Cerca nel sito
Alberghi Diffusi Umbria Torre della Botonta Castel Ritaldi

Torre della Botonta: in Umbria come nel Medioevo (con i confort di oggi)

L'albergo diffuso domina dalla collina di Scigliano sul territorio che fu teatro di storia dai Comuni ai Feudi

albergo diffuso Castel Ritaldi, Umbria
torredellabotonta.com
Torre della Botonta
Sul tratto di campagna della Valle Umbra non lontana da Trevi, e situato lungo la stada che collega Montefalco a Spoleto, Castel Ritaldi è un borgo da favola adagiato in cima alla collina di Scigliano, ai piedi dei Monti Martani. Da qui domina un territorio in gran parte agricolo con boschi e suggestivi declivi collinari tappezzati da uliveti e vigneti e attraversati da una rete di stradine percorribili a piedi, a cavallo o in bicicletta.
 
Leggi anche: I CASTELLI PIU’ BELLI DEL MONDO (Stile.it)
 
Fino al '700 Castel Ritaldi e il suo territorio gravitavano nell’orbita dell’egemonia spoletina. Risale a questo periodo l’impulso alla coltivazione dell’olivo. Nel 1816 raggiunge una propria autonomia in virtù dei provvedimenti amministrativi voluti da Pio VII, Colle del Marchese è integrato e Castel San Giovanni viene “appodiato” fino all’annessione al Regno d’Italia. Nel 1929 il Comune assume l’attuale configurazione territoriale.
 
Torre della Botonta costituisce parte di Castel S. Giovanni, borgo medievale del sec. XIV. Qui storia e natura, cultura del vino e del buon cibo, si fondono al design contemporaneo e ad antichi mobili lasciati a suggerire il lungo lavoro del tempo. Il complesso si sviluppa all’interno delle mura castellane ed è costituito principalmente da tre edifici messi in comunicazione da una piazzetta. L’Albergo Diffuso Torre della Botonta, si compone di otto stanze, dedicate alle fibre naturali: Canapa, Seta, Lino, Juta, Cotone, Cashmere. Nelle stanze sono disponibili libri illustrati sul territorio.
 
 
Il significato dell’antico termine Botonta è “luogo di confine”. Il castello, fortezza Albornoziana del sec. XIV, trovandosi a confine tra Trevi e Spoleto è stato al centro di numerose guerre. L’albergo possiede ancora la forma e la bellezza originali degli edifici antichi sui quali si sviluppa: la vecchia banca, l’antico comune, il forno pubblico, la Torre di Guardia, le mura di cinta. Torre della Botonta nasce nel 2010 con lo scopo di riqualificare gli edifici antichi di Castel San Giovanni e farli rivivere, insieme al suo territorio, adottando il modello di accoglienza turistica dell’Albergo Diffuso.
 
Gli ospiti saranno coccolati dalle prelibatezze dei piatti tipici umbri presso il ristorante Osteria della Torre. La struttura nasce negli anni 60 come sala da ballo “Casina della Torre” dove si esibivano personaggi come Nicola di Bari, Gimmy Fontana e Claudio Villa. Dal 1969 parte la ristorazione come “Ristorante Grotta della Torre” sino ai giorni nostri dove dagli inizi del 2016 prende la denominazione di “Osteria della Torre” con sala banchetti, ricevimenti  e sala osteria. La cucina vanta piatti rinomati rivisitati tramite l’abbinamento con prodotti tipici e materie prime come la chianina Igp, il prosciutto di Norcia, il tartufo, pasta e pane fatti in casa. L’abbinamento dei vini predilige tipicità locali quali il Rosso di Montefalco e il Trebbiano Spoletino.
 
 
La colazione viene consumata presso Il Rivellino, una suggestiva struttura fortificata di collegamento tra i due bastioni delle torri; perfettamente conservato, offre un connubbio tra singole linee architettoniche marcate da ricorsi in pietra (a faccie e vista) e la suggestione di uno spazio unico, che consente in un’atmosfera confortevole ed intima di gustare una ricca e genuina colazione all’italiana. A richiesta, prenotando un tavolo, il Rivellino si trasforma in un suggestivo spazio destinato a una cena dal sapore tradizionale umbro.
 
torredellabotonta.com
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati