Cerca nel sito
lombardia natura trekking itinerari

Lombardia, alla scoperta della Riserva Boschetto della Cascina Campagna

In prossimità del fiume Oglio si estende uno degli ultimi lembi di querce-carpineto

riserva regionale boschetto della cascina campagna
Courtesy of ©Vezzoli/Parks.it
Riserva Regionale Boschetto della Cascina Campagna
Laddove il fiume Olio esce dal lago d'Iseo percorre, nel suo tratto bergamasco, rive scoscese e boscose per poi proseguire a valle attraversando le pianure cremasca e mantovana in un susseguirsi di terreni agricoli. E' proprio in questa area che si estende il Parco dell'Oglio Nord scoprendo paesaggi sempre diversi e pieni di fascino, ora ricoperti di boschi ora punteggiati di placidi corsi d'acqua. Lungo il percorso il fiume rivela interessanti boschi di ripa di elevato interesse naturalistico e numerose specie acquatiche di grande fascino. A rendere ancora più suggestivo ed intrigante il paesaggio, i centri abitati ricompresi nel territorio del Parco regalano preziosi tesori storici ed architettonici, tra cui il Castello di Punenengo, con il suo cortile quadrangolare e le torri e le vestigia di quelli di Paratico e Roccafranca. E' in questa magnifica cornice che la Riserva Regionale Boschetto della Cascina Campagna regala scenari dal fascino estremo e di elevato pregio botanico.

La Riserva si estende sulla destra del fiume Oglio dal quale dista circa mezzo chilometro. Il modo più comodo per raggiungerla è percorrendo la strada di servizio della Cascina Campagna. La sua superficie misura circa 1,5 ettari ed è adagiata in una zona di transizione tra l'alta pianura asciutta e la bassa pianura irrigua bordata sul lato occidentale dal Cavo Molinara. Dal fontanile denominato Fontana Vecchia, che rappresenta un elemento di elevato interesse storico culturale oltre che geomorfologico, nasce, invece, il Cavo Molinaro. Ma ciò che rende questo luogo così affascinante e suggestivo è la sua ricca vegetazione con particolare riferimento al boschetto caratterizzato dalla presenza di ultimi lembi di querco-carpineto, tipica formazione forestale un tempo largamente diffusa lungo la Pianura Padana.

La composizione è quella del bosco ceduo misto con dominanza, nello strato arboreo, di Quercus robur e Carpinus betulus. Lo strato arbustivo annovera, invece, Corylus avellana, Crataegus monogyna, Acer campestre, Cornus sanguinea, Carpinus betulus, Viburnum lantana, Prunus avium, Prunus spinosa, Euonymus europaeus, Rubus sp. pl., Ulmus minor, Robinia pseudoacacia, Sambucus nigra, Frangula alnus, Amorpha fruticosa, Quercus pubescens, Fraxinus ornus, Clematis recta, Ruscus aculeatus. Altrettanto affascinante, dal punto di vista botanico, le zone che interessano la scarpata e che gravitano attorno ai due cavi Molinara e Molinaro che comprende oltre 110 specie rilevate nella Riserva.

Leggi anche:
Lombardia: 5 itinerari nella natura dei parchi più belli
Lombardia nel piatto: 5 tour a caccia di ricette speciali

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100