Cerca nel sito
viaggi Spagna Malaga hotel museo Picasso 

Malaga, Picasso e la Tv

48 ore nella vivace capitale della Costa del Sole in occasione di un'interessante mostra che evidenza il rapporto tra il celebre artista e la tv di quegli anni 

© Thinkstock
Che piaccia o no, l’arte di Pablo Picasso è conosciuta in tutto il mondo e non c’è persona che non abbia in mente almeno un’opera del celebre artista spagnolo. Malaga, la sua città natale, ospita fieramente il museo a lui dedicato, originato nel Palazzo dei conti di Buenavista e già Museo Provinciale delle Belle Arti, trasformato in quello che oggi è una delle maggiori attrazioni della città. Il Museo Picasso Malaga raccoglie in esposizione permanente oltre 200 opere artistiche derivanti dalle collezioni private degli eredi, che ripercorrono tutte le tappe pittoriche, tra cui anche creazioni di gioventù ed altre firmate verso la fine della sua vita. Accanto all’esposizione permanente il museo ospita varie mostre temporanee, e fino al 16 novembre c’è la possibilità di immaginare quanto l’opera di Picasso sia stata legata anche a quello che si vedeva in tv in quei tempi. Questo è il filo conduttore della mostra intitolata Picasso Tv che con incisioni, pitture ad olio e litografie insieme a fotogrammi, frammenti di film, serie tv e registrazioni in bianco e nero mette in luce come la televisione francese tra il 1966 e il 1970 abbia esercitato un’enorme influenza sulle ispirazioni dell’artista, dovuta anche al linguaggio televisivo caratterizzato dalla rapidità, del processo narrativo delle scene e di una grande quantità di immagini di ogni tipo.

Leggi anche: PICASSO E LA MODERNITA’ SPAGNOLA

Altre tappe importanti da non perdere durante una visita a Malaga, magari continuando una passeggiata durante la mattina usciti dal Museo Picasso, sono il teatro romano, la fortezza araba di Alcazaba e il Castello di Gibralfaro nelle vicinanze, e non lontano l’arena della corrida. La fortezza è il principale punto di riferimento geografico della città e costituisce uno dei musei militari dei mori più grandi della Spagna: divertente è perdersi attraverso il labirinto di entrate e meandri, porte fortificate decorate con colonne e capitelli romane, giardini arabi, lungo la muraglia alla cui sommità si gode una magnifica vista.

Continuando nel pomeriggio a girare per il Centro Antiguo, dove ovunque si volga lo sguardo affiorano ricordi del ricco patrimonio cittadino, sosta d’obbligo è alla Cattedrale in calcare bianco che si presenta con una sovrapposizione di elementi neogotici, tardo-gotici, neoclassici e barocchi. Per la sera si può pensare di andare verso la zona del porto, dove la vita notturna è piuttosto intensa e dove non mancano ristoranti, locali e terrazze soprattutto sull lungomare in zona del Palo.

Leggi anche: GRANDE FESTA D’ESTATA A MALAGA

Sulla spiaggia del Pedragalejo si può mangiare in uno dei ristoranti che propongono la cucina tipica Andalusa, come ad esempio il Mar De Pedregalejo (Paseo Marittimo El Pedregal 42; www.restaurantemardepedregalejo.com) dove a far da padroni sono i piatti a base di pesce appena pescato. Se il giorno successivo ci si vuole dedicare al relax, allora c’è l’imbarazzo della scelta tra le tante e bellissime spiagge che offre la Costa del Sol; in alternativa ci si può immergere nella natura del Parco Naturale dei Montes de Malaga, situato a 5 chilometri dalla città, che offre tutto l’anno l’opportunità di svolgere varie attività tra sentieri, zone ricreative, spazi espositivi e zone ristoro.

In posizione centrale, a poca distanza dalla Cattedrale, dalle principali vie dello shopping e dalle maggiori attrazioni turistiche si trova il Don Curro Hotel (Sancha de Lara 7; www.hoteldoncurro.com), dispone di camere spaziose e servizio parcheggio.

*****AVVISO AI LETTORI****** 
Segui le news di Turismo.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)  
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Spagna
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati