Cerca nel sito
Argentina viaggi informazioni utili

Argentina da scoprire, le cose da fare in 20 mosse

Molto più che bistecche e gauchos,  un viaggio con mille sorprese

Cascate di Iguazù
©iStockphoto
Iguazù, cascate dal lato dell'Argentina
1) GHIACCIAIO DEL PERITO MORENO
E’ uno dei più accessibili ed emozionanti ghiacciai al mondo da visitare. Sembra di toccarlo quando ci si trova sulle piattaforme di osservazione mentre questo enorme ghiacciaio avanzante geme e scoppietta, con i suoi grossi pezzi di ghiaccio che si staccano ad intermittenza e si tuffano nelle acque blu lattee sottostanti. Per la massima esperienza ravvicinata e personale, si può fare trekking con i ramponi sul ghiaccio.

2) CASCATE DI IGUAZU
Le cascate che separano l'Argentina dal Brasile e dal Paraguay, costituiscono il valico di frontiera più spettacolare al mondo. È possibile visualizzare il sistema a cascata più grande del mondo da tutti e tre i paesi, tuttavia, l'esperienza del manto erboso argentino è sicuramente la più selvaggia e più piovosa. Qui si può camminare su piattaforme di legno per la Garganta del Diablo, la "gola del diavolo", e sbirciare in questa enorme cascata, che sembra davvero una doccia all'aperto. Ma anche prendere parte ad uno dei giri in motoscafo, per una prospettiva molto più umida in fondo alle cascate.

Leggi anche: Iguazù Falls, la potenza dell'acqua tra Brasile e Argentina

3) GUARDARE UNA PARTITA DI CALCIO
Storica è la rivalità tra  le due squadre di Buenos Aires: La Boca e River Plate. Vedere una partita di calcio è quasi doveroso, ma riuscire a farlo nel parco del santuario di La Bombonera, lo stadio nel quartiere calcistico di La Boca, vuol dire fare un’esperienza da vero argentino.

4) DEGUSTARE I VINI  LOCALI
Essendo uno dei più grandi paesi produttori di vino del mondo, l'Argentina ospita oltre 800 aziende vinicole. Visitare le cantine per degustare il vino locale è uno dei modi più rilassanti per godere della cultura e dell'ospitalità argentina. Il posto migliore per farlo è nel cuore del paese del vino argentino, ovvero Mendoza. Non lontano dal centro della città, è possibile raggiungere Maipu, Lujan de Cuyo e la valle Uco per esplorare il passato, il presente e il futuro del vino argentino.

Leggi anche: Argentina, ecco perchè andare alla scoperta dei vigneti

5) AVVISTARE LE BALENE NELLA PENISOLA DI VALDES
La Penisola di Valdes offre una delle migliori postazioni per il whale watching: le balene infatti migrano qui da giugno a novembre.

6) BALLARE IL TANGO A SAN TELMO
San Telmo è una delle parti più antiche e affascinanti di Buenos Aires, fiancheggiata da strade acciottolate, negozi di antiquariato e caffè artistici. Ma questo barrio bohémien è anche la patria di numerosi saloni di tango ed uno dei posti migliori per catturare la danza seducente dell'Argentina.

7) ASSAGGIARE LA MIGLIORE CARNE BOVINA DEL MONDO
L’Argentina è nota per avere la migliore carne bovina del mondo. Qui un pasto senza carne raramente è considerato tale, e l’asado argentino, con la carne cotta alla brace, è una tradizione che risale ai gauchos.
 
8) CAVALCARE CON I GAUCHOS
Il gaucho è la risposta dell'Argentina a un cowboy: un cavaliere di cavalli, un lavoratore di bestiame e uno spirito libero. In tutta l'Argentina si trovano i gauchos a cavallo che popolano i terreni agricoli, dalla Pampa piatta alle alte montagne delle Ande fino alle pianure in mezzo. Mettersi in sella con alcuni gauchos è il modo migliore per sperimentare il legame nazionale dell'Argentina con l’equitazione.

9) VEDERE LE MUMMIE NEL M.A.A.M. DI SALTA
Salta è ricca di cultura e storia andina e il Museo Archeologico dell'Alta Montagna (MAAM) offre uno dei migliori approfondimenti sulla civiltà Inca che ha attraversato queste terre secoli fa. La parte più memorabile di ogni visita al museo è vedere le mummie di tre bambini inca che sono stati lasciati in sacrificio sul vulcano Llullaillaco, uno dei vulcani più attivi del mondo. I corpi dei bambini sono stati preservati in uno stato eccezionale per oltre 500 anni. Una delle mummie, una bambina di sei anni, fu colpita da un fulmine mentre si trovava sul vulcano, lasciando una cicatrice giù per metà del viso e della parte superiore del corpo. Raccapricciante quanto affascinante.

10) ARRIVRE ALLA “FINE DEL MONDO”
Uno degli insediamenti più meridionali del mondo, Ushuaia offre l'opportunità di ottenere sul passaporto il timbro ufficiale "fine del mondo”, emesso dall'ufficio del turismo della città . Se vuoi viaggiare ancora di più, sali su una delle barche al porto per navigare nel Canale di Beagle. Ci sono isole di pinguini, estancia solitarie, fari isolati e Capo Horn.

11) CIMITERO DI RECOLETA
Recoleta è stata per secoli uno dei quartieri più esclusivi di Buenos Aires e non c'è testimonianza migliore della ricchezza di questo barrio che i 6.400 magnifici mausolei del cimitero: cono più che semplici lapidi, diverse cripte sono più grandi di appartamenti e si presentano come camere multiple, arricchite da elaborate sculture e cupole sontuose. Famosi residenti nel cimitero includono il pugile argentino Luis Ángel Firpo con la sua statua a grandezza naturale; il settimo presidente argentino Sarmiento; Evita Peron, la cui tomba non è però cosi eclatante.

12) SALIRE SULL’ACONCAGUA
L’Aconcagua è la montagna più alta al di fuori dell'Himalaya ed è una delle grandi Sette Vette. Tecnicamente, è una salita relativamente facile, con centinaia di escursioni giornaliere da fare ai suoi piedi.

13) OSSERVARE I COLORI DELLA QUEBRADA DE HUMAHUACA
La Quebrada de Humahuaca è un'ampia valle situata nella provincia di Jujuy, nell'Argentina nord-occidentale. Patrimonio Unesco, è lunga 95 miglia e presenta tutti i colori dell'arcobaleno con i suoi mutevoli depositi minerali, dal bianco crema e l'oro brunito al rosso fiammeggiante e il viola scuro.

14) I DINOSAURI DELLA PATAGONIA
Alcuni dei più grandi fossili di dinosauro del mondo sono stati scoperti nel sud dell'Argentina, nelle polverose e disabitate terre della Patagonia. I ritrovamenti più importanti si trovano a El Chocón vicino a Neuquén. Il Museo Ernest Bachmann e il Museo Carmen Funes sono tappe da non perdere.

15) IL PARCO DELLE ZONE UMIDE
Il Parque Nacional Iberá è un nuovo parco nazionale argentino che presenta alcune delle più diverse specie di flora e fauna del paese, oltre a un entusiasmante programma di reintroduzione per giaguari, tapiri e l'ara verde. Sia che esploriate questa riserva di acqua dolce a cavallo, in motoscafo o in canoa, assicuratevi di guadare nelle zone umide dal bordo dell'acqua dove galleggiano i caimani, bagnano i capibari e più di 350 specie di uccelli cinguettano.

16) WEEKEND IN URUGUAY
L'Uruguay è considerato la Svizzera del Sud America. Un paradiso per la democrazia, il liberalismo e il consumo legale di cannabis, è una destinazione popolare in Argentina per i fine settimana. Spiagge, bar e ita notturna attraggono molti visitatori, tanto che la località di Punta del Est si gonfia del 200% quando gli argentini e altri turisti latinoamericani si stabiliscono sulla sabbia bianca. 

17) LA STRADA DEI SETTE LAGHI
La rotta dei sette laghi dell'Argentina è una delle più belle destinazioni del continente: acque blu scintillanti, foreste lussureggianti e vulcani innevati rendono perfetto ogni angolo. Sono 107 chilometri, di 50 non asfaltati, attraverso i parchi nazionali Lanin e Nahuel Huapi.

18) OSSERVAZIONE DEI PINGUINI
Rispetto al condor, alla balena o al guanaco, il pinguino non è il più maestoso delle creature argentine. Tuttavia, è uno dei più ricercati. I posti migliori per passeggiare con un pinguino in Argentina sono Martillo Island e Punta Tombo.

19) GUARDARE UNA PARTITA DI PATO
Il pato è lo sport nazionale argentino, la versione gaucho del polo, più impegantiva dal punto di vista fisico. Si svolge tra due squadre composte da quattro giocatori a cavallo impegnati su un campo di 200x80 metri, sulle cui estremità è posto un canestro. L'obbiettivo del gioco è totalizzare più canestri possibile. 

20) IL MONTE FITZ ROY
Le montagne della Patagonia non sono le più alte in Argentina, ma sono certamente tra le più spettacolari e il Mount Fitz Roy ne è il più iconico. La vetta è circondata da campi di ghiaccio e laghi glaciali. Nel dialetto nativo, questo picco è chiamato Chaltén, che significa montagna fumante, poiché i famigerati venti della Patagonia sferzano una frenesia bianca di ghiaccio che rende il cielo circostante come se fosse appannato a quasi tutte le ore del giorno.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per territorio
Seguici su:
Natale
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati