Cerca nel sito
India Siti Unesco

India, viaggio alla scoperta dei Patrimoni Unesco

20 splendidi siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità

Interno grotta
©iStockphoto
India, interno di una Grotta di Elephanta
Complesso del tempio di Mahabodhi, Bodh Gaya
E’ uno dei luoghi di pellegrinaggio più importanti per i buddisti, poiché si ritiene che si trovi sul luogo in cui il Buddha raggiunse l'illuminazione sotto un albero della Bodhi (un discendente dell'albero originale si trova ancora nel complesso). Il tempio principale qui presenta un design piramidale a gradoni.

Tomba di Humayan, Delhi
L'ultima dimora di Humayan, il figlio di Barbur, colui che fondò l'impero Mughal, questo sito è uno dei primi esempi di architettura Mughal. Risalente alla fine del XVI secolo, presenta una grande tomba a doppia cupola circondata da giardini e numerose tombe più piccole sullo stesso complesso.

Scopri come immortalare al meglio i Siti Unesco dell'India

Taj Mahal, Agra
L'attrazione più iconica dell'India, il Taj Mahal è una delle attrazioni architettoniche più mozzafiato al mondo. Costruito dall'imperatore Mughal Shah Jahan per la sua defunta moglie, questo straordinario mausoleo dalla cupola bianca è pittoresco in ogni momento del giorno o della notte, ma è particolarmente sorprendente all'alba o alla luce della luna piena.



Ajanta e Ellora Caves, Maharashtra
Sebbene distanti tra loro, le 30 caverne di Ajanta ed Ellora sono generalmente visitate in un unico viaggio. Questi templi rupestri riccamente scolpiti sono noti per i loro bellissimi interni e le sculture scavate nella roccia.

Templi di Khajuraho, Madhya Pradesh
Noti anche come "templi Kama Sutra" per la prominente arte erotica che li adorna, questi bellissimi templi risalenti all'inizio del X secolo sono alcune delle strutture più grandi e meglio conservate della loro era in tutta l’India.

Chand Baori, Abhaneri, Rajasthan
Simile a una stampa di MC Escher, risulta essere un popolare punto di sosta tra Jaipur e il Taj Mahal. Risalente al XIX - X secolo,  presenta una bella successione di scale ripide all'interno di un enorme pozzo, progettato per aiutare le persone a portare l'acqua a mano.

Mahabilapuram, Tamil Nadu
Affacciato sul Golfo del Bengala nello stato meridionale indiano del Tamil Nadu, questo sito comprende circa 400 monumenti e templi indù risalenti al VII e VIII secolo, durante la dinastia del Pallava. Presenta una miscela di templi rupestri, bassorilievi e templi di ratha che sono stati scolpiti dalle rocce locali per assomigliare ai carri.

Forte di Mehrangarh, Jodhpur
Alto su una collina che domina la "città blu" di Jodhpur, questo forte del XV secolo è tra i più grandi in India. Oltre a bastioni e splendide viste sulla città, vanta anche una serie di gallerie con ogni sorta di artefatti e arte, tra cui dipinti, palanchesi, armature e una vasta collezione di turbanti. 

Tempio d’oro, Amristar
Uno dei luoghi più sacri della terra per i sikh, offre alla vista lo splendido tempio principale in oro scintillante, situato in una grande piscina quadrata, accessibile tramite una strada rialzata.

Palazzo di Mysore, Mysore
Splendido esempio di architettura indo-saracena, questo palazzo noto anche come Ambavilas non è solo bello da vedere dall'esterno, ma è anche pieno di meraviglie di ogni genere. Gli opulenti interni si caratterizzano dai pavimenti a mosaico e colonne maestose, oltre a una collezione di oggetti religiosi, opere d'arte e persino bambole.



Hawa Mahal, Jaipur
La struttura più iconica di Jaipur, il Hawa Mahal color salmone o "Palazzo dei Venti" è una struttura a cinque piani costruita alla fine del XVIII secolo come un rifugio sicuro per le donne reali che si fermano e osservano la vita che scorre nella città sottostante. Le sue 953 finestre a grata fanno sembrare il palazzo un nido d'ape dall’esterno. Interessante è notare che le grate sono disposte in modo tale da consentire all'aria fresca di circolare all’interno.

Leggi anche: 5 cose da sapere prima di partire per Jaipur

Santuario di Haji Ali, Mumbai
Situato su un'isoletta che si protende nel porto di Mumbai, il santuario del santo sufi Haji Ali è uno dei luoghi più sacri della città, in particolare per la popolazione musulmana locale. È accessibile solo tramite una strada rialzata quando le maree sono abbastanza basse da rendere possibile la camminata.

Grotte di Elephanta, Mumbai
Si trovano su un'isola al largo della costa di Mumbai, e sono accessibili solo tramite traghetto: si tratta di una serie grotte-templi indù buddiste basalto scavate nella roccia tra il VI e l’VIII secolo: famoso è il grande bassorilievo del Signore indù Shiva nella sua manifestazione a tre teste.

Fatehpur Sikri, Uttar Pradesh
Appena fuori Agra, è una delle città fantasma meglio conservate al mondo. Realizzata quasi interamente in arenaria rossa, serviva da capitale dell'Impero Mughal sotto Akbar. Ospita anche la porta più grande del mondo, la Buland Darwaza, che si erge su un'altezza di 54 metri

Kalighat Kali Temple, Kolkata
E’ dedicato alla dea indù Kali ed attira visitatori da tutto il paese. È uno dei 51 Shakti Peeths sparsi in tutta l'India, una collezione di importanti templi e santuari della dea particolarmente significativi per i seguaci di Shakitsim, un ceppo di induismo incentrato sul culto della dea che domina nel Bengala occidentale.

Chittorgarh, Rajasthan
Tra le fortificazioni più grandi dell'India, Chittorgarh è un complesso di fortezze gigantesche che si estende per quasi 700 ettari. Ha avuto origine nel VII secolo come capitale del regno di Mewar, e cadde sotto assedio ripetutamente nel corso degli anni, fino a un trattato nel 1616. I punti salienti includono un serbatoio, una serie di intricati templi giainisti, antichi palazzi, oltre alla Torre della Vittoria, alta nove piani e costruita nel Medioevo.

Tempio di Jagatpita Shri Brahma, Puskar
E’ l’unico tempio al mondo dedicato al dio creatore indù, Brahma: risalente al XIV secolo è uno dei pochi nella città di Pushkar, aperto a visitatori internazionali e non indù. La guglia color zafferano del tempio e i pilastri blu sono particolarmente belli con lo sfondo del lago Pushkar.

Ghat sul fiume Gange, Varanasi
Ritenuta una delle più antiche città abitate ininterrottamente sulla terra, Varanasi è la città più sacra dell'India per gli indù. Si trova proprio sulle rive del fiume Gange, a cui è possibile accedere in tutta sicurezza tramite gli 88 ghat della città, serie di scale che scendono nel fiume, rendendo facile bagnarsi nelle sue acque senza essere travolti dalle correnti. Alcuni ghat hanno scopi specifici, che vanno dalle cremazioni alle cerimonie di preghiera serale.

Leggi anche: Sacro Gange, viaggio alle origini dello Yoga

Tempio del Loto, Delhi
Uno dei pezzi architettonici più spettacolari di Delhi, il Baha'i House of Worship, più comunemente noto come il "Tempio del Loto", è un edificio iconico in marmo bianco progettato per assomigliare a un loto che si dispiega.

Palazzo della città, Udaipur
Nel cuore della romantica città lacustre del Rajasthan di Udaipur, proprio sulle rive del lago Pichola, il City Palace, di colore bianco, merita una visita solo per la sua splendida architettura dominata da colonne, archi e cupole a cipolla. Tuttavia, i veri tesori si trovano all'interno e includono una vasta selezione di manufatti, tra cui la più grande collezione al mondo di cristalli fini.


Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese India
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati