Cerca nel sito
Ipogei Santarcangelo di Romagna grotte visita segreti 

Le misteriose grotte di Santarcangelo di Romagna

Al di sotto della famosa cittadina romagnola si trovano alcuni ipogei dall'origine incerta

Panorama Santarcangelo
istockphotos
Santarcangelo di Romagna
Santarcangelo di Romagna è una pittoresca cittadina che si trova sulla Via Emilia, a pochi chilometri da Rimini, dalle incantevoli fattezze architettoniche e vivacizzata dal godereccio spirito romagnolo. Ma al di sotto dell’area che la ospita, quella del Colle Giove, a diversi metri di profondità nel ventre della terra, Santarcangelo di Romagna nasconde un mistero.
 
La cittadina sorge infatti su un complesso ipogeo, una serie di spelonche, cunicoli, vani, nicchie e pozzi la cui origine è tutt’oggi incerta. Anche se vengono comunemente definiti ‘grotte’ gli spazi sotterranei del complesso non si possono definire tali, perché non si tratta di elementi naturali ma realizzati per mano umana: la roccia arenaria è stata scavata per dar vita a questi incredibili ipogei. Si tratta di un complesso dall’evidente progetto ingegneristico, realizzato con sapienza su 3 livelli, con tanto di pozzi per il ricambio dell’aria, per un totale di oltre 150 ipogei. Alcuni hanno una conformazione a ‘pettine’ in cui nicchie si aprono simmetricamente lungo un corridoio, altri hanno una singolare forma circolare o rettangolare, con cupole come copertura e colonne portanti decorate. 
 
La prima documentazione sul complesso ipogeo risale al 1496, vi è poi una totale assenza di testimonianze scritte fino al 1700, in cui il termine ‘grotta’ inizia a ricorrere con frequenza in atti notarili, compravendite, testamenti. Si sa con certezza che gli ipogei di Santarcangelo sono stati utilizzati come cantine e come depositi per le derrate alimentari, ma una tale complessità architettonica suggerisce che la destinazione iniziale non fosse certo quella di ‘ripostiglio’. Le ipotesi sono tantissime; la conformazione del complesso ipogeo suggerisce un uso legato alla religione forse riferibile al culto pagano di Mitra, o risalente all’epoca paleocristiana, potrebbero anche essere luoghi di sepoltura o utilizzati per rituali dai monaci basiliani. Nessuno è mai giunto ad una origine certa degli ipogei santarcangelesi, che ad oggi rimangono un curioso mistero e un’attrazione turistica interessante. 
 
E’ possibile infatti visitare gli ipogei con tour guidati, per scoprire il labirinto di grotte e vani, corridoi e nicchie, spazi scanditi da navate, cupole, rampe, absidi, atri, incassi. Chi è interessato al mistero può recarsi agli ingressi della Grotta Pubblica, o trovare maggiori informazioni a questo link.

SCOPRI I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
 
Saperne di più su Segreti d'Italia
Correlati per regione Emilia Romagna
Seguici su:
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati