Cerca nel sito
marche natura mare trekking itinerari nturalistici

Monte San Bartolo, magnifiche falesie sul litorale marchigiano

Tra strapiombi e spiagge di ciottoli il Parco sfoggia scenari affascinanti ed insoliti per la costa adriatica

parco monte san bartolo
Courtesy of ©Luca Manieri/Parks.it
Parco Monte San Bartolo
Imponenti falesie a strapiombo sul mare, spiagge di ciottoli che si snodano alla loro base, un susseguirsi di scenari dalla natura rigogliosa che offrono rifugio a tantissime creature differenti, borghi pieni di storia e lunghi sentieri che si insinuano tra piante lussureggianti e testimonianze di epoche lontane. Il Parco Naturale del San Bartolo è una fonte inesauribile di sorprese e di paesaggi magnifici e sorprendentemente insoliti per la zona in cui si trovano. L'area protetta, infatti, che prende il nome dal suo rilievo montuoso più elevato, comprende il tratto di costa marchigiana che da Soria si estende sino a Gabicce Mare rappresentando, assieme alla vicina riviera del Conero, l'unico tratto di costa "alta" del versante adriatico tra Trieste e il Gargano. E' raro in questa zona del nostro Paese, caratterizzata da lunghi litorali sabbiosi, imbattersi in un affascinante susseguirsi di speroni rocciosi, vallicole che digradano fino al mare e pareti strapiombo. Pertanto l'esplorazione degli scenari del Parco si rivelerà un'esperienza davvero affascinante e ricca di sorprese.

Queste scenografiche falesie che interrompono la morbida costa adriatica lungo il litorale marchigiano sono un vero e proprio concentrato di rilevanti aspetti geologici con pesci fossili e rari cristalli di gesso in forma di lente o fibrosi come la sericolite. La spiaggia che si snoda ai loro piedi sfoggia un suggestivo tappeto di ghiaie e ciottoli accumulatisi a seguito dei franamenti e delle demolizioni delle pareti sovrastanti e tra i quali spicca il giallo dorato dei cosiddetti "cogoli", ciottoli di forma tondeggiante formatisi per aggregazione delle sabbie ed utilizzati in passato per realizzare le pavimentazioni delle strade di città costiere e centri storici della zona, come quello di Pesaro.

Altrettanto affascinante la vegetazione che ricopre i rilievi che si innalzano dalle acque. Nelle zone più interne si estendono boschi boschi misti a quercia e carpino nero, mentre sulle falesie e sui colli rivolti verso il mare si possono ammirare specie rare ed affascinanti come il lino marittimo, la carota delle scogliere, il giunco, la ginestra odorosa, che regala magnifiche fioriture primaverili color giallo dorato, e lunghe distese di cannuccia di Plinio che si spingono fino alla riva.

Una tale ricchezza floristica e vegetazionale non può che favorire lo sviluppo di una fauna altrettanto variegata, specialmente dal punto di vista delle specie avicole. E' magnifico, ad esempio, in inverno, poter ammirare gli innumerevoli uccelli marini che scelgono la zona del Parco per svernare, tra cui gabbiani poco comuni come la gavina, il gabbiano corallino, il gabbiano tridattilo o lo zafferano, ma anche cormorani, lo smergo minore, lo svasso maggiore e lo svasso piccolo, la berta minore, la strolaga mezzana o l'edredone. A primavera, invece, durante le migrazioni, è possibile osservare un notevole passo di rapaci come albanelle, falchi di palude, falchi pecchiaioli, poiane, lodolai e i rari falchi pescatori, ma anche aironi e cicogne sia bianche che nere. I più fortunati potranno persino assistere all'affascinante arrivo delle farfalle migratrici come le Vanesse che, dal mare, giungono sulla costa.

Per ammirare tutto questo e scoprire scorci e panorami mozzafiato, località affascinanti e numerosi siti di rilevante interesse storico, archeologico ed architettonico, vale la pena concedersi piacevoli trekking lungo i 5 sentieri storici del Parco: la Bocca del Lupo, la Strada della Marina, il Sentiero Vincolungo, il Sentiero Vallugola e il Sentiero delle Chiese.

Leggi anche:
Alle pendici del Conero
Ciauscolo, lo "spalmabile" più tipico delle Marche
Ancona: l'antico lonzino più "fico" che c'è



Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100