Cerca nel sito
villa arese borromeo lombardia natura giardini itinerari

Lombardia, la natura barocca di Villa Arese Borromeo

Alla scoperta degli eleganti giardini e del parco della bella villa alle porte di Monza

palazzo arese borromeo monza
Courtesy of GabryJay/Wikimedia Commons CC BY SA 3.0
Palazzo Arese Borromeo
Un'antica dimora con un vasto parco adornato di siepi di bosso, aiuole, affascinanti architetture e interessanti prospettive, sono il luogo ideale per trascorrere una piacevole giornata di primavera all'aria aperta a contatto con la natura e l'arte. Chi avrà la possibilità di concedersi una giornata alle porte di Monza, a Cesano Maderno, potrà godere delle bellezze di un luogo come questo, in cui la storia di una villa antica, quella di Arese Borromeo, si fonde con le bellezze di un paesaggio reso ancor più incantevole dai giardini formali attraverso i quali l'uomo ha plasmato la natura creando uno scenario dal fascino unico. Il parco, nato assieme al palazzo nel corso del XVIII secolo, venne modificato e ampliato per volere di Renato e Carlo Borromeo e si presentava come un ampio spazio formale solcato da due viali che arrivavano al serraglio e al roccolo che sorgeva sulle prime propaggini delle Groane.
Ciò che rende così speciale questa villa è la totale armonia con cui la palazzina tardo barocca si fonde con il paesaggio affacciandosi sulla grande piazza a esedra e contemplando, con la sua caratteristica loggia alla “genovese” l'ampio giardino formale, fatto di romantiche siepi di bosso che incorniciano le aiuole a parterre, evidenziando la prospettiva centrale e lo schematismo compositivo dell'insieme architettonico e paesaggistico.

Oggi il giardino si estende su una superficie di ben 100.000 metri quadrati e si mostra ai visitatori così come è stato sistemato e restaurato negli ultimi decenni mantenendo, comunque, inalterate le atmosfere barocche conferite dalle caratteristiche architetture che lo adornano. Prime su tutte le sculture in arenaria di soggetto mitologico o allegorico. Lungo il percorso si potranno ammirare la splendida Voliera e il Tempietto del Fauno con la sottostante ghiacciaia, così come i bellissimo Ninfeo ricavato dall'ala settentrionale della residenza, un luogo destinato alla contemplazione che rappresenta, di fatto, l'elemento di raccordo tra la dimora e gli scenari in cui è incastonata.

Il cannocchiale prospettico è sottolineato dal viale di carpini che culmina con la grande piazza a esedra adornata con la grande fontana a gradoni, un tempo alimentata dalla Roggia Borromeo. L'acqua veniva incanalata dalla Valsorda direttamente ai giochi d'acqua del giardino. Al di là dell'impianto formale si estende, infine, il “lago ovale” dal quale prende il via la visita del giardino all'inglese che custodisce un migliaio di interessanti specie arboree tra le quali si annoverano numerose piante secolari.

Leggi anche:
Lombardia: 5 itinerari nella natura dei parchi più belli
Lombardia nel piatto: 5 tour a caccia di ricette speciali

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100