Cerca nel sito
Venezia Ca' Dario

Venezia, perchè Ca' Dario è un palazzo maledetto

La fama del bellissimo palazzo veneziano è segnata da terribili sciagure: leggenda o realtà?

Facciata di Ca' Dario
©Di Iain99 - Opera propria, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons
Ca' Dario, palazzo di Venezia
Tra Santa Croce e San Polo, a Venezia, si trova il Sestiere di Dorsoduro, cosi chiamato perché in origine la zona aveva un terreno stabile e non troppo paludoso. Dopo quello di San Marco, è in questo sestiere che si concentrano i musei importanti come la Galleria dell’Accademia, la Collezione Peggy Guggennheim, la Fondazione Francois Pinault di Punta della Dogana. Ed è qui che sorgono anche Ca' Rezzonico, con il museo del Settecento veneziano, la Scuola Grande dei Carmini e Ca' Foscari, sede dell'omonima università. All’imbocco del Rio delle Torreselle si affaccia un palazzo elegante e maestoso, che si presenta con il suo tipico stile veneziano: si tratta di Ca' Dario, che spicca non solo per la sua strabiliante architettura ma anche per la sua storia che vede la fine tragica di molti suoi proprietari, caratteristica che lo ha reso tristemente famoso.

Scopri l'albergo più antico di Venezia

Andando a ritroso nel tempo, infatti, si vanno a conoscere episodi su uccisioni o suicidi per cause misteriose di molti che acquistarono la casa. Nel 1479 l’aristocratico Giovanni Dario, membro di spicco della Serenissima, commissionò la realizzazione per un bellissimo palazzo all’architetto Pietro Lombardo che progettò un edificio differente da quelli affacciati sul Canal Grande. Con la morte di Giovanni Dario la Casa passò alla figlia Marietta e al ricco marito Giacomo Barbaro, che subì un tracollo finanziario subito dopo e morì accoltellato. In seguito a questo tragico evento leggenda vuole che anche la donna, in piena crisi, morì suicidandosi mentre uno dei tre figli venne trovato morto in seguito ad un agguato. Gli altri due figli, Giacomo e Giovanni, presero possesso di Ca’ Dario nel 1522, e la utilizzarono a scopi personali sino alla morte di Giovanni. Seguì un periodo di anni felici per i proprietari dello splendido palazzo. La maledizione riprese agli inizi del XIX secolo, quando la proprietà venne acquistata da Alessandro Barbaro, membro dell'ultimo Consiglio dei Dieci della Repubblica di Venezia e Consigliere Aulico del Tribunale Supremo di Verona, che la vendette al primo acquirente extra familiare, un commerciante armeno di pietre preziose di nome Arbit Abdoll. L'uomo non ebbe molto tempo per godersi la nuova abitazione, poiché presto la sua attività fallì miseramente e morì subito dopo.

Le curiosità di Venezia? Eccone alcune poco note

Proprietario successivo fu Radon Brown, uno studioso inglese che  visse tutta la sua vita a Venezia e che, dopo una costosissima ristrutturazione del palazzo, morì misteriosamente. Tragico epilogo anche per l’americano Charles Briggs, fuggito in Italia con il suo amante perché negli Stati Uniti l'omosessualità era fuorilegge, ma che a Venezia si suicidò. Henri de Régnier lo scrittore e poeta francese tra i fondatori del simbolismo e del verso libero, visse come ospite a Ca’ Dario tra il 1899 e il 1901 ma qui fu colto da una terribile malattia. La brutale storia di assassinio più accreditata, poiché documentata dai giornali, è quella del Conte Filippo Giordano della Lanze, che acquistò il palazzo agli inizi degli Anni Settanta e che venne trovato dalla cameriera con la testa fracassata ucciso dall’amante diciottenne con una statuetta. Di ipotesi si parla invece riguardo al suicidio di Christopher "Kit" Lambert, manager del gruppo rock The Who, che acquistò Ca' Dario e morì cadendo dalle scale, cosi come leggenda sembra essere il tragico incidente d’auto senza testimoni della sorella del successivo proprietario di Ca’Dario, Fabrizio Ferrari, che agli inizi degli Anni Ottanta rimase vittima di un tracollo economico. L’ultimo proprietario fu il celebre imprenditore ravennate Raul Gardini, che acquistò il palazzo per farne dono alla figlia. Dopo essere stato coinvolto in numerosi scandali finanziari mori suicida. Oggi lo splendido palazzo è stato restaurato e messo in sicurezza di nuovi proprietari americani che vogliono rimanere anonimi. 
Saperne di più su Segreti d'Italia
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati