Cerca nel sito
Basilicata artigianato artistico lavorazione legno Matera timbri pane

Basilicata: 4 cose da sapere sui timbri da pane di Matera

La cittadina lucana è preziosa anche per una lavorazione artigianale molto particolare

Lavorazione legno
Courtesy of©Ivanko_Brnjakovic/iStock
Lavorazione legno
In Basilicata, oltre ai Sassi di Matera, città prossima a divenire la Capitale Europea della cultura nel 2019, grande attenzione spetta anche all’artigianato artistico che porta appassionati e semplici curiosi a misurarsi con la cultura contadina e rurale. Ebbene sì, la maggior parte degli oggetti cari alla tradizione lucana sono nati dal recupero delle materie presenti sul territorio al fine di soddisfare in primis esigenze quotidiane come dimostrano, ad esempio, i famosi timbri da pane, uno dei simboli della murgia materana usati per riconoscere il proprio pane una volta portato a cuocere dalle massaie nei forni comuni.

LEGGI ANCHE IN UN PANE LA STORIA DI MATERA
 
LA TRADIZIONE L'artigianato lucano, oggi come ieri, vede i maestri artigiani lavorare i materiali offerti dal territorio come il legno, elemento naturale da sempre presente nella vita dell’uomo per la costruzione ora di utensili casalinghi ora di attrezzi da lavoro e complementi d'arredo ma anche per creare oggetti ad alto valore artistico. Vale la pena soffermarsi sui timbri da pane la cui storia risale agli anni ’50 del ‘900, periodo in cui le massaie erano solite impastare il pane in casa per poi consegnarlo ai garzoni dei forni per la cottura ma non prima di timbrare la pasta lievitata con un marchio che ne rendeva riconoscibile la provenienza. Era infatti buona abitudine segnare ogni forma servendosi di uno strumento realizzato dai pastori durante il periodo della transumanza, momento in cui si dedicavano all’intaglio del legno concentrandosi però più sull’aspetto funzionale che su quello estetico. Oggigiorno le cose sono cambiate, si potrebbe dire che si sono capovolte in quanto il timbro, avendo perso la sua funzione originale e divenendo un oggetto prettamente decorativo, è più bello che utile in quanto realizzato con estrema cura avvalendosi solo di legni pregiati.
 
LE CARATTERISTICHE Il timbro presenta una parte superiore artistico-figurativa decorata con elementi architettonici o sacri, figure umane, animali domestici, simboli di virilità e prosperità in base all’estro artistico del pastore. A questa sezione è collegata, tramite un manico, la base sulla cui estremità venivano un tempo scolpite le iniziali del capofamiglia o l’effige della famiglia di appartenenza.
 
IL TERRITORIO Per ammirare questi timbri in tutto il loro splendore è possibile fare visita al Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola a Matera o al Museo dedicato alla Civiltà Contadina di Aliano.
 
INDIRIZZI Oggigiorno proprio tra i vicoli della spettacolare città dei Sassi, là dove un tempo c’erano i forni, si trovano illustri botteghe come il Bottegaccio, laboratorio caratteristico in cui passato e presente si incontrano e si raccontano attraverso pregiati manufatti tra cui i famosi timbri. Tra i nomi cari alla cittadina lucana spicca quello di Massimo Casiello con il suo laboratorio sito nel cuore del paese, un pezzo di storia che permette di scoprire il fascino di quella tradizione recuperata e ancora Antonio Cosola la cui produzione artigianale è legata alla creazione dei timbri da pane.
 
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione Basilicata
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati