Cerca nel sito
Italia Oli Dop Veneto Valpolicella

Veneto, l'olio dei legionari romani

VIE DELL'OLIO - La Valpolicella è la zona collinare a ridosso di Verona, famosa per il suo prodotto dop rinomato già in tempi antichissimi e prezioso condimento per pietanze tipiche della cucina mediterranea.

Verona, Castello Soave
©Shutterstock
LE VIE DELL’OLIO SU TURISMO.IT

Gli oli del Veneto sono sempre di alta qualità: questo si deve al clima e alla composizione dei terreni di coltura, che in genere risultano essere molto calcarei, tendenzialmente alcalini e ricchi di potassio e fosforo. L’uso degli antiparassitari è ridotto al minimo, in modo che l’olio possa mantenere un ricco spettro di proprietà organolettiche: è il caso del Valpolicella Dop.

LA TRADIZIONE. Furono i coloni romani ad introdurre la coltivazione dell’olivo in Veneto: era infatti loro usanza assegnare ai soldati parte dei nuovi territori conquistati affinché venissero coltivati. L’olivicoltura nella regione ha alternato periodi di forte sviluppo ed espansione a momenti di crisi e di regresso dovuti a motivi economici e climatici. La tipicità del Valpolicella è ribadita in documenti che risalgono al 1500, ma bisogna aspettare dopo la Prima Guerra Mondiale per assistere ad una vera  e propria ripresa della produzione, anche grazie al sostegno economico degli enti locali.

LA DENOMINAZIONE. Dop dal 2001, il Valpolicella prende il nome dalla zona collinare che precede le Alpi Veronesi del Veneto, dove viene prodotto.

LE CARATTERISTICHE. La caratteristica principale del Valpolicella è la tradizionale spremitura a freddo di frutti sani, selezionati e raccolti a mano con l'utilizzo di pettini o rastrelli direttamente dalla pianta. Dalla raccolta alla molitura passano solo poche ore e la molitura avviene con sistemi di estrazione tradizionali, a presse o continuo, che non modificano la qualità organolettica delle olive raccolte. Dal colore giallo con lieve tonalità di verde per gli oli freschi, presenta un profumo con piacevoli sensazioni olfattive, equilibrate ed eleganti, con note fruttate e fragranti; il sapore è dolce e delicato, con un leggero sentore di agrumi e retrogusto muschiato, apprezzato soprattutto dagli intenditori. Si ottiene con le seguenti varietà di olive presenti, da sole o congiuntamente, negli oliveti: Grignano o Favaro per almeno il 50%; Leccino, Casaliva o Frantoio, Maurino, Pendolino, Leccio del Corno, Trep o Drop in misura non superiore al 50%. Possono, però, concorrere altre varietà sperimentali presenti negli oliveti in misura non superiore al 10%.

IL TERRITORIO. La zona di produzione riguarda la provincia di Verona e comprende l’intero territorio amministrativo di Brentino Belluno, Dolcè, S. Ambrogio di Valpolicella, Fumane, S. Pietro in Cariano, S. Anna d’Alfaedo, Marano di Valpolicella, Negrar, Cerro Veronese, Grezzana, Verona, S. Martino Buonalbergo, S. Mauro di Saline, Mezzane di Sotto, Lavagno, Badia Calavena, Tregnago, Illasi, Colognola ai Colli, Caldiero, Cazzano di Tramigna, Soave, Vestenanova, S. Giovanni Ilarione, Montecchia di Crosara, Roncà, Monteforte d’Alpone, S. Bonifacio.

LA PRODUZIONE. La produzione del Valpolicella è di circa kg 7000/Ha, che in annate eccezionali aumenta del 20%. Si può acquistare direttamente in agriturismi, consorzi e frantoi che lo producono.

LA CULTURA. Verona è una delle città più romantiche d’Italia, famosa non solo per le atmosfere alla Romeo e Giulietta che si respirano passeggiando per il centro e affacciandosi dal celebre balcone, ma anche grazie agli altri numerosi punti di interesse come l’Arena, le piazze e i palazzi antichi.

LA CUCINA
. Le caratteristiche organolettiche del Valpolicella Dop vengono apprezzate a pieno sia nel consumo freddo, a crudo, sia nel caso di uso a caldo, grazie a un'elevata resistenza alle alte temperature, qualità che consente il mantenimento dei sapori in tutte le forme di cottura. Si abbina a pietanze tipiche della cucina mediterranea e a crudo su arrosti, carni alla griglia e verdure. Si sposa bene abbinato a legumi, ortaggi bolliti e grigliate di pesce e con tutti i vini locali.

VALPOLICELLA E DINTORNI: LE FOTO


ALTRA DOP IN VENETO: GARDA

Leggi anche:
Lucca al pinzimonio
Saperne di più su LE VIE DELL'OLIO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100