Cerca nel sito
Pomona location film Unsane Steven Soderbergh New York

Steven Soderbergh sceglie Pomona per il suo ritorno

L'Unsane girato con l'iPhone si svolge al Summit Park Hospital 

20th Century Fox
Pomona, chi era costei? Per gli antichi romani era la dea dei frutti, dell'olivo e della vite, ma dall'altra parte dell'Oceano il suo nome è stato utilizzato per due diverse cittadine, una in California - nella valle omonima della contea di Los Angeles - e una nello Stato di New York… Non lontano da qui Colin Trevorrow aveva girato Il libro di Henry (a Croton-on-Hudson, una quindicina di chilometri in linea d'aria, sorvolando il fiume), ma stavolta a scegliere la zona come set è stato Steven Soderbergh, che per il suo più atteso ritorno sulle scene ha scelto proprio la piccola Pomona, e in particolare il suo Summit Park Hospital, trasformato nell'Highland Creek Behavioral Center dove si svolge l'odissea della protagonista, la disperata Claire Foy (la regina Elisabetta II di Crown).

In Unsane l'attrice interpreta Sawyer Valentini, una giovane donna vittima di uno stalker che decide di lasciare la natale Boston per tentare di rifarsi una vita in un’altra città. Quando però, cercando conforto da una terapista, viene costretta alla permanenza forzata in un istituto psichiatrico, dovrà confrontarsi con la sua più grande paura... Ma il dramma che vive è reale o solo il frutto della sua mente?

L'esperienza vissuta ai piedi delle Ramapo Mountains sembra inoltre aver convinto il regista di Atlanta a tal punto da avergli fatto dichiarare di voler continuare a girare i suoi prossimi film solo con lo smartphone, come in questo caso. Anche se non tutte le location si potrebbero prestare come l'istituto del ventoso villaggio della Contea di Rockland, a una cinquantina di chilometri a Nord di Manhattan… Un "gradevole agglomerato di abitazioni unifamiliari" in grande spolvero, dove vive una "comunità tranquilla e appartata, il più vicino possibile alla natura", a detta del Sindaco Carbery.

Una struttura abbandonata - che inserisce il film nel filone di altri thriller ospedalieri come Il corridoio della paura, The Ward o Qualcuno volò sul nido del cuculo - che si è rivelata una "benedizione" secondo lo sceneggiatore James Greer. "Volevo girare in una ambientazione reale", rivela Soderbergh, che ha passato anni a cercare quella giusta, visto che almeno l'80% dell'azione si svolge in interni… "Era evidente come e quando fosse stato abbandonato, passando negli uffici era chiaro che alla gente che vi lavorava fosse stato detto 'alzati e sparisci!', per le risme di carta impilate, i calendari, le tazze di caffè…". "L'ospedale psichiatrico è chiuso, da anni, ma una piccola porzione di esso è ancora in funzione, come casa di cura, - aggiunge la scenografa April Lasky. - L'ala in cui abbiamo girato non ha accolto pazienti da molti anni, ma molte stanze avevano ancora i mobili. Lo spazio che abbiamo usato per il grande reparto principale - dove le infermiere di Highland Creek tengono d'occhio i pazienti - aveva ancora dozzine di sedie a rotelle che abbiamo spostato".

Per una delle scene più intense della vicenda, nella cella in cui Sawyer affronta la sua peggiore paura, la Lasky ha fortunatamente scoperto la presenza di "una sezione del Centro di Scienze Comportamentali e Salute Mentale con una stanza imbottita esistente che abbiamo finito usando per il film aggiungendole imbottiture sul pavimento per renderla omogena con le pareti. Uno spazio molto piccolo e inquietante - perfetto per Unsane - con solo una porta, e una finestra, che abbiamo dovuto coprire per la nostra scena". Che il regista ha potuto girare solo con un assistente alla macchina da presa, uno stunt safety supervisor e gli attori… visto il poco spazio. "Quello che non sapevamo era quanto apparisse sorprendente dall'aria, - racconta Soderbergh ricordando le immagini riprese dall'alto dai droni. - Non mi ero reso conto, da terra, di come il luogo emergesse dal paesaggio come un dente nel paesaggio".
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100