Cerca nel sito
HOME  / sport
Sport natura trekking Piemonte Parco

La bellezza della Val Grande tra trekking e natura

Escursioni all’insegna dell’equilibrio, del silenzio e della sicurezza nel polmone verde compreso tra Lago Maggiore e Val d'Ossola

Parco Nazionale della Val Grande, natura
©massimo mattioli
Parco Nazionale della Val Grande, natura
Immersi nella natura, nell'armonia, nella bellezza e nella pace della zona selvaggia più estesa delle Alpi e d'Italia. A prova di distanziamento sociale, lontani (si spera) dal Covid. Ripartono le attività del Parco Nazionale della Val Grande, l'area naturale protetta, interamente compresa nei confini della provincia del Verbano-Cusio-Ossola, in Piemonte

 
Partite le 50 sfumature di Parco, fino al 19 settembre
 
E' partita sabato scorso l'iniziativa "50 sfumature di Parco", 50 appuntamenti (ormai 49) in calendario fino al 19 settembre. Ogni sabato grandi e piccini, in compagnia di una Guida Ufficiale del Parco, potranno scoprire la cultura, la flora, la fauna e la geologia di questo territorio. Ovviamente rispettando tutte le norme di sicurezza: saranno previsti unicamente piccoli gruppi di partecipanti (max 12 persone), che dovranno essere equipaggiati con i dispositivi di protezione necessari e seguire poche e semplici regole per vivere serenamente tutte le esperienze previste dal ricco programma. 
 
“Con 50 sfumature di Parco inizia l'estate della ripartenza anche nel Parco Nazionale della Val Grande – commenta il Presidente del Parco, Massimo Bocci – Saranno cinquanta giornate da trascorrere con le nostre guide ufficiali, un'occasione irripetibile per conoscere i paesi che popolano la nostra area protetta e le meraviglie naturali della Val Grande”. 

Leggi anche: Piemonte, Serravalle e dintorni in 4 tappe

 
Il programma e i temi trattati 
 
In quattro dei paesi coinvolti, nel dettaglio Cicogna, Malesco, Miazzina e Santa Maria Maggiore, le giornate inizieranno alle ore 9.00 con una sessione di intepretazione ambientale per adulti. Per proseguire alle ore 10.30 con una breve escursione guidata. Questa include le soste informative a cura delle guide e la pausa per un pic-nic nel verde. Sino alle ore 16.00, quando si svolgerà una sessione di interpretazione ambientale per bimbi e famiglie. A Vogogna, invece, la prima sessione di intepretazione ambientale per bimbi e famiglie si terrà alle ore 16.00; seguirà una breve escursione con ritrovo alle ore 17.30 e infine la sessione di interpretazione ambientale serale per adulti alle ore 21.00. 
 
Molto interessanti e coinvolgenti i temi trattati. Si va dalle passeggiate alla scoperta delle rocce con cui sono stati costruiti piccoli borghi alpini ai percorsi di valorizzazione di simboli, parole e storie di uomini e donne della Val Grande. Ancora “Mostra e dimostra” permetterà di imparare a realizzare un erbario o ad intrecciare fibre vegetali. Spazio inoltre alle erbe selvatiche e al loro utilizzo in cucina e in erboristeria grazie a “Facciamo come Linneo: le erbe in un quadrato, le erbe nel piatto, le erbe che curano”. 
 
Si scoprirà la “Natura che cura”, con esperienze sensoriali, meditazione, linguaggio LIS e yoga nella natura, ancora si approfondiranno gli affascinanti temi de “La geografia degli animali” e degli “Animali in viaggio”. Con “Maghi della sopravvivenza” le guide del Parco illustreranno storie di alpigiani e contadini, architetture ingegnose e paesaggi della Val Grande. “Dimmi cosa lasci e ti dirò chi sei” sarà una giornata per investigare e comprendere i segni della presenza degli animali che abitano i boschi e i prati di montagna. E, infine, “Con i piedi per terra” svelerà ai partecipanti i trucchi per orientarsi nel Parco Nazionale della Val Grande. 

 
La bellezza e la natura del parco
 
La grande estensione del territorio privo di insediamenti umani, le caratteristiche dei paesaggi e il panorama offerto dalle Alpi Lepontine fanno del parco una meta ambita per gli amanti della natura e del trekking. All'interno del parco si trovano la Riserva naturale Val Grande (riserva naturale integrale e biogenetica di 973 ettari) e la Riserva naturale Monte Mottac (riserva naturale orientata e biogenetica di 2.410 ettari). Ricca e interessante la presenza di specie vegetali e animali.
 
Per quanto riguarda la flora, nella bassa Val Grande predominano i boschi misti di latifoglie con prevalenza del castagno. Il faggio costituisce invece la specie arborea più diffusa dell'alta Val Grande. A questi si aggiungono, seppur limitati per estensione, i boschi di conifere, le cui specie principali sono l'abete rosso e l'abete bianco. Le forre sono tra gli ambienti più significativi e di interesse prioritario a livello europeo e sono colonizzate da tassi, ontani, tigli e aceri.
 
Salendo di quota, gli arbusti si sostituiscono al bosco. Nei versanti esposti a nord prevalgono gli alneti costituiti dall'ontano verde e da un ricco sottobosco con felci e muschi. Mentre il rododendro e il mirtillo si insediano a quote generalmente superiori. Più in alto dominano le praterie alpine e l'ambiente a vegetazione rupestre. Le specie botaniche più rare e interessanti sono sicuramente l'aquilegia alpina, l'arnica montana, la genziana lutea e la campanula excisa. 

 
La fauna del territorio
 
Tra gli uccelli sono da indicare l'aquila reale, il falco pellegrino, il gallo forcello, il francolino di monte e il gufo reale. Degni di nota sono anche le diverse specie di picchi, fra cui il picchio nero, e alcuni Passeriformi come il luì bianco e l'averla piccola. Gli erbivori sono presenti nel territorio del Parco con popolazioni ben strutturate come nel caso del camoscio e del capriolo. Presente anche il cervo. 
 
Volpe, faina, martora, tasso e donnola sono i rappresentanti più significativi tra i carnivori. Ma nei boschi abitano numerosi piccoli mammiferi come ghiri, vipere e topi selvatici. Tra le acque, invece, si possono scorgere  la trota fario e lo scazzone. Non è raro l'incontro con due specie di uccelli che frequentano i grossi massi e le rive acciottolate: il merlo acquaiolo e la ballerina gialla. Specie di rilievo si ritrovano anche tra gli insetti, in particolare tra i coleotteri.
Saperne di più su SPORT
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati