede protagonisti il francese François Morellet (Cholet, 1926), uno dei più grandi e celebrati artisti viventi, tra i maestri indiscussi del contemporaneo, e Mario Ballocco (Milano, 1913-2008), pittore e teorico di enorme talento e genio pionieristico, di cui è in atto da alcuni anni la riscoperta. Si tratta del primo tentativo, mai compiuto finora, di accostare i percorsi di due artisti che non si conobbero, ma, soprattutto in alcune fasi delle rispettive carriere, imboccarono “parallelamente” strade analoghe e molto anticipatrici. I due furono, uno in Francia e l’altro in Italia, precursori, già all’inizio degli anni Cinquanta, di molti aspetti dell’arte cinetica e programmata e in certa misura anche della Optical Art che sarebbe esplosa come tendenza generale nel decennio successivo.
 
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100