Cerca nel sito
monti simbruini natale eventi iniziative natura itinerari escursioni

Aria di Festa sui Monti Simbruini

Iniziative ed eventi per trascorrere le Festività all'insegna della natura, delle tradizioni e della famiglia

monti simbruini montagna inverno natura neve
Courtesy of ©PR Monti Simbruini/Parks.it
Monte Viglio
Il nome stesso del Parco Regionale dei Monti Simbruini, che deriva dal Latino “sub imbribus” (“sotto le piogge”), offre un prezioso suggerimento sulla natura di questi territori appenninici alle porte di Roma, caratterizzati dall'abbondante presenza di acque sorgive che si alternano ad affascinanti pianori carsici, vaste faggete, cime che superano i 2.000 metri di altitudine e affascinanti località che custodiscono preziose testimonianze, talvolta anche di origine millenaria. Il Parco è magnifico in ogni stagione, ma nel periodo delle Feste si ammanta di magia grazie anche alle numerose proposte per vivere queste giornate di allegria a contatto con la natura. Ecco le proposte più interessanti.

1. LA MAGIA DEL NATALE 2016
Il Natale non passa certo inosservato nel Comune di Filettino. Fino al 7 gennaio, infatti, gli eventi dell'iniziativa La Magia del Natale 2016 accompagneranno i festeggiamenti del Capodanno e dell'Epifania con interessanti proposte per tutta la famiglia, che spaziano dalla fiaccolata sulla neve in programma il 29 dicembre, ad un gustoso evento gastronomico attorno al fuoco il giorno successivo. La notte di San Silvestro si festeggia, invece, in Piazza Caraffa dove si darà il benvenuto al nuovo anno in un'atmosfera vivace e gioiosa. Ma non è finita, perchè il 3 gennaio si canterà tutti assieme intorno al fuoco con dell'inebriante vin brulè in attesa dell'arrivo della Befana alla quale è stata dedicata una celebrazione di ben due giorni il 5 ed il 6 gennaio. E visto che, si sa, l'Epifania si porta via tutte le Feste, il 7 gennaio le si potrà salutare con una divertente serata a sorpresa.

2. UN PRESEPE SUL FIUME
Per chi non avesse avuto l'opportunità di assistere all'inaugurazione con la posa da parte di una squadra di subacquei accompagnata dalla processione dei ciclisti, dei camminatori e dei corridori che trasportavano la statua di Gesù Bambino, c'è ancora tempo fino al 15 gennaio per visitare il bel Presepe sul Fiume di Trevi nel Lazio. Allestita in località Ponte Alani, la Natività emerge dalle acque del fiume Aniene che attraversa i monti da Frosinone a Trevi, creando un colpo d'occhio a forte impatto emotivo oltre che paesaggistico.

3. NATALE A JENNE
Anche a Jenne il Natale dura fino al 15 gennaio. Nel pittoresco borgo medievale si possono ammirare ben due differenti rappresentazioni della Natività. Il presepe storico, allestito per le vie della città con personaggi ed ambienti a grandezza naturale, oltre a far rivivere il momento della nascita di Gesù Bambino, rievoca passato di Jenne alla scoperta dell'antica vita contadina, grazie all'inserimento nelle diverse scene di autentici oggetti della tradizione rurale via via recuperati, restaurati, esposti e conservati. Il 6 gennaio, invece, si potrà assistere alla suggestiva rappresentazione del presepe vivente con circa 50 figuranti. Ancor più di quello storico, i cui personaggi indossano costumi della tradizione mediorientale, il presepe vivente di Jenne permette di avvicinarsi al folklore ed alla cultura del borgo, presentando personaggi tipici della tradizione presepiale italiana abbigliati con i costumi tipici del paese ed oggetti, attrezzi ed utensili appartenenti a mestieri del passato ormai abbandonati.

4. POLENTA E VIN BRULE'
A Cervara di Roma la festa continua anche dopo l'Epifania. Domenica 8 gennaio dalle 12.30 alle 17.00, a conclusione del weekend lungo della Befana, si potrà prendere parte ad un gustoso pranzo a base di polenta con sugo, salsicce e spuntature, acqua e vino, vin brulè e dolci secchi, per poi concludere la giornata con la divertente Simbrutombola.

5. FESTA DI SANT'ANTONIO ABATE
Non è propriamente vero che l'Epifania si porta via tutte le feste. Il 15 gennaio, infatti, a Jenne si potrà prendere parte alle suggestive celebrazioni dedicate a Sant'Antonio Abate che, con la benedizione degli animali, concludono le manifestazioni del periodo natalizio. Si tratta di una festa che affonda le proprie radici nella cultura contadina ed è ancora oggi particolarmente sentita. Si comincia alle 9,30 del mattino con la degustazione della “Fava ammollo”, per poi proseguire dapprima con la tradizionale messa per la benedizione degli animali, e poi con la gustosa sagra della Polenta e del Fallone (una pizza a base di farina di granturco e acqua cotta sotto al fuoco e generalmente farcita con la verdura), e con una demo-trasformazione del latte in giuncata. Le celebrazioni terminano con la messa presso la chiesa di Sant'Andrea Apostolo.

Leggi anche:
Lazio: l'ulivo più grande d'Europa
Lazio: metti le fave con il pecorino
Lazio: la "Bazzoffia" delle Colline Pontine

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100